Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 10:20

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Foggia, trittico terribilesulla strada della risalita

Foggia, trittico terribile
sulla strada della risalita

 
Serie B
Il Foggia batte la Cremonese allo Zaccheria: 3-1

Il Foggia batte la Cremonese allo Zaccheria: 3-1

 
Serie B
Foggia, stasera c'è la Cremonese aspettando nuovo mister Padalino

Foggia, stasera c'è la Cremonese aspettando nuovo mister Padalino

 
Serie B
Il Foggia cerca allenatore, Delneri è out, ipotesi Delio Rossi

Il Foggia cerca allenatore, Delneri è out, ipotesi Delio Rossi

 
Serie B
Il Foggia ha scelto: via Grassadonia

Il Foggia ha scelto: via Grassadonia

 
Serie B
Grassadonia verso l'esonero, a Foggia arriva Delio Rossi?

Grassadonia verso l'esonero, a Foggia arriva Delio Rossi?

 
Sconfitto 3-1
Foggia schiacciato dal Livorno, tifosi contestano squadra

Foggia schiacciato dal Livorno, tifosi contestano squadra

 
La crisi
Foggia, Iemmello: «A Livorno gara da ultima spiaggia»

Foggia, Iemmello: «A Livorno gara da ultima spiaggia»

 
Serie B
La carica di Kragl scalda il Foggia: «Niente scherzi contro il Venezia»

La carica di Kragl scalda il Foggia: «Niente scherzi contro il Venezia»

 
L'ex allenatore
Foggia, clan imposero calciatori Foggia. Ombre su De Zerbi

Foggia, clan imposero calciatori. Ombre su De Zerbi: non denunciò

 

Serie B

La carica di Kragl scalda il Foggia: «Niente scherzi contro il Venezia»

«La classifica va scossa prima possibile, troppo tempo senza vittoria»

La carica di Kragl scalda il Foggia: «Niente scherzi contro il Venezia»

FOGGIA -  Un anno fa finì 2-2. Doppietta di Zigoni e rimonta rossonera nel finale, tra i fischi dello «Zaccheria», che contestava la squadra e l’allora tecnico Stroppa: gol di Beretta e rete di Deli, all’ultimo secondo, a sancire un pareggio che permise ad Agnelli e compagni di respirare dopo un periodo nero, di ritrovare fiducia e autostima. Torna la sfida casalinga col Venezia e l’urgenza di accelerare. Di alzare i giri del motore dopo una sconfitta e quattro pareggi consecutivi. Il Foggia prepara il posticipo di lunedì prossimo (calcio d’inizio alle 21), con l’auspicio che anche quest’anno il confronto con i veneti possa rivelarsi la gara della svolta.

Oliver Kragl carica l’ambiente: «Ci servono i 3 punti, per noi e per i nostri tifosi, per il morale di tutto il Foggia Calcio e di chi ama questi colori. Lunedì andremo in campo per vincere questa importante partita. Noi diamo sempre tutto e cerchiamo sempre di ottenere il massimo, ma sappiamo che questa volta bisognerà andare oltre il massimo, per conquistare il risultato pieno».

Il tedesco, colpito duro sul campo dello Spezia e costretto nella ripresa a chiedere il cambio, sta provando a ristabilirsi e in settimana ha partecipato, assieme al capitano Agnelli e agli attaccanti Mazzeo e Iemmello, alla presentazione della nuova maglia rossonera da gioco, che verrà indossata per la prima volta proprio lunedì nel match con gli arancioneroverdi. «Speriamo che la nuova divisa ci porti fortuna, dato che nelle ultime partite la buona sorte ci ha un po’ voltato le spalle - dichiara, sorridendo, il laterale mancino di difesa e centrocampo -. Il pareggio di domenica scorsa è stato un risultato positivo a mio modo di vedere, considerando come si è sviluppata la partita, come abbiamo giocato fin quando siamo stati in undici contro undici, e tenendo presente che abbiamo dovuto affrontare in inferiorità numerica l’ultima mezz’ora di gara. Ora, però, vogliamo riprendere a vincere».

Nel match disputato in Liguria e terminato 0-0, Grassadonia ha varato il 4-3-1-2, modulo in cui l’ex Crotone e Frosinone è stato schierato da terzino sinistro. «Riguardo alla mia posizione in campo, gioco dove il mister decida che io debba stare – spiega l’esterno sinistro nato a Wolfsburg, 28 anni -. Anche in porta giocherei, se dovesse essere necessario. Da terzino, nella difesa a 4, devo prestare più attenzione in fase di contenimento: se attacchiamo spingendo sulla fascia destra, non posso avanzare anche io. Forse per le mie caratteristiche sarebbe meglio se giocassi un po’ più avanti, ma il terzino l’ho già fatto in Austria e se c’è da farlo anche qui non è un problema. Domenica scorsa ho accusato un problema al polpaccio destro, sto provando a recuperare. Cercherò in tutti i modi di essere in campo lunedì. Non sono uno che si dà subito per vinto o si ferma al primo fastidio».

Idolo dei tifosi rossoneri, Kragl ha segnato 3 reti in questo campionato, tutti su punizione: lunedì, se sarà in campo, ritroverà da avversario Zenga, con cui non ebbe un buon rapporto a Crotone: «Non mi teneva in considerazione, spero di giocare e segnare – conclude il tedesco -. Conta soprattutto vincere però, al di là di chi dovesse far gol. Abbiamo bisogno dei 3 punti, vista la nostra situazione di classifica. Il -8 pesa, sapevamo che non sarebbe stato semplice convivere con una penalizzazione del genere. Proveremo con tutte le nostre forze a vincere, perché questo mese di dicembre è importante per noi: mi auguro che ci porti successi e serenità. Sotto l’albero vorrei trovare più punti, mi piacerebbe poter trascorrere le prossime settimane con gioia, in questa città in cui mi trovo bene e con cui ho legato, poter passeggiare in centro e vivere a pieno l’atmosfera natalizia. Ho l’amore della mia fidanzata Alessia, della mia famiglia e di mia figlia Emma Johanna, l’affetto dei tifosi: con più punti e una striscia di vittorie, sarebbe un Natale perfetto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400