Venerdì 22 Marzo 2019 | 01:09

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 
Ordinanza del Questore
San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

 
Indagano i Cc
Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

 
Maltrattamento di animali
Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

 
Il caso
Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

I contatti attraverso Fb

Brindisi, violenza su 12enne
chiesto processo per liceale

Brindisi, violenza su 12ennechiesto processo per liceale

PIERO ARGENTIERO

Chiesto il processo per lo studente diciannovenne brindisino Simone Perrino, ritenuto l’adescatore di un dodicenne. Chiesto anche il processo per il padre e uno zio del dodicenne: il primo per istigazione a picchiare lo studente, l’altro per averlo picchiato. Il rinvio a giudizio è stato chiesto dal procuratore Marco Dinapoli. Deciderà il giudice per l’udienza preliminare Maurizio Saso.

L’accusa mossa allo studente è di avere adescato il dodicenne attraverso Facebook, abusandone in almeno tre occasioni. Fu arrestato anche il padre del ragazzino per lesioni personali gravi. In un primo momento si pensò che l’uomo, scoperto ciò che il diciannovenne aveva fatto al figlio, lo prese a martellate provocandogli gravi ferite alle testa. Ma non era andata così. A picchiare il 12enne era stato lo zio che si presentò ai poliziotti e confessò. Il padre fu scarcerato ma non del tutto scagionato.
Simone Perrino, difeso dall’avvocato Gianvito Lillo, fu arrestato. Era il 20 maggio del 2016. Stando alla ricostruzione fatta dai poliziotti della Squadra Mobile, Perrino conobbe il dodicenne su Facebook attraverso un falso profilo. Si fece passare per una donna. Gli incontri avvennero nel parco Cesare Braico. Il diciannovenne si presentò all’appuntamento dicendo di essere stato delegato dalla donna a incontrarlo e lo costrinse ai rapporti sessuali con la promessa che gli avrebbe fatto conoscere questa fantomatica donna. I tre incontri sessuali avvennero in agosto, tutti nel parco del Braico.

L’inchiesta parte come tentato omicidio. È novembre. Il diciannovenne è ridotto in fin di vita. In ospedale arriva in coma. Operato alla testa, si riprende e dice di essere stato aggredito da alcuni extracomunitari. A marzo viene depositata la denuncia per abusi sessuali presentata dai genitori del dodicenne. Si sospetta che a ridurre in fin di vita lo studente è stato il padre del ragazzino. L’ordinanza di custodia cautelare viene emessa dal giudice per le indagini preliminari Luigi Forleo.
A scoprire l’abuso sessuale era stata la madre del dodicenne. Insospettita dai comportamenti del figlio entrò nella sua chat. Ne parlò al marito. Era novembre. Il genitore si trasformò in investigatore. Una domenica di novembre, negli scantinati del complesso Appia Verde, dalle parti del Cesare Braico, Perrino viene picchiato. La rabbia di chi lo colpisce è tanta. Gli fracassa la testa a colpi di martello.

La denuncia dei genitori viene presentata lo scorso marzo, quando lo studente si è praticamente ripreso. Arrestato prima il ragazzo, il padre si presenta successivamente perché è fuori. Il colpo di scena avviene quando si presenta ai poliziotti lo zio.

«Sono stato io – dice – e quelle ferite le ho provocate con un anello che porto sempre al dito».
Viene effettuato anche un incidente probatorio a due dodicenni, uno dei quali è il denunciante. I due confermano quanto detto in precedenza al pubblico ministero. In buona sostanza entrambi hanno confermato di essersi incontrati con il 19enne: una sola volta tutti e tre, mentre l’altro, quello i cui genitori sporsero denuncia lo scorso marzo, ha detto che gli incontri sono stati più di uno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400