Mercoledì 22 Gennaio 2020 | 09:33

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Nel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 
Il caso
Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

 
La storia
Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

 
Abusivismo
Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

 
Un 26enne
Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

 
I funerali
Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

 

Il Biancorosso

mercato
Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeL'operazione
Puglia, mafia e gioco d'azzardo, arrestati componenti della Sacra corona unita

Puglia, mafia e gioco d'azzardo, arrestati componenti della Sacra corona unita

 
FoggiaLa lettera
Peschici, ex sindaco arrestato e assolto scrive al Capo dello Stato

Peschici, ex sindaco arrestato e assolto scrive al Capo dello Stato

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi

 
GdM.TVSequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
TarantoLa sentenza
Caso Scazzi, processo ai falsi testimoni: 4 anni a Ivano Russo, 5 anni a Michele Misseri

Caso Scazzi, 11 condanne per le bugie al processo: 5 anni a Ivano Russo, 4 anni a Michele Misseri

 
Potenzaserie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 

i più letti

Nel Brindisino

Oria, due baby rapinatori incastrati dal Dna: arrestati

Un 19enne e un 21enne avrebbero agito insieme in almeno due occasioni, sempre armati di pistole o coltelli

BRINDISI - Due baby rapinatori, rispettivamente di 19 e 21 anni, sono stati arrestati dai carabinieri di Oria, in provincia di Brindisi, con l'accusa di essere coinvolti in alcune rapine a mano armata (con tanto di coltello e pistola) e con il volto coperto ai danni di attività commerciali. Il 21enne è di Oria, mentre il 19enne è residente nella vicina Latiano. Nei loro confronti è stata eseguita una ordinanza cautelare emessa dal gip del Tribunale di Brindisi Giuseppe Biondi, su richiesta del pubblico ministero Francesco Carluccio. Gli episodi contestati riguardano un'attività di vendita di prodotti per la casa e una tabaccheria e risalgono ad agosto e novembre 2017. Il più giovane, inoltre, avrebbe agito da solo in altri 'colpi' ad agosto 2016 in una tabaccheria e nel novembre 2017 in concorso con un complice ignoto in un'edicola. Alla loro identificazione si è giunti, sia a seguito dell'analisi del modo di agire che dagli esiti degli accertamenti tecnico scientifici di tipo genetico (dna) sugli indumenti indossati in occasione delle rapine e repertati. I due avrebbero commesso due rapine insieme, mentre al 19enne ne sono attribuite in tutto quattro.

La prima rapina insieme, dell'agosto 2017, ebbe come obiettivo il negozio 'Bolle di Sapone'. Entrambi i rapinatori con il volto coperto ed armati con un coltello a serramanico, entrati nel negozio in tarda serata, si impossessarono del registratore di cassa contenente 700 euro. L'abbigliamento utilizzato venne trovato per terra poco lontano dai carabinieri, unitamente al cassetto del registratore con pochi soldi rimasti. La seconda rapina, del novembre 2017, fu messa a segno nella tabaccheria di via Pagano verso mezzogiorno: due banditi mascherati di cui uno armato di pistola minacciarono e strattonarono la proprietaria, ordinandole di consegnare il denaro custodito nella cassa e nella macchinetta mangiasoldi per un totale di 440 euro.

Un cliente venne minacciato con l'arma e fu costretto ad inginocchiarsi. Anche in questo caso i militari, seguendo il percorso di fuga dei rapinatori, trovarono in una casa in via di ultimazione non molto distante, per terra, un sacchetto con scarpe ed alcuni indumenti tra cui due maniche per felpa tagliate e modificate come passamontagna. L'esame delle immagini del sistema di videosorveglianza immortalarono i rapinatori fornendo conferme del tipo di vestiario indossato.

Le indagini si sono concentrate sul 19enne ma presto i militari hanno scoperto un rapporto di conoscenza e frequentazione con il 21enne che è stato perquisito nella propria abitazione. Questi, successivamente si è presentato nella caserma dei carabinieri di Oria rendendo dichiarazioni spontanee confessorie ma rifiutandosi comunque di indicare il nome del complice e sottoponendosi volontariamente al prelievo di campione biologico.

La terza rapina contestata al 19enne è stata commessa in solitaria nella tabaccheria di piazza Manfredi, con bottino di oltre 3.700 euro. L'evento venne ripreso interamente dalle telecamere. La quarta rapina sempre il 19enne l'avrebbe messa a segno con un complice con volto coperto da passamontagna e armato di un coltello, all'interno dell'edicola Caprino, per portare via  600 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie