Venerdì 03 Luglio 2020 | 21:10

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

 
Calcio serie A
Lecce rialzati: non ci sono incontri dall'esito scontato

Lecce rialzati: non ci sono incontri dall'esito scontato

 
Serie A
Lecce, affondano i giallorossi in casa contro la Sampdoria

Lecce, affondano i giallorossi in casa contro la Sampdoria

 
Documento congiunto
Calcio, Lecce e Bari chiedono alla Regione riapertura stadi al pubblico

Calcio, Lecce e Bari chiedono alla Regione riapertura stadi al pubblico

 
L'INTERVISTA
Lecce, in arrivo un mercoledì da leoni. Contro la Samp primo bivio salvezza

Lecce, in arrivo un mercoledì da leoni. Contro la Samp primo bivio salvezza

 
serie a
Lecce calcio, caso Barak, centrocampista in bilico cobn l'Udinese

Lecce calcio, caso Barak, centrocampista in bilico con l'Udinese

 
Calcio serie A
Meluso tiene il Lecce a galla «Con la Samp per ripartire»

Meluso tiene il Lecce a galla: «Con la Samp per ripartire»

 
Calcio serie A
Il Lecce e le mille distrazioni fatali, così la salvezza si fa sempre più dura

Il Lecce e le mille distrazioni fatali, così la salvezza si fa sempre più dura

 
Serie A
Lecce agguerrito, regge un tempo contro la Juve poi cade e perde 4-0

Lecce agguerrito, regge un tempo contro la Juve poi cade e perde 4-0

 
SERIE A

Il Lecce con la Juve cerca il colpaccio, Liverani suona la carica

 
L'INTERVISTA
Questo Lecce non si arrende: parola del ds Meluso

Questo Lecce non si arrende: parola del ds Meluso

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

 
LecceEmergenza nel territorio
Le campagne in balìa delle bande. Maxi-furto sventato in extremis

Salento, le campagne in balìa delle bande: maxi-furto sventato in extremis

 
FoggiaIl salvataggio
Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

 
MateraIl caso
Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

 
Potenzasicurezza
Potenza, Tempa Rossa: «risultati analisi non concordanti»

Potenza, Tempa Rossa: «Risultati analisi non concordanti»

 
Tarantofase3
Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

 
Brindisinel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 
Batfase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 

i più letti

Calcio

Lecce e un problema da risolvere: la fragilità difensiva

Migliorare la fase di non possesso è uno degli imperativi dei giallorossi in vista delle ultime dodici giornate di campionato

Liverani: cercare di trasformare un gruppo in squadra

LECCE - Migliorare la fase di non possesso è uno degli imperativi del Lecce in vista delle ultime dodici giornate di campionato. Le cifre dei primi ventisei turni indicano che questa è una priorità di Marco Mancosu e compagni. La formazione salentina, infatti, è quella che ha incassato il maggior numero di reti, ben 56, con una media di 2,15 a match. Troppe. Per raggranellare i 15 punti che ancora mancano per meritare la permanenza, l’undici diretto da Fabio Liverani dovrà trovare il modo di subire meno gol. Magari mantenendo, al contempo, il trend positivo fatto registrare sin qui nella fase offensiva, con 34 gol all’attivo ed una media di 1,30 ad incontro, che fanno della prima linea leccese la decima della massima serie per prolificità.

«È soprattutto una questione di attenzione - sostiene l’ex difensore Raimondo Marino, che è stato in forza al Lecce nel 1989/1990 e nel 1990/1991, dopo le stagioni vissute con il Napoli di Diego Armando Maradona e con la Lazio - Liverani è un bravissimo trainer. Sa dare senz’altro le disposizioni giuste ai calciatori, ma in campo ci vanno loro e compete a loro tenere sempre al top la concentrazione e non perdere mai di vista l’avversario. Altrimenti, in serie A, la punizione, intesa come gol subito, è immediata, quasi scontata. D’altro canto, l’abitudine a giocare a certi livelli cresce con l’esperienza. Quindi, ci sta di sbagliare. Tra l’altro, non è una questione legata ad un reparto, ma all’intero collettivo perché è tutta la squadra che prende parte sia alla fase difensiva che a quella offensiva».

Liverani sta provando la difesa a tre. Potrebbe essere una soluzione?
«Non ci sono moduli risolutivi. La retroguardia a tre, che diventa a cinque nella fase difensiva, può comunque aiutare ad evitare di subire quei tagli che tanto spesso sono stati pagati a caro prezzo dal Lecce. Con questo sistema di gioco, semplificando, il centrale agisce come una sorta di libero vecchio stampo. Tocca a lui andare a “chiudere” certe situazioni. Probabilmente l’allenatore romano opterà per questa soluzione in talune circostanze, come ha fatto contro l’Inter, al Via del Mare, con risultati positivi».

Vede qualche uomo-chiave nel reparto arretrato?
«Liverani non ha mai rinunciato a Lucioni e Rossettini. Quindi indico loro. Quando ho guidato la Ternata in C1, nella seconda parte del 2006/2007, portandola alla salvezza, l’ex Benevento militava nella Primavera ed accadeva spesso che lo facessi lavorare con me, in quanto vedevo in lui delle buone qualità».

Il Lecce resterà sino in fondo una squadra propositiva?
«Senza dubbio, in quanto la filosofia calcistica di Liverani è questa ed ha dato i suoi frutti sul campo».

Chi potrebbe essere l’arma in più dei giallorossi nelle ultime 12 giornate?
«Falco ha i mezzi per essere fondamentale perché ha fantasia, è capace di saltare l’uomo, garantendo la superiorità numerica, vede la porta e sa servire l’assist al compagno. Ringrazio il tarantino per essersi ricordato, in una recente intervista, di quando lo facevo fermare dopo l’allenamento per provare certe situazioni, ai tempi in cui lavoravo nel vivaio del Lecce. Ma oltre a lui, ci sono altri uomini dalla notevole cifra tecnica in grado di incidere, come Farias e Saponara«.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie