Martedì 20 Agosto 2019 | 14:53

NEWS DALLA SEZIONE

Su Instagram
Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

 
Maltrattamenti
Francavilla F.na, massacrava di botte i genitori per avere soldi per sigarette

Francavilla F.na, massacrava di botte i genitori per avere soldi per sigarette

 
Atti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 
L’operazione della Gdf
Fasano, sequestrati libri per oltre 1 mln di euro: messi in vendita da casa editrice fallita

Fasano, sequestrati libri per 1,3 mln: messi in vendita da casa editrice Schena fallita

 
Il caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
L'evento
S. Michele Salentino, il paese si racconta con le video proiezioni

S. Michele Salentino, il paese si racconta con le video proiezioni

 
Nel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
Nel Brindisino
Lineamediterranea: a Fasano si parte con il sacrificio virtuale di solidarietà all'Ulivo Monumentale della Puglia

Lineamediterranea: a Fasano si parte con il sacrificio virtuale di solidarietà all'Ulivo Monumentale della Puglia

 
decenni di violenze
Ostuni, maltratta la compagna per 20 anni: allontanato da casa

Ostuni, maltratta la compagna per 20 anni: allontanato da casa

 
L’operazione
Porto Brindisi, GdF sequestra 40mila scarpe Converse contraffatte

Porto Brindisi, GdF sequestra 40mila scarpe Converse contraffatte

 
L'episodio
Brindisi, distrugge un'auto parcheggiata a martellate: arrestata 37enne

Brindisi, distrugge un'auto parcheggiata a martellate: arrestata 37enne

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, le prove sono finitemanca una identità definita

Bari, le prove sono finite manca una identità definita

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiSu Instagram
Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

 
MateraNel Materano
Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

 
BariNodi critici
Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

 
TarantoSequestrate dalla Guardia Costiera
Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

 
PotenzaOperazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
FoggiaL'INGV
Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

 
LecceA Torre Lapillo
Lecce, turismo e prezzi: scoppia la polemica della frisella

Lecce, turismo e prezzi salati: scoppia la polemica della frisella

 
BatL'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 

i più letti

I contatti attraverso Fb

Brindisi, violenza su 12enne
chiesto processo per liceale

Brindisi, violenza su 12ennechiesto processo per liceale

PIERO ARGENTIERO

Chiesto il processo per lo studente diciannovenne brindisino Simone Perrino, ritenuto l’adescatore di un dodicenne. Chiesto anche il processo per il padre e uno zio del dodicenne: il primo per istigazione a picchiare lo studente, l’altro per averlo picchiato. Il rinvio a giudizio è stato chiesto dal procuratore Marco Dinapoli. Deciderà il giudice per l’udienza preliminare Maurizio Saso.

L’accusa mossa allo studente è di avere adescato il dodicenne attraverso Facebook, abusandone in almeno tre occasioni. Fu arrestato anche il padre del ragazzino per lesioni personali gravi. In un primo momento si pensò che l’uomo, scoperto ciò che il diciannovenne aveva fatto al figlio, lo prese a martellate provocandogli gravi ferite alle testa. Ma non era andata così. A picchiare il 12enne era stato lo zio che si presentò ai poliziotti e confessò. Il padre fu scarcerato ma non del tutto scagionato.
Simone Perrino, difeso dall’avvocato Gianvito Lillo, fu arrestato. Era il 20 maggio del 2016. Stando alla ricostruzione fatta dai poliziotti della Squadra Mobile, Perrino conobbe il dodicenne su Facebook attraverso un falso profilo. Si fece passare per una donna. Gli incontri avvennero nel parco Cesare Braico. Il diciannovenne si presentò all’appuntamento dicendo di essere stato delegato dalla donna a incontrarlo e lo costrinse ai rapporti sessuali con la promessa che gli avrebbe fatto conoscere questa fantomatica donna. I tre incontri sessuali avvennero in agosto, tutti nel parco del Braico.

L’inchiesta parte come tentato omicidio. È novembre. Il diciannovenne è ridotto in fin di vita. In ospedale arriva in coma. Operato alla testa, si riprende e dice di essere stato aggredito da alcuni extracomunitari. A marzo viene depositata la denuncia per abusi sessuali presentata dai genitori del dodicenne. Si sospetta che a ridurre in fin di vita lo studente è stato il padre del ragazzino. L’ordinanza di custodia cautelare viene emessa dal giudice per le indagini preliminari Luigi Forleo.
A scoprire l’abuso sessuale era stata la madre del dodicenne. Insospettita dai comportamenti del figlio entrò nella sua chat. Ne parlò al marito. Era novembre. Il genitore si trasformò in investigatore. Una domenica di novembre, negli scantinati del complesso Appia Verde, dalle parti del Cesare Braico, Perrino viene picchiato. La rabbia di chi lo colpisce è tanta. Gli fracassa la testa a colpi di martello.

La denuncia dei genitori viene presentata lo scorso marzo, quando lo studente si è praticamente ripreso. Arrestato prima il ragazzo, il padre si presenta successivamente perché è fuori. Il colpo di scena avviene quando si presenta ai poliziotti lo zio.

«Sono stato io – dice – e quelle ferite le ho provocate con un anello che porto sempre al dito».
Viene effettuato anche un incidente probatorio a due dodicenni, uno dei quali è il denunciante. I due confermano quanto detto in precedenza al pubblico ministero. In buona sostanza entrambi hanno confermato di essersi incontrati con il 19enne: una sola volta tutti e tre, mentre l’altro, quello i cui genitori sporsero denuncia lo scorso marzo, ha detto che gli incontri sono stati più di uno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie