Domenica 19 Maggio 2019 | 08:49

NEWS DALLA SEZIONE

Nel foggiano
Cagnano Varano, cc ferito dimesso: «Tornerò a lavorare in ricordo collega ucciso»

Cagnano Varano, dimesso collega carabiniere ucciso: «Tornerò a lavorare»

 
In autostrada
Foggia, polstrada sequestra 200 ricci nascosti in auto: denunciato conducente, senza patente

Foggia, 200 ricci nascosti in auto: polizia li sequestra, una denuncia

 
L'episodio
Lucera, incendio distrugge auto di carabiniere

Lucera, incendio distrugge auto di carabiniere

 
Malasanità
Foggia, morì di peritonite a 54 anni, ospedale sotto accusa

Foggia, morì di peritonite a 54 anni, ospedale sotto accusa

 
Magnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 
CONTRATTO SVILUPPO
Foggia, Si svuota il portafoglio del «Cis»

Foggia, si svuota il portafoglio del «Cis»

 
Indaga la polizia
Rapina in villa a Foggia: bottino di 600mila euro tra contanti, assegni e gioielli

Rapina in villa a Foggia: bottino di 600mila euro tra contanti, assegni e gioielli

 
L'opera a s. giovanni rotondo
Giro d'Italia in Puglia, l'installazione artistica per "stop alla plastica"

Giro d'Italia in Puglia: l'arte per dire «stop plastica»

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVL'iniziativa
Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresca dei Maschi

Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresa dei Maschi

 
LecceLa nomina
Lecce, Roberta Altavilla presidente dell'Ordine. «Stop polemiche»

Lecce, Roberta Altavilla presidente dell'Ordine. «Stop polemiche»

 
TarantoLungo i viali
Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

 
FoggiaNel foggiano
Cagnano Varano, cc ferito dimesso: «Tornerò a lavorare in ricordo collega ucciso»

Cagnano Varano, dimesso collega carabiniere ucciso: «Tornerò a lavorare»

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 
HomeLa visita del ministro
Bonisoli a Lecce e a Matera: «Nostro compito è evitare fuga ragazzi dal Sud

Bonisoli a Lecce e a Matera: «Nostro compito è evitare fuga ragazzi dal Sud»

 
HomeMagnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 

i più letti

Sanità

Cerignola, muore a 38 anni in ospedale: i familiari vogliono chiarezza

I parenti della vittima hanno presentato denuncia. La Asl ha avviato un'inchiesta interna

Cerignola, muore a 38 anni in ospedale: i familiari vogliono chiarezza

CERIGNOLA - Una inchiesta penale e una interna sono state avviate dalla Procura di Foggia e dalla Asl dopo la denuncia presentata dai familiari di una donna di 38 anni, Stefania Fede, di Stornara, morta ieri mattina in seguito ad un arresto cardiaco nell’ospedale Tatarella di Cerignola.

La polizia ha sequestrato la cartella clinica della donna mentre la procura avrebbe già nominato un consulente medico legale per l’autopsia.

Annunciando in una nota l’avvio dell’indagine interna, la direzione generale della Asl di Foggia precisa che «la signora è stata seguita in rianimazione, struttura ad alta intensità assistenziale, con diligenza e professionalità».

Nella denuncia presentata dal fratello della donna, si legge che Stefania «il 16 ottobre scorso mentre era nel cortile del suo appartamento ha avuto un malore» è stata quindi soccorsa ad accompagnata in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale di Cerignola. «In base a quanto ci hanno detto i sanitari - racconta il fratello - ha avuto un arresto cardiaco» ed è stata quindi rianimata con una massaggio cardiaco. Secondo i medici Stefania - si ricostruisce nella denuncia - doveva essere trasferita agli Ospedali Riuniti di Foggia perché poteva essere affetta da problemi di natura neurologica. Dopo circa un’ora la donna ha avuto però una nuova crisi, che ha impedito il trasferimento. «I medici - ripercorre il fratello nella denuncia - ci hanno comunicato che era stata indotta al coma farmacologico. Mia sorella è stata in coma farmacologico fino alla mattina del 19 ottobre, quando hanno iniziato a farla svegliare. Ho visto mia sorella attraverso i vetri e altri familiari hanno parlato con lei quella mattina. Sembrava stesse bene. Era vigile, stubata e sembrava che stesse andando tutto bene. Doveva anche essere trasferita presso altro reparto».

Questo fino a ieri mattina quando i medici hanno contattato urgentemente i familiari per comunicare loro il decesso. «Si tratta di un fatto di estrema gravità, per il quale chiediamo alla Procura della Repubblica di fare chiarezza - ha dichiarato il legale della famiglia, l’avvocato Michele Sodrio. La mia cliente non aveva alcuna malattia, né soffriva di alcuna patologia cronica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400