Venerdì 07 Agosto 2020 | 20:34

NEWS DALLA SEZIONE

nel Brindisino
Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

 
VIOLENZA
Brindisi, sfregia il marito con l'acido, lei non risponde al Gip

Brindisi, sfregia il marito con l'acido: la donna non risponde al Gip

 
LA TRUFFA
Ceglie Messapica, gli sottraggono la password. Anziano perde 117mila euro

Ceglie Messapica, gli sottraggono la password: anziano perde 117mila euro

 
I DANNI
Maltempo, Brindisino ko: danni e disagi ovunque

Maltempo, Brindisino ko: danni e disagi ovunque

 
IL DRAMMA
Odissea di un papà: da cinque anni non vede il piccolo

Brindisi, l'odissea di un papà: da cinque anni non vede il suo piccolo

 
LA TRAGEDIA
Brindisi, in fin di vita al Perrino l'uomo ustionato dalla moglie

Brindisi, in fin di vita al Perrino l'uomo ustionato dalla moglie

 
AMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 
nel Brindisino
Mesagne, minacce ai genitori: «Soldi per la droga o brucio casa», arrestato 31enne

Mesagne, minacce ai genitori: «Soldi per la droga o brucio casa», arrestato 31enne

 
VANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 
L'incidente
Brindisi, aggredito con l'acido dalla moglie: grave uomo di 52 anni

Brindisi, aggredito con l'acido: 52enne lotta tra la vita e la morte, arrestata moglie

 
l'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 

Il Biancorosso

serie c
La C del Bari sarà da brividi grandi firme nel girone Sud

La C del Bari sarà da brividi: grandi firme nel girone Sud

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baril'attentato
Toritto, incendiata auto dirigente comunale: telecamera riprende 2 che appiccano fuoco

Toritto, incendiata auto dirigente comunale: telecamera riprende 2 che appiccano fuoco

 
TarantoL'appello
Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

 
Foggiala denuncia
Sa Severo, abbattuti 5 ettari di tendoni di uva: «Atto criminale»

Sa Severo, abbattuti 5 ettari di tendoni di uva: «Atto criminale»

 
MateraNel materano
Farrandina, sono positivi al Covid tre migranti dei 9 in fuga da Centro accoglienza

Ferrandina, positivi al Covid tre migranti tunisini in fuga da Centro accoglienza

 
Potenzala denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 
Leccegiornalismo
Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

 
Batl'evento
Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

 

i più letti

San Vito dei Normanni

Deficit igienico-sanitari e non solo
chiuse tre strutture per adolescenti

Deficit igienico-sanitari e non solo chiuse tre strutture per adolescenti

di RAFFAELE ROMANO

SAN VITO DEI NORMANNI - Con tre distinti provvedimenti, adottati dal responsabile del Servizio competente, il Comune di San Vito dei Normanni ha disposto la revoca dell’autorizzazione al funzionamento e la chiusura di tre comunità educative per minori che hanno sede nel territorio comunale. Infatti, sia per «Giocasa» che per «Favorita 1» e «Favorita 2», tutte gestite da una cooperativa sociale di Brindisi, la Giocartacli, sono venuti meno i presupposti per la prosecuzione delle attività.

Qualche giorno addietro, l’apposita Commissione di valutazione ha riscontrato nel corso di specifici sopralluoghi seri problemi di natura tecnica (tra cui carenze igienico-sanitarie, disordine nella tenuta del mobilio e delle suppellettili, derrate alimentari insufficienti per le necessità degli utenti, camere da letto non rispondenti ai parametri previsti), organizzativa (quali mancanza di un progetto educativo personalizzato, della cartella psico-sociale di ogni ospite e del registro giornaliero delle presenze) e funzionale (come la presenza di operatori nella struttura in numero insufficiente e non in possesso dei titoli professionali richiesti).

Per la cronaca, va detto che sul finire dell’estate era stato presentato un esposto anonimo nel quale venivano segnalate varie irregolarità nella gestione delle tre comunità e che il mese scorso, in una di esse, vi era stato un sopralluogo anche da parte del personale della sezione di Polizia giudiziaria della Procura presso il Tribunale per i minorenni di Lecce (che aveva puntualmente riferito sulle cattive condizioni rilevate).

Di queste ore, come si diceva, la revoca delle autorizzazioni comunali, rilasciate due anni fa, e l’ordine di chiudere.

L’esecuzione di questi provvedimenti, ovviamente, significherà che i 22 ragazzi ospitati, molti dei quali già inseriti nel tessuto sociale cittadino (c’è chi frequenta la scuola media di San Vito dei Normanni, chi sta svolgendo anche percorsi di alternanza scuola-lavoro) dovranno lasciare tutto e cominciare altrove un nuovo percorso di integrazione.

Cosa che il sindaco della città, Domenico Conte, vorrebbe scongiurare: «Ho chiesto al prefetto la convocazione urgente di un tavolo tecnico per esaminare ipotesi che non allontanino dalla comunità locale questi minori stranieri. Molti di loro si sono davvero bene integrati e per loro, indubbiamente, il trasferimento in altri centri sarebbe un nuovo trauma». Il sindaco vorrebbe proporre una soluzione tampone: «Si potrebbe magari pensare - dice - all’utilizzo di una sola delle tre strutture, quella che presenta meno problematiche, perciò risolvibili, e concentrare lì almeno i ragazzi che sono inseriti nel contesto scolastico e lavorativo cittadino. Parto dal presupposto che alcuni di questi ragazzi, ormai, fanno parte della nostra comunità».

Un’ipotesi, solo un’ipotesi, da valutare con tutti gli altri attori interessati e, soprattutto, nel pieno rispetto delle norme.

Intanto, da indiscrezioni raccolte, sembra che siano state già individuate strutture alternative in grado di ospitare i giovani migranti finora alloggiati a «Giocasa» (ubicata in contrada Conforto, nei pressi della ex statale 16 per Brindisi), «Favorita 1» e «Favorita 2» (queste ultime nell’omonima contrada, vicino San Michele Salentino).

La notizia, inutile dirlo, ha sconvolto l’opinione pubblica. E poi - altro aspetto non da poco - presso quelle tre strutture operano diversi sanvitesi: inevitabili le ripercussioni anche sul fronte occupazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie