Domenica 26 Giugno 2022 | 01:00

In Puglia e Basilicata

Il caso

Cemento con le polveri della centrale Enel di Cerano? Annullati i rinvii a giudizio

«Brindisi, centrale Cerano a rischio per la salute»

Udienza preliminare da rifare per 18 persone, di cui 11 manager Enel e 7 della Cementir di Taranto

26 Maggio 2022

Redazione online

BRINDISI - È stata dichiarata nulla l’udienza preliminare del 22 ottobre scorso nella quale si disponeva il rinvio a giudizio per 18 persone, di cui 11 manager Enel e 7 della Cementir (ora Cemitaly) di Taranto, e delle due stesse società, per illecito amministrativo nell’inchiesta della Procura distrettuale di Lecce sul presunto impiego di ceneri della centrale Enel di Cerano (Brindisi) per realizzare cemento.

Sono state infatti accolte oggi, nel corso della prima udienza dibattimentale a Brindisi, le richieste dei difensori di Enel Produzione spa e Cemitaly, di dichiarare la nullità dell’udienza preliminare perché «una parte» di essa «si è svolta senza la necessaria presenza delle parti con conseguente nullità assoluta, ai sensi degli art. 178 lett. c e 179, ritualmente eccepita dalle parti».

Il giudice ha disposto la restituzione degli atti al gup distrettuale presso il tribunale di Lecce. Bisognerà dunque rifare l’udienza preliminare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

BAT

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725