Lunedì 25 Marzo 2019 | 20:47

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Calcio, Lecce show al Via del Mare: batte 7-0 l'Ascoli

Calcio, Lecce show al Via del Mare: batte 7-0 l'Ascoli

 
Serie B
Lecce, Liverani: «Con l'Ascoli opportunità ghiotta»

Lecce, Liverani: «Con l'Ascoli opportunità ghiotta»

 
Serie B
Lecce, ecco tre partite per l’assalto alla «zona A»

Lecce, ecco tre partite per l’assalto alla «zona A»

 
Sfuma il terzo posto
Serie B, il Lecce pareggia a Crotone, finisce 2-2

Serie B, il Lecce pareggia a Crotone, finisce 2-2

 
Serie B
«Ora conta solo vincere il Lecce può mettere lo spettacolo da parte»

«Ora conta solo vincere il Lecce può mettere lo spettacolo da parte»

 
Serie B
Lecce calcio, Liverani: «Il derby è una gara speciale»

Lecce calcio, Liverani: «Il derby è una gara speciale»

 
Serie B
Il Lecce balla in difesa serve svolta immediata

Il Lecce balla in difesa serve svolta immediata

 
Serie B
IL Lecce batte il Verona 2-1Foggia pareggia 2-2 ad Ascoli

IL Lecce batte il Verona 2-1

 
Serie B
Poker del Cittadella al Lecce, finisce 4-1

Poker del Cittadella al Lecce, finisce 4-1

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

L'analisi

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

Parla l'ex Moriero: «Mi sono emozionato. Questa squadra dirà la sua»

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

foto Massimino

Tra gli aspetti positivi connessi al successo per 3-2 ottenuto dal Lecce, in rimonta dallo 0-2, a spese del Livorno, ce n’è uno che era emerso già in altre circostanze ed è legato alle prestazioni estremamente positive sfoderate dai calciatori che giocano meno, quando Fabio Liverani decide di gettarli nella mischia, per scelta tecnica, oppure perché, come contro il team toscano, è in emergenza.
Nella sfida contro gli amaranto, l’allenatore capitolino ha utilizzato dal primo minuto Antonio Marino quale centrale difensivo ed Andrea Arrigoni nel ruolo, non suo, di mezzala. Ebbene, i due non giocavano dall’inizio dal 10 novembre scorso ed hanno sbandato come tutta la compagine salentina per mezz’ora del primo tempo, ma nel complesso hanno sfoderato una prova di spessore. Il centrocampista ha anche confezionato l’assist che ha permesso ad Andrea Mantia di accorciare le distanze, ed ha firmato il gol del 2-2, il primo in assoluto da quando indossa la maglia del Lecce. Un pomeriggio da ricordare e incorniciare per lui.


In precedenza, nel corso della stagione, si erano fatti trovare pronti alla chiamata, Andrea Tabanelli e Marco Armellino, mentre a Salerno ha dato il top Stefano Pettinari, che già sapeva di essere in procinto di passare al Crotone.
«Tutto ciò significa innanzitutto che la gestione della rosa è ottimale da parte di Liverani e del suo staff - sostiene Francesco Moriero, ex allenatore del team salentino ed ex ala di Lecce, Cagliari, Roma, Inter e Napoli - Il trainer romano ed i suoi collaboratori evidentemente sono bravi a fare sentire parte del progetto tutti i componenti dell’organico, anche chi viene impiegato di rado. Ciascun giocatore è tenuto nella massima considerazione in allenamento e si rende conto di potere essere utile. A fare il resto è la coesione del gruppo. Si nota che c’è compattezza, che tutti vogliono fortemente inseguire un sogno, con la massima umiltà, ma anche con grande convinzione. Inoltre, chi viene mandato in campo con minore frequenza, sapendo di valere, ci tiene a dimostrarlo, in modo tale da mettere in difficoltà il mister quando deve operare le proprie scelte. Le formazioni vincenti nascono proprio quando si crea questo spirito d’assieme perché di norma una squadra ha sempre un assetto-base e c’è fatalmente chi ha meno chance di dare il proprio contributo alla causa comune».


Moriero ha assistito al match tra Lecce e Livorno dagli spalti del Via del Mare. «L’inizio è stato promettente, in quanto i giallorossi hanno creato due buone opportunità - sottolinea l’ex ala destra - Poi l’undici salentino ha incassato il gol dello 0-1 ed è andato in crisi, subendo la seconda rete e rischiando di prendere anche la terza. In questa fase, il pubblico è stato commovente. I tifosi hanno immediatamente dimostrato di credere nella rimonta, hanno chiesto ai calciatori di dare tutto sino alla fine e Falco e compagni lo hanno fatto. La ripresa è stata tambureggiante. Da tempo non assistevo ad un assalto come quello portato dal Lecce alla metà campo del Livorno, a volte scomposto, ma continuo, deciso, convinto».
«È stato un crescendo di emozioni e di entusiasmo - continua l’ex attaccante interista -, sino alla gioia finale ed all’abbraccio che i sostenitori salentini hanno riservato ai propri beniamini, stremati ma felici. Non so come finirà la lotta al vertice per la promozione in serie A, ma la compagine guidata da Liverani dirà la sua sino alla fine e potrà farlo senza le pressioni che hanno caratterizzato le stagioni in Lega Pro perché i supporter hanno recepito in pieno il messaggio lanciato dalla società ad inizio torneo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400