Mercoledì 25 Novembre 2020 | 04:14

NEWS DALLA SEZIONE

Il film
Pascali in bianco e nero traccia del Sud che verrà

Pascali in bianco e nero traccia del Sud che verrà

 
Lutto nel cinema
Brindisi, morta prematuramente regista Valentina Pedicini

Brindisi, morta prematuramente regista Valentina Pedicini

 
Il video
Le parole d'amore di Sophia Loren per la Puglia: il grazie social di Emiliano

Le parole d'amore di Sophia Loren per la Puglia: il grazie social di Emiliano

 
domani alle ore 20
Barri, un concerto in streaming dedicato a medici, infermieri e studenti

Bari, un concerto in streaming dedicato a medici, infermieri e studenti

 
La curiosità
Riccardo Muti a Bari? Forse in dicembre dirige al Petruzzelli

Riccardo Muti a Bari? Forse in dicembre dirige al Petruzzelli

 
La curiosità
Bari, «Varichina» sbarca in streaming per gli abbonati di Amazon Prime Video

Bari, «Varichina» sbarca in streaming per gli abbonati di Amazon Prime Video

 
Televisione
Bari a prova di chef: Borghese in città per una puntata di 4 Ristoranti

Bari a prova di chef: Borghese in città per una puntata di 4 Ristoranti

 
Cinema
Quella «Vita davanti a sé» illuminata dai colori di Bari

Quella «Vita davanti a sé» illuminata dai colori di Bari

 
La scomparsa di un mito
I tamburi del Paradiso suonano per D’Orazio

I tamburi del Paradiso suonano per D’Orazio

 
L'intervento
Lecce, Verdone al Festival del Cinema Europeo: «Se chiudono altri cinema sarà un disastro»

Lecce, Verdone al Festival del Cinema Europeo: «Se chiudono altri cinema sarà un disastro»

 
La decisione
Petruzzelli Bari, emergenza Covid: sospese stagioni lirica e sinfonica

Petruzzelli Bari, emergenza Covid: sospese stagioni lirica e sinfonica

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

 
BariLa polemica
Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

 
TarantoIl siderurgico
Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva»

Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva». Il sindaco di Taranto: «Preoccupati dal negoziato»

 
FoggiaIl virus
Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

 
LecceMusica
Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti

Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti. Calo nelle terapie intensive

 
MateraL'indagine
Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

 
BrindisiOperazione dei Cc
Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

 

Cinema

Sophia Loren: Bari come la mia Napoli

Arriva il 13 novembre su Netflix il film La vita davanti a sé. E già si parla di Oscar

Sophia Loren: Bari come la mia Napoli

Foto Saverio De Giglio

«Il Premio Oscar? Per me è stato già aver lavorato in questo film». Lo dice con la dolcezza e l’eleganza di sempre, Sophia Loren, riflettendo sulle previsioni rimbalzate da Oltreoceano nello scorso giugno. La danno infatti tra le candidate alla statuetta come miglior attrice protagonista per La vita davanti a sé, il film di Edoardo Ponti - ambientato a Bari - che l’ha vista ritornare sul set di un lungometraggio dopo undici anni di assenza. E si tratta di un lavoro per lei speciale: in proiezione su Netflix dal 13 novembre, La vita davanti a sé ha riunito l’attrice e il figlio Edoardo Ponti nella loro terza collaborazione cinematografica, ed è stato girato a Bari, dal 19 giugno al 1° agosto 2019.

Basato sull’omonimo romanzo di Romain Gary, con il soggetto e sceneggiatura di Ugo Chiti e dello stesso Ponti (una produzione Palomar, in collaborazione con Artemising Rising Foundation, e con il sostegno di Regione Puglia, Puglia Promozione e Apulia Film Commission), il film racconta la storia di Madame Rosa, un’anziana ebrea ed ex prostituta. Per sopravvivere ospita nel suo piccolo appartamento una sorta di asilo per bambini in difficoltà. Riluttante, accetta di prendersi carico di un turbolento dodicenne di strada di origini senegalesi, di nome Momo (Ibrahima Gueye).

I due sono diversi in tutto: età, etnia e religione. Per questo, all’inizio, la loro relazione è molto conflittuale: ben presto però si trasformerà in un’inaspettata e profonda amicizia, quando si renderanno conto di essere anime affini, legate da un destino comune che cambierà le loro vite per sempre.
Loren e Ponti, collegati da Ginevra (mano nella mano per tutto il tempo), hanno presentato in video conferenza ieri il film, insieme ai produttori Carlo Degli Esposti e Nicola Serra, e agli attori Ibrahima Gueye (quattordicenne, al suo esordio cinematografico) e Abril Zamora. «La prospettiva di interpretare un personaggio così forte è stata irresistibile - ha spiegato Sophia -, ma non è l’unico motivo: penso anche che la combinazione di irriverente vitalità e di fragilità di questa donna mi abbia ricordato un po’ mia madre. È un film che dà un forte messaggio di tolleranza, perdono e amore. Abbiamo tutti il diritto di essere amati, e di far sì che i nostri sogni si realizzino».

E se tra i grandi ruoli sfumati all’ultimo secondo, Loren ha ricordato il progetto di un film sulla monaca di Monza di Luchino Visconti, confessa di non essersi neanche accorta di essere rimasta lontana dal set per così tanto tempo.
«Adattando il romanzo - ha detto Ponti - ho scelto di spostare l’ambientazione della storia da Parigi alla pittoresca città costiera di Bari. Attraverso gli occhi irriverenti di Momo, lo vediamo imbarcarsi in un viaggio nel suo cuore antico, città crocevia e mosaico di culture. L’ho scelta perché è esteticamente molto calda, con un range di colori sempre vitale: era il luogo giusto per ambientare questa storia».

Anche il giovanissimo Ibrahima ricorda la sua «bellissima esperienza» sul set («mi sono innamorato di Bari»), mentre Zamora dichiara candidamente di aver conosciuto per la prima volta la città (e anche Trani, dove pure si è girato), trovando una vera e propria «famiglia». Mentre Sophia rievoca quei giorni di più di un anno fa sul set, come magici. «Volevo fare questo film a tutti i costi - ha detto -, a Bari sono stata felice e mi hanno accolto tutti benissimo. Ricordo i silenzi, la spiaggia, il mare, il clima. È stato come essere a Napoli, la città del mio cuore».

(foto Saverio De Giglio)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie