Martedì 16 Ottobre 2018 | 18:33

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

La polemica

Decaro a Giancaspro: «Il 1 agosto consegna le chiavi dello stadio»

Il sindaco si irrita dopo la Pec del molfettese che annuncia di non voler lasciare il San Nicola. E si dice pronto a sfrattarlo con i vigili

Decaro a Giancaspro: «Vattene o ti caccio dallo stadio con i vigili»

Il sindaco con Giancaspro

BARI - Chiamatela pure l’ennesima «giancasprata». Che stavolta, ineffabile più che mai, riesce a far perdere la pazienza finanche a un uomo tradizionalmente mite come Antonio Decaro dopo aver pugnalato alle spalle e attentato alle coronarie di migliaia di tifosi del Bari. La convenzione del «San Nicola» è in scadenza ma ieri sera, attraverso una pec indirizzata al sindaco del capoluogo, il fantasioso ex patron biancorosso ha fatto sapere di non essere disposto a restituire lo stadio in virtù di un ricorso, ancora in piedi, che potrebbe rimettere in discussione la vita del suo club che, putroppo, è invece ormai cancellato dalle geografia del calcio che conta proprio in virtù della scellerata gestione dello stesso Giancaspro, l’anticamera del fallimento.

«La convenzione è scaduta e io pretendo che il “San Nicola” torni in nostro possesso - racconta alla Gazzetta un Decaro letteralmente furibondo - c’era stata una proroga di un mese perché volevamo capire se ci fossero margini per la ricapitalizzazione. Il titolo della squadra non c’è più e quindi non ci sono più margini. L’atteggiamento di Giancaspro è grave, ai limiti del provocatorio, lo scriva pure. E la cosa mi amareggia visto che con lui abbiamo sempre tenuto un profilo improntato alla massima correttezza».

Decaro è un fiume in piena. In un crescendo emotivo senza precedenti: «Le dico di più, se domani (oggi, ndr) non dovessi riavere lo stadio sono pronto a un’azione di forza. Manderò i vigili a casa di Giancaspro per riprenderci le chiavi. E penso di accompagnarli personalmente. L’unica strada sarebbe una nuova proroga. Ma io non ho i tempi per concederla oltre che le argomentazioni». E neanche tanta voglia, vero sindaco? «Con l’avvocatura valuterò un’azione legale verso Giancaspro per danni d’immagine alla città», l’ultimo affondo dell’Antonio furioso. Con i baresi che, idealmente, battono le mani.

----

LA DIFFIDA: IL 1 AGOSTO LASCI - Il Comune di Bari «intima il rilascio» dello stadio San Nicola, compreso l’antistadio, «per la data del 1 agosto ore 9.30». È quanto si legge della ripartizione Sport del Comune inviata in queste ore alla Società Football Club Bari 1908 spa, presieduta da Cosmo Giancaspro, e per conoscenza, a sindaco, assessori, dirigenti e Avvocatura comunale.
Nella diffida si ricorda che, con deliberazione di Giunta comunale del 29 giugno, si concedeva proroga sino alla data del 30 luglio per l’utilizzo in concessione dello stadio e antistadio San Nicola. «Lo spirare di tale data - si legge nella nota - rende, evidentemente, l’eventuale ulteriore occupazione dell’immobile priva di ogni titolo autorizzativo, con conseguente espresso divieto di manomissione e asportazione di qualunque bene o dotazione impiantistica». La diffida si è resa necessaria dopo la nota del 27 luglio scorso inviata dal presidente della società, ora in liquidazione, Cosmo Giancaspro, con la quale «si contesta l’intimato rilascio dell’impianto (già sollecitato dal Comune con due precedenti diffide, ndr), asserendo vaghe ragioni a sostegno». Tali ragioni risiederebbero nel ricorso che sarà discusso domani, presentato dalla società sportiva al Coni per la riammissione al campionato di serie B e per non svincolare i giocatori tesserati.
Intanto il primo agosto si discuterà dinanzi al Tribunale di Bari la richiesta della Procura - che ha chiesto il fallimento della società - di sostituzione del Cda e di Giancaspro con altro organo amministrativo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari sull’ottovolante a suon di gol

Bari sull’ottovolante a suon di gol

 
Bari, De Laurentiis darà al Comune50 biglietti gratis per scuole e chiese

Bari, De Laurentiis darà al Comune
50 biglietti gratis per scuole e chiese

 
Brienza: «Io e il Bari di D il più in alto possibile»

Brienza: «Io e il Bari di D il più in alto possibile»

 
Baricalcio, un mese per sentirsi più forte

Baricalcio, un mese per sentirsi più forte

 
Baricalcio, è ufficiale: in quadra anche Nicola Turi

Bari calcio, è ufficiale: in squadra anche Nicola Turi

 
Il Bari degli under? Un’arenadove si diventa «gladiatori»

Il Bari degli under? Un’arena
dove si diventa «gladiatori»

 
Bari in fuga, l’investitura di Guberti: «Neglia, garantisco io»

Bari in fuga, l’investitura di Guberti: «Neglia, garantisco io»

 
Bari, Cornacchini: «Abbiamo margini di crescita enormi»

Bari, Cornacchini: «Abbiamo margini di crescita enormi»

 

GDM.TV

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne 

 
Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 
Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

 
Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

 
Bari, troppi tagli a scuola: ecco il raduno degli studenti in sciopero

Bari, troppi tagli a scuola?
E gli studenti scioperano

 
Le acque rosse vicino le salineSequestro choc a Margherita di Savoia

Le acque rosse vicino le saline
Sequestro choc a Margherita di Savoia

 
Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni contrastanti

Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni diverse. «Agenti circondati»

 

PHOTONEWS