Venerdì 24 Settembre 2021 | 04:45

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

l'appuntamento

Corato, il Teatro dei Borgia in scena con la «Città dei miti»

Tre spettacoli l’8 e il 9 settembre: «Eracle, l’invisibile», «Fillottele, dimenticato» e «Medea per strada»

Corato, il Teatro dei Borgia in scena con la «Città dei miti»

CORATO - Direttamente da Brescia arriva in Puglia il Sogno Poetico Metropolitano del Teatro dei Borgia. Corato e Barletta le prossime tappe di un intenso itinerario vissuto all’insegna dell’intramontabile essenza valoriale dei classici, inquadrati e riletti in un momento storico molto particolare con aspetti da esaminare con coscienza critica alla luce di tematiche sociali, civili e politiche mai sopite nel corso dei secoli.

«È il teatro nei luoghi di azione, è il teatro nei luoghi di vita vissuta» afferma Gianpiero Borgia, regista dei tre spettacoli che compongono la trilogia de «La Città dei Miti», una produzione di Teatro dei Borgia in collaborazione con Centro Teatrale Bresciano e Festival delle Colline Torinesi e realizzata con il supporto e la collaborazione al progetto sociale di Cooperativa La Rete di Brescia e con il sostegno della Regione Puglia.

La messa in scena della trilogia a Corato, martedì 8 e mercoledì 9 settembre, è stata possibile grazie al Comune di Corato. Degna di nota l’attenzione dimostrata dal Commissario Prefettizio Paola Bianca Maria Schettini e dai Subcommissari Margherita Lucarelli e Patrizia Tandoi che, unitamente al personale di tutti gli uffici comunali coinvolti, hanno offerto una concreta opportunità di ripresa al settore dello spettacolo dal vivo, a cui si affianca la sensibilità della Fondazione Casillo, storico partner del Teatro dei Borgia.

La trilogia «Eracle, l’invisibile», «Fillottele, dimenticato» e «Medea per strada»  firmata dal drammaturgo Fabrizio Sinisi e diretta da Gianpiero Borgia, entrambi barlettani, non smentisce il serrato confronto tra la lezione dei classici e l’analisi scrupolosa della realtà contemporanea, già trattata in altri lavori, costruendo una analogia tra alcuni personaggi simbolo della mitologia e il corrispettivo iconico nel presente.

«La Città dei Miti – evidenzia Gianpiero Borgia - è un percorso creativo teatrale che si costruisce attraverso le esperienze di studio e ricerca degli artisti sul campo, grazie al dialogo con la cittadinanza e con i numerosi soggetti che a livello istituzionale, culturale e sociale lavorano sul territorio nell’ambito del sostegno al disagio. Argomenti molto cari al Teatro dei Borgia, da sempre proteso in un forte impegno civile con il linguaggio dei classici. A Brescia abbiamo ottenuto positivissimi riscontri dal pubblico e dalla critica. Proseguiamo con passione, soddisfazione e orgoglio un cammino intrapreso da anni e in questi giorni saranno gli spettatori pugliesi a visionare gli spettacoli con una accurata valutazione del nostro lavoro».

 Dopo Corato, infatti, la trilogia toccherà la città di   Barletta, dal 10 al 13 settembre, con il «Festival Terre Promesse – Il Trasporto dei Miti», quattro giorni di spettacoli in centro e nelle zone periferiche cittadine. Per gli artisti le tappe si rivelano foriere di sperimentazioni, conoscenze e condivisione.

Il programma di martedì 8 e mercoledì 9 settembre a Corato:

«Eracle, l’invisibile»:  ore 18.30 Laboratorio Urbano Open Space

«Fillottele, dimenticato»: ore 20 Laboratorio Urbano Open Space

«Medea per strada»: ore 21.30 Piazza Molino Casillo Zona Industriale

«Eracle, l’invisibile», con Christian Di Domenico, affronta il tema della “tragedia della paternità” raccontando la storia di un padre la cui vita inciampa in un evento imprevisto e lo precipita nell’agone del declino economico dei genitori separati.

«Fillottele, dimenticato» con Daniele Nuccetelli, descrive il tema della “tragedia della vecchiaia”, narrando la vicenda di un anziano affetto da demenza e condannato all’emarginazione e all’isolamento dalla comunità prima e dalla famiglia poi.

«Medea per strada», con Elena Cotugno, lavora sul tema della «tragedia dello straniero» raccontando la storia di una giovane donna migrante, finita nel racket della prostituzione per amore di un uomo da cui si crede ricambiata e da cui ha due figli.

Gli eventi saranno realizzati nel rispetto della normativa e delle prescrizioni anticovid. Costo biglietti 7euro. Prenotazioni via whatsapp al n° 320 7408125

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie