Martedì 31 Marzo 2020 | 08:48

NEWS DALLA SEZIONE

la decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
Il caso
Tremiti, stop collegamenti Tirrenia: commissari sequestrano conti

Tremiti, stop collegamenti Tirrenia: commissari sequestrano conti. Il sindaco: qui si ferma la vita

 
Il fatto
Foggia, incendio Borgo Mezzanone. La denuncia: «Vigili del fuoco aggrediti»

Foggia, incendio Borgo Mezzanone. La denuncia: «Vigili del fuoco aggrediti»

 
La denuncia
Poliziotti penitenziari picchiati in carcere a Foggia e Trani: «Siamo abbandonati»

Poliziotti penitenziari picchiati in carcere a Foggia e Trani: «Siamo abbandonati»

 
pene inasprite
Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

 
cultura
Le Isole Tremiti in tv su «National Geographic»

Le Isole Tremiti in tv su «National Geographic»

 
Nel Foggiano
Fiamme in baracca migranti a Borgo Mezzanone nella notte

Incendio nella notte a Borgo Mezzanone, almeno 30 baracche distrutte

 
emergenza coronavirus
Cerignola, raffiche di controlli e 300 denunciati per violazione obblighi anti-contagio

Cerignola, raffiche di controlli e 300 denunce per violazione obblighi anti-contagio

 
l'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
le dichiarazioni
Confindustria Foggia lancia allarme: «Tutto fermo, imprese al collasso»

Confindustria Foggia lancia allarme: «Tutto fermo, imprese al collasso»

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl virus
Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagi

Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagiati 

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

 
BrindisiIl focolaio
Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi»

Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi». 25 contagi anche a Noicattaro

 
PotenzaLieto fine
Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

 
Homeemergenza coronavirus
Soleto, focolaio contagio in casa di riposo: altri 2 anziani morti

Soleto, focolaio in casa di riposo: altri 2 anziani contagiati morti

 
Materaspeculazione
Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

 
Foggiala decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 

i più letti

nel Foggiano

Lucera, bomba esplode davanti a negozio per bambini non ancora inaugurato: indagano i cc

Un attentato dinamitardo ha danneggiato la saracinesca dell'attività

112 carabinieri pronto intervento

foto Maizzi

Una bomba è stata fatta esplodere la notte scorsa davanti alla saracinesca del negozio 'Baby Fashion' di via Porta Foggia a Lucera, nel Foggiano. La deflagrazione ha danneggiato la saracinesca dell’attività commerciale che aprirà al pubblico nei prossimi giorni. L'attentato è stato compiuto poche ore prima dell’inaugurazione della nuova sede della Dia a Foggia che avverrà stamani alla presenza della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese.
Sul luogo dell’attentato dinamitardo sono intervenuti i carabinieri che hanno acquisito le immagini delle telecamere di sicurezza della zona. Il titolare, ascoltato dai militari, non ha fornito utili elementi investigativi.

LAMORGESE: SEDE DIA SEGNALE IMPORTANTISSIMO - Contro la mafia foggiana che cerca nuovi assetti organizzativi e che emulando la 'ndrangheta mostra di avere mire espansionistiche, lo Stato reagisce con forza e apre a Foggia la sede della Direzione investigativa antimafia (Dia) dove vi lavorano da oggi una ventina di uomini. E’ stato il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ad inaugurare il centro che sorge nella caserma Miale. Una visita che è stata salutata con l’ennesimo attentato dinamitardo ai danni di un negozio di abbigliamento pronto per l’inaugurazione a Lucera, ad una ventina di chilometri dal capoluogo dauno.

«Ho parlato con il prefetto di Foggia Raffaele Grassi - spiega il capo del Viminale - e credo che il segnale che abbiamo dato oggi sia importantissimo perché l’apertura di una sezione della Dia in così poco tempo e con un organico già ben definito sia un segnale concreto della presenza Stato». «Tutto questo, in tempi così ravvicinati - aggiunge - non sarebbe stato possibile senza la sinergia che c'è in questo territorio». Un territorio che la mafia vuole sfregiare seminando paura nella popolazione e creando un’area di potere che mira a contaminare anche alcune amministrazioni locali. L’allarme, al riguardo, lo ha lanciato la Dia nell’ultima relazione semestrale al Parlamento. Viene spiegato che «anche in provincia di Foggia si sta consolidando un’area grigia, punto di incontro tra mafiosi, imprenditori, liberi professionisti e apparati della Pubblica amministrazione. Una 'terra di mezzò dove affari leciti e illeciti tendono a incontrarsi, fino a confondersi». Lo scioglimento dei Consigli comunali di Monte Sant'Angelo, Mattinata, Manfredonia e Cerignola sono «indicativi di questa opera di contaminazione».

Sulle infiltrazioni mafiose e sulla lotta ai clan sono al lavoro la Procura di Foggia e la Dda di Bari assieme alla prefettura e alle Forze di Polizia. «Qui abbiamo mandato 91 uomini - dice il ministro -, quindi abbiamo operato in maniera concreta con un numero elevatissimo di forze di polizia. Statisticamente parlando è di molto sceso il numero dei reati verificatesi nell’ultimo periodo». Ma c'è un problema. «Il problema di questo territorio - rileva Lamorgese - sono sempre le denunce che sono troppo poche. Anche su quello lavoreremo: ci sarà un cambio di rotta». E annuncia che il 10 marzo tornerà a Foggia per l’inaugurazione dell’anno accademico «perché ritengo importante la presenza del Ministro dell’Interno che possa parlare ai giovani di legalità in questo territorio. Tutti operiamo per il bene di questo paese e Foggia e i suoi cittadini hanno il diritto di esercitare i propri diritti di libertà».

Al ministro fa eco il presidente della commissione antimafia, Nicola Morra, che esulta per l’inaugurazione del centro Dia: «La volontà dello Stato di combattere le mafie - sostiene - non viene mai meno. Anzi, la risposta è sempre più determinata ed efficace». L’attenzione su Foggia resta dunque alta dopo gli attentati dinamitardi compiuti in città a cominciare da quelli del 3 e del 16 gennaio scorsi. Nel primo caso è stato fatto esplodere un ordigno sotto l’auto di Cristian Vigilante, nell’altro è stata fatta deflagrare una bomba davanti ad un centro diurno per anziani gestito da Luca. I due fratelli, testimoni in un processo contro una banda di estorsori che essi stessi hanno denunciato, sono sottoposti a misure di protezione personale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie