Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 08:38

NEWS DALLA SEZIONE

A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

Nel Brindisino

Oria, due baby rapinatori incastrati dal Dna: arrestati

Un 19enne e un 21enne avrebbero agito insieme in almeno due occasioni, sempre armati di pistole o coltelli

BRINDISI - Due baby rapinatori, rispettivamente di 19 e 21 anni, sono stati arrestati dai carabinieri di Oria, in provincia di Brindisi, con l'accusa di essere coinvolti in alcune rapine a mano armata (con tanto di coltello e pistola) e con il volto coperto ai danni di attività commerciali. Il 21enne è di Oria, mentre il 19enne è residente nella vicina Latiano. Nei loro confronti è stata eseguita una ordinanza cautelare emessa dal gip del Tribunale di Brindisi Giuseppe Biondi, su richiesta del pubblico ministero Francesco Carluccio. Gli episodi contestati riguardano un'attività di vendita di prodotti per la casa e una tabaccheria e risalgono ad agosto e novembre 2017. Il più giovane, inoltre, avrebbe agito da solo in altri 'colpi' ad agosto 2016 in una tabaccheria e nel novembre 2017 in concorso con un complice ignoto in un'edicola. Alla loro identificazione si è giunti, sia a seguito dell'analisi del modo di agire che dagli esiti degli accertamenti tecnico scientifici di tipo genetico (dna) sugli indumenti indossati in occasione delle rapine e repertati. I due avrebbero commesso due rapine insieme, mentre al 19enne ne sono attribuite in tutto quattro.

La prima rapina insieme, dell'agosto 2017, ebbe come obiettivo il negozio 'Bolle di Sapone'. Entrambi i rapinatori con il volto coperto ed armati con un coltello a serramanico, entrati nel negozio in tarda serata, si impossessarono del registratore di cassa contenente 700 euro. L'abbigliamento utilizzato venne trovato per terra poco lontano dai carabinieri, unitamente al cassetto del registratore con pochi soldi rimasti. La seconda rapina, del novembre 2017, fu messa a segno nella tabaccheria di via Pagano verso mezzogiorno: due banditi mascherati di cui uno armato di pistola minacciarono e strattonarono la proprietaria, ordinandole di consegnare il denaro custodito nella cassa e nella macchinetta mangiasoldi per un totale di 440 euro.

Un cliente venne minacciato con l'arma e fu costretto ad inginocchiarsi. Anche in questo caso i militari, seguendo il percorso di fuga dei rapinatori, trovarono in una casa in via di ultimazione non molto distante, per terra, un sacchetto con scarpe ed alcuni indumenti tra cui due maniche per felpa tagliate e modificate come passamontagna. L'esame delle immagini del sistema di videosorveglianza immortalarono i rapinatori fornendo conferme del tipo di vestiario indossato.

Le indagini si sono concentrate sul 19enne ma presto i militari hanno scoperto un rapporto di conoscenza e frequentazione con il 21enne che è stato perquisito nella propria abitazione. Questi, successivamente si è presentato nella caserma dei carabinieri di Oria rendendo dichiarazioni spontanee confessorie ma rifiutandosi comunque di indicare il nome del complice e sottoponendosi volontariamente al prelievo di campione biologico.

La terza rapina contestata al 19enne è stata commessa in solitaria nella tabaccheria di piazza Manfredi, con bottino di oltre 3.700 euro. L'evento venne ripreso interamente dalle telecamere. La quarta rapina sempre il 19enne l'avrebbe messa a segno con un complice con volto coperto da passamontagna e armato di un coltello, all'interno dell'edicola Caprino, per portare via  600 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400