Lunedì 21 Gennaio 2019 | 04:04

NEWS DALLA SEZIONE

Arte
Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

 
Nel Brindisino
Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
Da Maria De Filippi
Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

 
Nel pieno della movida
Brindisi, spari dopo una lite in un locale: ferito un 27enne

Brindisi, sparò a 27enne dopo lite in un locale, 20enne si costituisce

 
Ss 172 dir.
Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

 
Lotta con il sindaco
Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

 
L'iniziativa
Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

 
Cucina
La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

 
Istruzione
Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

 

A Mesagne

Prosciugano il conto di una 86enne dopo averle preso il bancomat

Marito e moglie hanno acquistato un viaggio per due persone in una capitale europea, uno smartphone Samsung Galaxy S9, un set di pneumatici invernali, hanno anche pagato il passaggio di proprietà di un’auto che hanno acquistato.

carabinieri

BRINDISI - Hanno prosciugato il conto corrente di un’anziana usando, a sua insaputa, la carta bancomat. Utilizzando la tessera elettronica di una 86enne mesagnese due coniugi di Mesagne hanno effettuato una serie di prelievi di denaro contante e si sono dati alle pazze spese.

Con il bancomat della nonnina marito e moglie hanno acquistato un viaggio per due persone in una capitale europea, uno smartphone Samsung Galaxy S9, un set di pneumatici invernali, hanno anche pagato il passaggio di proprietà di un’auto che hanno acquistato. Inchiodati alle loro responsabilità dagli investigatori della squadra di Polizia giudiziaria del commissariato di pubblica sicurezza di Mesagne, nei giorni scorsi T.G., 45 anni, e C.M., 36 anni, entrambi mesagnesi, si sono visti notificare l’avviso di conclusione delle indagini preliminari a loro carico. Marito e moglie sono indagati «ai sensi dell’art. 493 ter c.p. perché, in concorso tra loro, con più azioni esecutive di un unico disegno criminoso, utilizzavano indebitamente, non essendone titolari, la carta bancomat intestata ad una anziana signora (86 anni), effettuando prelievi e facendo acquisti per un importo complessivo di circa 17.000 euro».

A mettere in moto la macchina investigativa è stata la denuncia (contro ignoti), sporta nel settembre scorso, da parte della nonnina. Quando l’anziana si è resa conto che, a partire dallo scorso mese di maggio, il suo conto corrente subiva un’inarrestabile emorragia di denaro per prelievi e acquisti che non era lei ad effettuare, si è rivolta ai detective del vice questore aggiunto Rosalba Cotardo. L’indagine effettuata dal poliziotti ha condotto all’identificazione della coppia di mesagnesi, che si era «appropriata» del bancomat della 86enne e lo aveva utilizzato per darsi alla bella vita.

L’anziana che è stata vittima dello stillicidio di denaro dal suo conto corrente, vive da sola in casa. Riceve le visite di diverse persone, familiari e no. La carta bancomat era custodita nella sua abitazione ed è evidente – è la considerazione degli investigatori – che i due malfattori, per entrarne in possesso ed utilizzarla al «bisogno», si siano avvalsi della complicità di qualcuno che aveva facile accesso nell’abitazione della donna. Continuano, infatti, le indagini tese a scoprire «l’intermediario» tra la carta bancomat e l’anziana donna.
Una cosa è certa: le emorragie di denaro dal conto corrente dell’86enne sono state interrotte grazie alla sinergia investigativa tra poliziotti del commissariato di Mesagne e il procuratore di Brindisi, titolare del procedimento penale aperto a carico della coppia di mesagnesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400