Sabato 28 Marzo 2020 | 16:37

NEWS DALLA SEZIONE

a cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 
nel brindisino
Oria, ordinano 12mila mascherine a esercente cinese ma lo rapinano: arrestati 2 fratelli

Oria, ordinano 12mila mascherine a esercente cinese ma lo rapinano: arrestati 2 fratelli

 
intervengono i vigili del fuoco
Brindisi, incendio in ex ospedale Di Summa: ospiterà il laboratorio per analizzare tamponi Covid-19

Brindisi, incendio in ex ospedale Di Summa: ospiterà il laboratorio per analizzare tamponi Covid-19

 
la protesta
Coronavirus, fino a 5 giorni per risultati tampone: medici Brindisi scrivono a Emiliano

Coronavirus, fino a 5 giorni per risultati tampone: medici Brindisi scrivono a Emiliano Lui chiede al governo mascherine e reagenti

 
l'azione
Brindisi, in tanti nel circolo privato a bere, tra loro anche una persona ai domiciliari: intervengono i cc

Brindisi, in tanti nel circolo privato a bere, tra loro anche una persona ai domiciliari: intervengono i cc

 
L'appello
Coronavirus a Brindisi, medici denunciano carenze in ospedali

Coronavirus a Brindisi, medici denunciano carenze in ospedali

 
Il caso
Xylella, Coldiretti Puglia: «A Brindisi pronte 605 ordinanze per abbattere ulivi»

Xylella, Coldiretti Puglia: «A Brindisi pronte 605 ordinanze per abbattere ulivi»

 
emergenza
Xylella, pronte 605 ordinanze di abbattimento alberi nel Brindisino

Xylella, pronte 605 ordinanze di abbattimento alberi nel Brindisino

 
controlli
Ostuni, nascondeva fucile e munizioni sotto il materasso: arrestato 41enne incensurato

Ostuni, nascondeva fucile e munizioni sotto il materasso: arrestato 41enne incensurato

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoemergenza coronavirus
Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

 
Foggial'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
Homeemergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
Leccel'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
Potenzail bollettino
Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 
Batemergenza coronavirus
Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

 
Brindisia cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 

La curiosità

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

Nei laboratori della BioFaber, i ricercatori made in Puglia fanno fermentare funghi e batteri attraverso un processo produttivo da cui sintetizzano la cellulosa nanostrutturata

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

BRINDISI - Ha usato un esempio semplice, Mariangela Stoppa, la ricercatrice di Ceglie Messapica: “Hai presente quando le nostre mamme rigenerano il lievito? Più o meno il mio lavoro è così.” E si perché nei laboratori della BioFaber, i ricercatori made in Puglia fanno fermentare funghi e batteri attraverso un processo produttivo che avviene in coltura acquosa arricchita di zuccheri di scarti alimentari, come melasse, sanse, acque di vegetazione delle olive, come materie prime seconde, dalle quali i microorganismi sintetizzeranno la cellulosa nanostrutturata. Biofaber si configura come una realtà dinamica e flessibile che coniuga la tradizionale vocazione imprenditoriale italiana all’innovazione tecnologica e al design bioispirato per sviluppare materiali ecocompatibili. Biofaber nasce dall’unione di più menti creative e da un’intensa collaborazione con l’Università del Salento e l’associazione BioDesArt (vincitrice del concorso Principi Attivi 2012 Giovani Idee per una Puglia Migliore). Il team è composto dal Prof. Antonio Licciulli docente alla Facoltà di Ingegneria con la collaborazione di colleghi indiani (Sanosh Kunjalukkal Padmanabhan e Sudipto Kumar Pal, entrambi chimici), la biotecnologa Rossella Nisi e Concetta Martucci e Pasquale Cretì ricercatori del CNR IMM di Lecce e Carmelo Protopapa chirurgo estetico. In questo team c’è la co-fondatrice 38enne Mariangela Stoppa che, da alcuni anni, e dopo un Master in Eco-Design ed Eco Innovazione ed un dottorato di ricerca nelle Marche in Architettura e Disegno sperimentale ed un “contatto ravvicinato” con la natura che ha tracciato la strada della ricerca “Il periodo del dottorato mi ha permesso di studiare e comprendere quali tecnologie e materiali potevano essere sostenibili – afferma Mariangela. Il processo produttivo della cellulosa batterica, ad esempio, ha un basso impatti ambientale perché riutilizza scarti alimentari e non utilizza sostanze chimiche tossiche.

L’innovativo processo produttivo del biopolimero nanostrutturato è quello di una bio-fabbrica, poiché i microorganismi diventano fabbriche in miniatura in grado di auto-assemblare il polimero utilizzando una bassa intensità di energia e materia ed un alto potenziale rigenerativo. La parola chiave, in tutto ciò, è “rigenerazione”, che oggi vediamo associata in molti ambiti disciplinari dall’agricoltura all’ architettura. Il vecchio che diventa nuovo. Oggi abbiamo aggiunto più consapevolezza a ciò.” Nel 2014 BioFaber vince il primo premio della Start Cup Puglia, per il settore industrial, con il progetto Green Skin, un biomateriale con carattere, percezione tattile e visiva paragonabili alla pelle animale e sintetica. “Ovviamente siamo nella fase di ricerca– continua Mariangela – e dare una direzione più concreta significa trovare chi crede in questa ricerca.” Un medico ci ha creduto e ha finanziato la società nell’ambito del biomedicale e sono “così iniziate le prime collaborazioni con vari ricercatori e imprese, che ci hanno consentito di indagare l’impiego della cellulosa batterica in vari settori: design, moda e biomedicale.” Nel settore del biomedicale, la cellulosa batterica si presta come scaffold e bende per la rigenerazione dei tessuti umani. In questo ambito sono in atto degli studi, coordinati dalla Prof.ssa Delia Franchini (della Sezione di Chirurgia del Dipartimento di Medicina Veterinaria di Bari), per la valutazione dell’efficacia di una crema, arricchita da olii naturali con proprietà antibatteriche e cicatrizzanti. Gli olii utilizzati per il medicamento è il MIX 557 brevetto ENEA (la Dott.ssa Fiorella Carnevali dell’ENEA inventrice, insieme al dott. Van DerEsch) che in associazione alla pasta di cellulosa, sono stati applicati su ferite spontanee negli animali da compagnia, quali cani e gatti ma anche selvatici come tartarughe marine e volatili. Gli studi hanno dimostrato che i tempi di cicatrizzazione sono inferiori e non si creano cheloidi. Nel settore dell’elettronica, la cellulosa batterica viene utilizzata come supporto per realizzare micro-sensori o batterie. Mentre nell’ambito della conservazione e restauro del legno antico, la cellulosa batterica è adottata per rinforzare il legno ritrovato in ambiente marino. Certo, sono filoni molto embrionali per i quali servono finanziamenti per vedere il lavoro finito ed i soldi non piovono dal cielo. C’è, sicuramente, un potenziale interessante al sud per i ricercatori liberi professionisti, l’importante è la collaborazione tra più realtà, con l’associazione BioDesArt stiamo costruendo delle reti di collaborazione rivolte ad idee eticamente, socialmente, ambientalmente ed economicamente orientati a valorizzare l’identità del territorio. “L’impegno è di tutelare e valorizzare la biodiversità – conclude Mariangela – la natura è da sempre fonte di ispirazione grandissima, per questo bisogna averne cura e rispetto altrimenti ci autoeliminiamo.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie