Venerdì 30 Luglio 2021 | 02:37

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Vaccini in Puglia, sono 4.629.131 le dosi somministrate

Vaccini in Puglia, sono 4.629.131 le dosi somministrate

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 5.696 nuovi casi e 15 morti. Mattarella: «Vaccino? Un dovere. Libertà limitata dal virus, non da Green Pass»

Covid in Italia, 5.696 nuovi casi e 15 morti. Mattarella: «Vaccino? Un dovere. Libertà limitata dal virus, non da Green Pass»

 
L'atterraggio
Covid, sono tornati in Italia gli studenti pugliesi bloccati a Dubai

Covid, sono tornati in Italia gli studenti pugliesi bloccati a Dubai

 
l'appello
Bari, Decaro: «Anche mia figlia 12enne Chiara stamattina si è vaccinata

Bari, Decaro: «Anche mia figlia 12enne Chiara stamattina si è vaccinata»

 
La dichiarazione
Bari, Lopalco: «Circa 30% di copertura vaccinale per adolescenti tra 12 e 18 anni»

Bari, Lopalco: «Circa 30% di copertura vaccinale per adolescenti tra 12 e 18 anni»

 
Il virus
Covid, in Puglia aumentano di nuovo i ricoveri: altri tre finiscono in Intensiva

Covid, in Puglia aumentano di nuovo i ricoveri: altri due finiscono in Intensiva

 
Lotta al virus
Campagna vaccinale in Puglia, 4.562.067 le dosi somministrate

Campagna vaccinale in Puglia, 4.562.067 le dosi somministrate

 
Il bollettino
Basilicata, Covid: 29 positivi su 806 tamponi esaminati

Basilicata, Covid: 29 positivi su 806 tamponi esaminati

 
Bollettino regionale
Puglia, ultimi dati relativi ai contagi

Covid, in Puglia  132 positivi e un decesso

 
Dati aggiornati
Puglia, contagi Covid: 56 casi e tre decessi

Puglia, contagi Covid: 56 casi e tre decessi

 
l'emergenza
Covid, Renzi: serve commissione inchiesta su centrale acquisti

Covid, Renzi: serve commissione inchiesta su centrale acquisti

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraL'allarme
Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

 
FoggiaL'Irccs di San Giovanni Rotondo
Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

 
BrindisiTokyo 2020
Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

 
Batviolenza domestica
Picchia moglie e figlio minorenne disabile, 52enne in carcere

Picchia moglie e figlio minorenne disabile, 52enne in carcere

 
TarantoSicurezza
Migranti, «agenti in servizio in hotspot sono eroi»

Migranti, «agenti in servizio in hotspot sono eroi»

 
Potenzal'emergenza
Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

 
BariFiamme altissime
Gravina, incendio in campi Murgia barese: da 16 ore canadair in azione

Gravina, incendio in campi Murgia barese: da 16 ore canadair in azione - LE FOTO

 
LecceSerie B
Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

 

i più letti

Covid

Puglia, caos AstraZeneca: salta il 50% dei richiami

Emiliano: chi vuole potrà fare seconda dose senza cambiare vaccino

AstraZeneca in Puglia, Nas sequestrano 737 dosi nelle province di Bari e Bat

Bari - C’è chi ha protestato e ha chiesto di ricevere il previsto richiamo con AstraZeneca anche a dispetto delle nuove linee guida. E chi, atteso negli hub vaccinali, non si è proprio presentato. È capitato anche una volta su due, nella giornata di domenica: ed al netto delle decisioni d’impeto (chi ha scelto di andarsene al mare piuttosto che sottoporsi alla somministrazione) potrebbe essere questo l’effetto del caos comunicativo dell’ultima settimana. Ovvero una valanga di rinunce che hanno toccato il 50% delle prenotazioni.

La Puglia ha scelto di applicare fin dall’inizio il diktat del ministero della Salute. Ovvero di effettuare la vaccinazione «eterologa» per chi, sotto i 60 anni, ha fatto la prima dose con AstraZeneca: da sabato agli «under» viene infatti proposto (a 8-10 settimane dalla prima dose) il richiamo con un vaccino a mRna (Moderna o Pfizer). Parliamo, secondo i numeri della Regione, di circa 36mila persone. Poche rispetto alle circa 300mila che attendevano il richiamo, comunque non un numero tale da costringere le Asl a rivedere la scansione temporale. «Il generale Figliuolo - ha detto ieri a Bari il presidente Michele Emiliano - ci ha assicurato che, nonostante il cambio di strategia sulle seconde dosi AstraZeneca, il rifornimento di vaccino Pfizer e Moderna sarà comunque sufficiente anche per fare le seconde dosi così come è stato consigliato dal ministero della Salute».

Proprio in questi giorni, peraltro, la Asl di Bari (che pesa per un terzo di tutte le vaccinazioni pugliesi) aveva programmato la possibilità di anticipare i richiami con AstraZeneca. E - da quello che risulta sentendo i responsabili di diversi hub - le difficoltà sono state tante. C’è stato chi ha accettato di buon grado le nuove indicazioni contenute nel piano vaccinale. Ma c’è stato anche chi, non ancora sessantenne, ha preteso di farsi somministrare la seconda dose con AstraZeneca: ne sono nate lunghissime discussioni, concluse in alcuni casi con la concessione di quanto richiesto (il dato ufficiale dice che domenica in Puglia lo 0,2% dei richiami a persone sotto i 60 anni è stato effettuato con AstraZeneca, in tutto meno di una trentina di casi). Tanto che Emiliano, ieri, ha confermato questa possibilità: «Chi volesse fare la seconda dose sempre con Astrazeneca avrà questa possibilità, fermo restando che l’atto della vaccinazione è l’atto del singolo medico che valuterà caso per caso».
Ieri nel primo giorno di zona bianca (con l’eliminazione del coprifuoco, che però non fa venire meno il distanziamento né l’obbligo di mascherina) la Puglia ha superato quota 2,9 milioni di somministrazioni (2.908.265), ma soprattutto è stata superata quota un milione di pugliesi (un quarto degli abitanti) che ha completato il ciclo di vaccinazione. Resta un po’ di apprensione per la variante indiana dopo il focolaio di Brindisi («È stato strettamente monitorato, speriamo di aver individuato tutti i soggetti contagiati. La variante Delta ci preoccupa molto perché potrebbe essere meno sensibile ai vaccini e quindi potremmo non avere ad ottobre l’effetto favorevole dell’immunità di gregge», ha detto Emiliano). Sono invece 47 i contagi (su 3.405 tamponi) e due i decessi registrati ieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie