Lunedì 22 Ottobre 2018 | 09:30

NEWS DALLA SEZIONE

Indaga la Polizia
Foggia, grave un ragazzo 18 anni«Pestato da buttafuori discoteca»

Foggia, grave un ragazzo 18 anni «Pestato da buttafuori...

 
A Cerignola
Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

 
Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, catturata banda di rapinatori con la «mazzuo...

 
Sanità
Foggia, stabilizzati 105 precariall'Asl dopo più di 10 anni

Foggia, stabilizzati 105 precari all'Asl dopo più di 10...

 
A Foggia
Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà...

 
Trasporti
Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

 
L'inchiesta
Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa per la pubblica incolumità»

Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa...

 
Quadruplice omicidio nel 2017
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli L...

 
Etichetta obbligatoria
Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

 
Nel Foggiano
Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6 distributori abusivi sequestrati

Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

emergenza sicurezza a foggia

Rissa nella baraccopoli, feriti tre giovani africani

Scoppiata nell’agglomerato che costeggia la pista di Borgo Mezzanone

Rissa nella baraccopoli, feriti tre giovani africani

FOGGIA - Sabato scorso la baraccopoli che costeggia la vecchia pista dell'ex aeroporto militare di Borgo Mezzanone è stata teatro dell'ennesima rissa tra extracomunitari. Il fatto si è saputo solo quando tre dei responsabili si sono presentati, malconci, al vicino Cara chiedendo di poter essere soccorsi, avendo riportato ferite e lesioni varie.

Il personale del Centro di accoglienza, dopo aver prestato le prime cure e aver fatto intervenire il 118, ha allertato i carabinieri di quanto era accaduto, mettendoli quindi nella condizione di poter verificare l'accaduto e le conseguenti responsabilità.

I militari delle compagnie carabinieri di Foggia e Manfredonia, subito intervenuti per gli accertamenti, con non poche difficoltà, anche a causa dell'omertà che regna in quel particolare ambiente, sono comunque riusciti a risalire al coinvolgimento dei tre feriti, nel frattempo fatti trasportare agli Ospedali Riuniti di Foggia, nella lite, probabilmente riconducibile a dissidi legati alle diverse provenienze dei soggetti presenti.

Sono quindi stati identificati con certezza, anche grazie ai riscontri dattiloscopici, i tre indagati, un senegalese di 23 anni ed un ivoriano di 28 anni entrambi in possesso di permessi di soggiorno ormai scaduti, ed un gambiano, sempre di 28 anni, con un permesso di soggiorno ancora in corso di validità, che, dopo le prime cure ricevute dal pronto soccorso, sono stati ricoverati tra i reparti di ortopedia e neurochirurgia, e qui piantonati dai carabinieri in attesa delle verifiche sulla legittimità della loro presenza sul territorio nazionale.

Vista la gravità dell'episodio, infatti, comando provinciale dei carabinieri, questura, Procura della tepubblica e prefettura si sono immediatamente attivate di concerto, nonostante il fine settimana ormai avviato, per dare una risposta a tale violenza che coniugasse l'efficacia con la legittimità e le tempestività.

La concretezza del risultato di tutto questo sinergico lavoro ha poi dovuto attendere solamente le dimissioni dal luogo di cura dei tre corresponsabili. Fermo restando il procedimento penale per rissa aggravata che li vedrà "alla sbarra", su decisione della Procura di Foggia l'ivoriano è stato accompagnato al Cie di Bari, da dove verrà rimpatriato, mentre gli altri due si sono visti notificare un provvedimento di ritorno nei Comuni di Foggia e di Manfredonia.

Le già sottolineate efficacia e celerità così dimostrate dalla "squadra Stato" possono essere non solo motivo di maggiore sicurezza per la popolazione, ma soprattutto un importante monito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400