Martedì 09 Agosto 2022 | 19:37

In Puglia e Basilicata

La rassegna

«Marateale», parata di stelle: c'è anche Helsinki della Casa di Carta

Memoria, bellezza, cultura: al «Marateale» è sfilata di stelle

Memoria, bellezza, cultura: questa la scintilla d’ispirazione del Premio internazionale Basilicata «Marateale» che da oggi e fino al 31 luglio torna a tenere banco nella cittadina lucana

27 Luglio 2022

Carmela Formicola

Dino Risi ci girò A porte chiuse nel 1961. Suo figlio Marco ci è tornato per Tre tocchi, 2014, dedicato all’inedita passione sportiva di Pier Paolo Pasolini. Maratea, piccolo spicchio d’incanto sul Tirreno lucano, può dirsi a ragione capitale del cinema, anche prima che Rocco Papaleo la consegnasse al grande pubblico con Basilicata coast to coast e l’iconico Cristo a far da quinta naturale alla cerimonia nuziale della prima scena. Memoria, bellezza, cultura: questa la scintilla d’ispirazione del Premio internazionale Basilicata «Marateale» che da oggi e fino al 31 luglio torna a tenere banco nella cittadina lucana.

Quattordicesima edizione, una kermesse che comincia a diventare adulta, grazie alla tenacia e all’estro del suo direttore artistico Nicola Timpone. A testimoniarlo, la caratura degli ospiti che si alterneranno nel teatro sul mare dell’hotel Santavenerea. Lino Banfi, Lorella Cuccarini, Luca Guadagnino, Claudio Amendola. E ancora Toni Servillo e Darko Perić (La Casa di Carta), Luisa Ranieri, Teresa Saponangelo, Claudia Gerini. Rocco Papaleo, Giuseppe Zeno e Cesare Cremonini. Attesi al Marateale anche le due star di Bollywood Chadda Richa e Fazal Ali.

Il legame tra la «perla del Tirreno» e il grande cinema, d’altronde, lo rilancia il sindaco Daniele Stoppelli quando ricorda che anche le scene iniziali dell’ultimo 007 No time to die in questo mare trasparente sono state girate.

Quanto ai premiati: l’imprenditore Danilo Iervolino e l’attrice e presentatrice di NBC Emirati Arabi, Sofia Saidi. Premio speciale alla IIF Lucisano Media Group (a ritirarlo Fulvio Lucisano con le figlie Federica e Paola). Altro riconoscimento a Mediaset, in particolare a Mauro Crippa, direttore generale Informazione con la motivazione «perché Mediaset è promotrice di news, intrattenimento e di eventi cinematografici che veicolano profondi valori educativi e sociali». Il premio sarà ritirato da Carlo Gorla, direttore Promozione e Sviluppo Programmi Informazione. Una delle serate sarà invece dedicata interamente a Rai Fiction e vedrà la presenza del direttore Maria Pia Ammirati.

Tre le sezioni del festival: International Green (dedicata ad ambiente e sostenibilità), In Shorts (con opere di giovani registi) e In School (concorso che vede in gara spot realizzati da studenti lucani). Per la prima volta, inoltre, in questa 14esima edizione, ampio spazio verrà dato al progetto Young Blood, in collaborazione con Alice nella Città e la talents factory WE DO powered by DO Cinema, un premio e un percorso dedicato ai giovani attori emergenti che avranno la possibilità di entrare in contatto con il mondo del cinema. Partner principale dell’iniziativa che, per la comunicazione digital si affida quest’anno a Stardust, è Trenitalia.

Tra le proiezioni, aperte al pubblico nell’arena di Piazza del Gesù, anche l’anteprima di Io e mio fratello diretto da Luca Lucini e distribuito da Vision Distribution, con Denise Tantucci e Cristiano Caccamo. Alla presentazione interverrà Laura Mirabella, Chief Marketing Officer.

La madrina del festival è invece l’attrice Catrinel Marlon. Alla conduzione delle serate si alterneranno Carolina Rey, Beppe Convertini, Savino Zaba, Janet De Nardis ed Eva Immediato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725