Martedì 28 Settembre 2021 | 15:30

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

cinema

«Uomini d'oro», Fabio De Luigi per una volta cattivo

Il film esce il 7 novembre, regia di Vincenzo Alfieri

«Uomini d'oro», Fabio De Luigi per una volta cattivo

Come in tutti i thriller che si rispettino, nessuno è davvero quello che sembra. È il caso de Gli uomini d’oro di Vincenzo Alfieri, film tratto da una storia vera, con un Fabio De Luigi inedito e molto cattivo. Una sorta di crime-comedy che arriva in sala il 7 novembre in 300 copie distribuite da 01 con nel cast anche Edoardo Leo, Giampaolo Morelli, Giuseppe Ragone, Mariela Garriga, Matilde Gioli, Susy Laude e con la partecipazione di Gian Marco Tognazzi.
Siamo nella fredda Torino del 1996 e Luigi (Morelli), impiegato postale molto napoletano sogna la baby pensione e una vita in Costa Rica. Ma la pensione non arriva e così si passa al piano b: rapinare il furgone portavalori che guida tutti i giorni.
E questo anche se così rischia di perdere Anna (Gioli), la bella ragazza incontrata in una folle notte.
Un colpo grosso, il suo, studiato in tutti i particolari, un piano perfetto. Un disegno criminale per cui avrà bisogno dell’aiuto del suo migliore amico Luciano (Ragone), pugliese, juventino ed ex postino quarantenne insoddisfatto, e soprattutto dell’ambiguo collega Alvise (De Luigi), apparentemente tutto casa e famiglia.
Nella banda approda poi anche un atleta, il Lupo (Leo), ex pugile, legato a Gina (Garriga) e a Boutique (Tognazzi), uno stilista d’alta moda con un’insospettabile doppia vita.
«Una storia che parte come I soliti ignoti e poi però finisce come Le iene - spiega Vincenzo Alfieri, qui al suo secondo film -, un crime e una commedia allo stesso tempo che parla più che della rapina, delle persone che ne fanno parte».
La scelta di un attore tradizionalmente comico come Fabio De Luigi? «Sono sempre stato un suo fan - confessa il regista - sono cresciuto con lui, ma una volta l’ho visto mentre aspettava di recitare ed era del tutto diverso, così serio. Ho pensato allora che era perfetto per un ruolo da cattivo a cui nessuno aveva mai pensato prima».
Dice infine lo stesso Fabio De Luigi: «Per fare il personaggio di Alvise mi sono attenuto alla sceneggiatura, ma devo dire che sono stato contento di misurarmi con qualcosa di totalmente diverso da quello che faccio in genere sullo schermo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie