Lunedì 21 Giugno 2021 | 06:14

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Magna Grecia Awards: da Aleida a Mirabella, lo spettacolo sul sagrato di S. Nicola

Magna Grecia Awards: da Aleida a Mirabella, lo spettacolo sul sagrato di S. Nicola

 
l'evento
Bari, il violinista salentino Alessandro Quarta ospite della stagione «Fascinosa»

Bari, il violinista salentino Alessandro Quarta ospite della stagione «Fascinosa»

 
La curiosità
Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

 
La novità
Al Bano e Sud Sound System, pronto il tormentone dell'estate

Al Bano e Sud Sound System, pronto il tormentone dell'estate

 
Televisione
«Più forti del destino», ciak a Lecce per la fiction con Sergio Rubini

«Più forti del destino», ciak a Lecce per la fiction con Sergio Rubini

 
L'evento
Puglia in musica: torna il Battiti Live, da metà luglio su Italia Uno

Puglia in musica: torna il Battiti Live, da metà luglio su Italia Uno

 
Televisione
Giulia Bevilacqua torna con MindfulCamp, per portare i bambini alla scoperta di sé

Giulia Bevilacqua torna con MindfulCamp, per portare i bambini alla scoperta di sé

 
La novità
Aneddoti e segreti della vita di Lino Banfi nel libro di Baldi

Aneddoti e segreti della vita di Lino Banfi nel libro di Baldi

 
Televisione
Matera, Imma Tataranni è tornata

Matera, Imma Tataranni è tornata

 
Arte
Di Muro: «E-Mersione» verso il bello, l’installazione diventa terapia sociale

Di Muro: «E-Mersione» verso il bello, l’installazione diventa terapia sociale

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Homelutto
Bari, scomparso l'imprenditore Onofrio Bonerba

Bari, scomparso l'imprenditore Onofrio Bonerba

 
Foggial'incidente
Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

 
Batla curiosità
Barletta,  le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

Barletta, le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

 
HomeCovid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi - Stabile al 3% occupazione terapie intensive

 
Materatradizioni e pandemia
Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

 
Potenzabasilicata
Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 

i più letti

La recensione

Da Flaubert e Zappulla: l'Arte? Ridiamoci su

«Pensavo dormissi», l'ultimo lavoro di Gianfranco Salvatore

Da Flaubert e Zappulla: l'Arte? Ridiamoci su

Siamo sinceri, quante volte, nell’accostarci a un saggio critico o anche
semplicemente a una recensione «di spessore», ci siamo trovati davanti a
scritti autoreferenziali che dicevano ben poco sull’argomento trattato e,
invece, molto di più sull’ego dell’autore? In un’epoca in cui la recensione
giornalistica è ormai entrata di diritto a far parte della categoria dei «cari
estinti» e la saggistica deve affrontare la dicotomia fra la diffusione in
circoli iniziatici o il successo salottiero, lanciare un sasso nello stagno è
cosa utile e necessaria. Se poi il lancio è a sua volta d’autore, tanto di
guadagnato.

«Pensavo dormissi» è il titolo di un libello (ed. Stampa alternativa, pagg.
127, euro 7,00) che Gianfranco Salvatore, musicista e musicologo acuto e
onnivoro, nonché docente del DAMS di Unisalento, ci propone con una
doppia chiave di lettura: una semplice, gustosa, parentesi di testi tenuti
assieme dal nonsense o invece una molto più intrigante possibilità di
lettura «parallela», nella quale cogliere contraddizioni e tic di un ambiente
abituato a prendersi troppo sul serio. La scelta sulla via da seguire è
affidata ai lettori, anche perché, come spiega in premessa lo stesso
autore, «Scrivo questo libro perché non ho nulla da dire. Perché riesco a
interpretare solo l’arte, non il mondo. Lo scrivo sperando che non serva a
nulla. O almeno a quel bel Nulla che era l’arte. Quando era bella».

Il percorso potrebbe apparire talvolta accidentato, perché Salvatore
mette su carta una vera e propria acrobatica jam session di parole nelle
quali talvolta l’assonanza conta più del significato, l’apparente mancanza
di senso ha la meglio sulla logica. E però proprio in questo esercizio che
non è tale, sfida chiunque si avventuri tra le poche pagine (il libro richiede
forse più tempo a essere compreso che… letto) a mettere alla prova la
propria agilità mentale. Il risultato potrebbe a tratti rivelare un
precedente illustre nella scrittura sapida e umoristica di Achille
Campanile, ma in versione rivisitata e aggiornata ai tempi presenti o
reloaded, per usare un termine sempre più frequente nelle procedure
musicali. Impossibile, per esempio, non provare la smorfia di un sorriso
agrodolce quando, davanti alla riflessione su Cinema, Teatro e Musica, ci
si accorge di trovarsi davanti alla identica definizione «variata» solo nelle
due righe del cappello introduttivo. O ancora, senza rovinare il gusto della
lettura – e della scoperta – ridere divertiti per «Salomè – Ero Diade  (adesso sono solo)», che Salvatore definisce un «abbozzo in vari atti
grandi e piccoli da Gustave Flaubert, Oscar Wilde, Carmelo Bene e
Carmelo Zappulla».

Uno scritto che sa essere scanzonato e beffardo, proprio come un sonoro
pernacchio. Dimenticavamo, l’autore ha origini campane…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie