Martedì 23 Ottobre 2018 | 11:23

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Palermo espugna il Via del Mare, 2-1 contro il Lecce

Palermo espugna il Via del Mare, 2-1 contro il Lecce

 
Serie B
Papadopulo gioca Lecce-Palermo: «Questa partita regalerà spettacolo»

Papadopulo gioca Lecce-Palermo: «Questa partita regaler...

 
Serie B
Jeda lancia in alto il «suo» Lecce«Può battere una big come il Palermo»

Jeda lancia in alto il Lecce: «Può battere big come il ...

 
Serie B
«Palermo fortissimo ma in questo momento il Lecce è favorito»

«Palermo fortissimo ma in questo momento il Lecce è fav...

 
Serie B
Moriero: questo Lecce mi piace davvero

Moriero: questo Lecce mi piace davvero

 
Lecce
L'ex Petrachi promuove Liverani: «Fa buon calcio»

L'ex Petrachi promuove Liverani: «Fa buon calcio»

 
In vista dell'incontro
L'ex Piangerelli: Lecce-Palermoquella sfida che valse la A

L'ex Piangerelli: Lecce-Palermo quella sfida che valse ...

 
Serie B
Lecce, la nuova vita di Tabanelli«Basta guai, ora sono felice qui»

Lecce, la nuova vita di Tabanelli «Basta guai, ora sono...

 
Serie B
E Lecce ha il suo tandem ispirato

Il Lecce ha il suo tandem ispirato

 
Serie B
Meccariello: Lecce sprint ora mantenere equilibrio

Meccariello: Lecce sprint ora mantenere equilibrio

 
Serie B
Il Lecce viaggia a ritmo promozione

Il Lecce viaggia a ritmo promozione

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Lega Pro | Verso i play off

Lecce, «Rizzo ha un compito difficile
dovrà fare i conti col passato»

«Ho guidato la squadra per poco tempo, ma gli auguro di tornare in serie B»

Elio Gustinetti ha vissuto nel campionato 2012-13 un'esperienza molto simile a quella dell'attuale mister: fu chiamato per gli spareggi

Elio Gustinetti, ha guidato il lecce per poco tempo

Elio Gustinetti, ha guidato il lecce per poco tempo

di ANTONIO CALÒ

CALCIO LECCE - Nella stagione 2012/2013 è subentrato ad Antonio Toma sulla panchina del Lecce, alla vigilia dei play off, con la squadra giallorossa che si era piazzata al secondo posto, alle spalle del Trapani. Elio Gustinetti, pertanto, ha vissuto, proprio con il team salentino, una situazione simile a quella nella quale si trova Roberto Rizzo, che ha preso il posto di Pasquale Padalino quando mancano solo 180’ alla conclusione della regular season, con la certezza di disputare gli spareggi-promozione dalla piazza d’onore.

«Non è mai semplice assumere la guida di una squadra a questo punto dell’annata agonistica, in quanto occorre fare i conti con situazioni pregresse che possono avere determinato tutta una serie di problematiche nelle quali si deve cercare di incidere nel minor tempo possibile - dice Gustinetti - Il tempo per lavorare, però, c’è senz’altro, sia dal punto di vista tecnico-tattico che da quello atletico, anche se non è come quando si imposta un campionato dall’inizio».

Gustinetti rammenta l’esperienza di Lecce. «C’era un gruppo che pensava di avere la promozione in tasca e che invece se l’è vista sfuggire in maniera del tutto inattesa e che in parte aveva staccato la spina dal punto di vista mentale - sostiene l’ex allenatore della formazione giallorossa - Ho avuto comunque l’immediata disponibilità dei calciatori a seguirmi e ritengo che abbiamo anche svolto un buon lavoro, vanificato purtroppo dalla finale di andata dei play off disputata a Carpi, che si è conclusa con un risultato positivo nell’ottica del ritorno, ma che è pesata negativamente, in vista della sfida in programma al Via del Mare, a causa di alcuni infortuni».

Adesso tocca a Rizzo tentare di portare il Lecce in serie B tramite gli spareggi, assumendo le redini del complesso giallorosso in dirittura d’arrivo. «La situazione attuale è differente - nota Gustinetti - Nel 2012/2013, a livello di nomi, l’organico del club salentino era senza dubbio il meglio attrezzato e la mancata promozione diretta è stata vissuta molto male innanzitutto dai calciatori oltre che dall’ambiente. Nella stagione in corso, il Foggia ha dimostrato di essere il più forte e pertanto non penso che il Lecce abbia il problema di avere staccato la spina. Rizzo, comunque, avrà il suo bel lavoro da svolgere per permettere all’undici giallorosso di presentarsi al top della condizione psico-fisica ai play off».

La formula voluta dalla Lega rischia di trasformare gli spareggi 2016/2017 in un vero e proprio terno al lotto. «Chi arriverà in fondo sarà costretto a stare sulla corda per un altro mese, per di più con il caldo che farà raddoppiare la fatica - rimarca Gustinetti - È assurdo prevedere play off tanto lunghi dopo una annata agonistica interminabile e durissima. C’è il rischio concreto che alla fine la spunti una out sider, che magari si gioverà del fatto di non avere grandi pressioni. D’altro canto, sono portato a credere che i valori tecnici alla lunga emergeranno ed in quest’ottica ci sono diverse squadre attrezzatissime ed anche dal nobile blasone. Ho guidato il Lecce solo per un breve periodo, ma spero che riesca a centrare il salto di categoria, in quanto ho avuto modo di conoscere una grande piazza calcistica, vivendo un’esperienza professionalmente molto intensa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400