Martedì 21 Gennaio 2020 | 09:53

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 
Il caso
Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

 
La storia
Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

 
Abusivismo
Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

 
Un 26enne
Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

 
I funerali
Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

 
Scarcerato
Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantol'inchiesta
Taranto, datteri di mare in ristoranti e pescherie: 46 indagati

Taranto, datteri di mare in ristoranti e pescherie: 46 indagati

 
Leccela decisione
Scuola, pioggia di fondi in arrivo in Salento: oltre 7 milioni

Scuola, pioggia di fondi in arrivo in Salento: oltre 7 milioni

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
Materaprocura di matera
Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce

Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce

 
BariIl concorso
Bari, la sfida dell'acciaio: obiettivo raggiungere 400 tonnellate riciclate in un anno

Bari, la sfida dell'acciaio: obiettivo raggiungere 400 tonnellate da riciclare in un anno

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 

i più letti

nel brindisino

Un tavolo regionale
per salvare il canale Reale
con il “Contratto di Fiume”

La Regione chiederà ora agli otto Comuni interessati (Latiano, San vito dei Normanni, Oria, Francavilla Fontana, Villa Castelli, Brindisi, Mesagne), al Consorzio di Bonifica dell’Arneo, al Consorzio di Torre Guaceto, all’Autorità di Bacino, ma anche ad Anas, Aqp, Enac, Adp, i progetti in loro possesso al fine di redigere un unico strumento di programmazione coordinato

tavolo di lavoro

«Il ricorso al “Contratto di Fiume”, quale strumento normativo nazionale per un intervento sul Canale Reale (che da questo momento in poi chiameremo “Torrente Reale” nella speranza che cambi la sua condizione attuale, n.d.r.) diventerà, nel prosieguo delle azioni messe in campo dalla Regione Puglia, un esempio di scuola da utilizzare anche per i fiumi Lato e Ofanto».
È questa l’importante premessa che, ieri mattina, ha fatto da filo conduttore agli interventi che hanno animato l’incontro svoltosi presso la Regione (in via Gentile), convocato dal Consigliere incaricato dal Presidente Emiliano per la gestione delle Acque, l’architetto Anna Maria Curcuruto.

Al tavolo erano presenti, oltre all’ex assessore e al Dirigente regionale Andrea Zotti, il Sindaco di Latiano, Mino Maiorano, l’Assessore del Comune di Mesagne, Tecla Pisanò, il Presidente del Consorzio di Torre Guaceto, Mario Tafaro, le professoresse Mariangela Turchiarulo e Francesca Calace, del Politecnico di Bari, il Dirigente dell’Unità organizzativa dell’Autorità di Bacino, architetto Raffaella Nappi, l’Associazione Culturale “L’Isola che non c’è” di Latiano (che, mesi fa, ha avviato questo percorso che ha portato alla delibera, della Regione Puglia - approvata lo scorso 28 dicembre - di adesione al Contratto di Fiume, indicato dal Ministero dell’Ambiente).

Nelle prossime ore - così come è stato ribadito dalla prof.ssa Curcuruto - su questo argomento, che prevede il coinvolgimento di altri assessorati (Agricoltura, Ambiente, Lavori pubblici e Paesaggio), gli uffici regionali provvederanno ad affidare formalmente al Politecnico di Bari il coordinamento dello studio con analisi e approfondimenti e una ricognizione dei progetti elaborati da ogni Comune e dai vari Enti interessati.
La Regione chiederà ora agli otto Comuni interessati (Latiano, San vito dei Normanni, Oria, Francavilla Fontana, Villa Castelli, Brindisi, Mesagne), al Consorzio di Bonifica dell’Arneo, al Consorzio di Torre Guaceto, all’Autorità di Bacino, ma anche ad Anas, Aqp, Enac, Adp, i progetti in loro possesso al fine di redigere un unico strumento di programmazione coordinato.

«Si tratta - ha spiegato l’arch. Curcuruto - di sperimentare, partendo da questo strumento che riguarda il Canale e che interessa anche la Riserva naturale di Torre Guaceto, ma direi tutto il territorio che da Villa Castelli, lungo un percorso di 50 Km, arriva fino al mare, un caso di scuola che potrà essere adottato anche per interventi previsti nel Contratto di Fiume».
Per un obiettivo così ambizioso c’è, questa volta, la regia del massimo organo istituzionale, qual è la Regione, che avrà la supervisione e la capacità finanziaria degli interventi: si spera non ci siano, come nel passato, tentativi di azioni singole.
Il materiale che Comuni ed Enti presenteranno alla Regione verrà trasmesso al Politecnico che inizierà a redigere lo studio in vista di un prossimo incontro previsto per il prossimo 10 marzo, questa volta a Latiano, da cui è scaturito tutto ciò (la denuncia, dello scorso agosto, dell’Associazione “L’Isola che non c’è”).

«Da parte nostra - ha assicurato il Prorettore del Politecnico, Loredana Ficarelli, ci metteremo tutto l’impegno possibile, anche alla luce dell’esperienza sul campo che, proprio su quel fiume, i nostri studenti hanno fatto in occasione del workshop organizzato, a luglio scorso, proprio a Latiano. Un esperimento unico nel suo genere a cui segue, oggi, questa iniziativa della Regione».
Anche il Consorzio di Torre Guaceto, attraverso il suo nuovo Presidente, l’ex Prefetto Mario Tafaro, “darà tutta la collaborazione per realizzare - ha detto - questo strumento di programmazione, che è il Contratto di Fiume”, così come stabilito all’unanimità nel corso dell’incontro: il primo veramente operativo nella storia del Canale Reale, da decenni abbandonato a se stesso.
Sarebbe auspicabile, a questo punto, che qualsiasi iniziativa, comprese delibere regionali in fase di approvazione, a cui si è fatto riferimento nel corso degli interventi di oggi, confluissero sul tavolo costituito appunto dalla stessa Regione. L’unico legittimato ad operare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie