Martedì 23 Aprile 2019 | 22:21

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

Affidamenti esterni

Incarichi «gemelli» all'Asl
il caso di 2 legali barlettani

Le rivelazioni dell'albo pretorio: i due professionisti sono anticipati staccati da un «primatista»

Incarichi «gemelli» all'Aslil caso di 2 legali barlettani

Barletta - C’è un singolare fenomeno all’interno del già curioso proliferare di incarichi all’interno dell’Azienda sanitaria locale di Barletta, Andria, Trani. Si tratta della posizione a pari merito (40 incarichi ciascuno, secondo posto ex aequo su 50 studi) ricoperta da due avvocati di Barletta, Angela Rizzi e Paolo Filannino, nell’arco temporale preso in esame da Franco Corcella, coordinatore cittadino della Camera del lavoro-Cgil (gennaio 2015-settembre 2016).
I due legali condividono la piazza d’onore a una decina di lunghezze (pardon, controversie) dall’avvocato Alberto Coccioli (50), le cui costituzioni in giudizio, tuttavia, appaiono più impegnative, di quelle generalmente assegnate ai colleghi barlettani, molto spesso in merito al mancato «riconoscimento del diritto all’esenzione dal pagamento al ticket farmaceutico».
Ragion per cui la direzione generale dell’Asl, «esaminato con particolare attenzione l’atto introduttivo e rilevata la “particolarità” dell’oggetto della materia del contendere, ritenendo necessario e doveroso procedere alla costituzione in giudizio nei trmini di legge, pena la contumacia, dinanzi al Tribunale di Trani - Sezione Lavoro», si costituisce in giudizio «per il tramite di un legale di fiducia dell’Amministrazione, individuato attraverso le competenze professionali maturate in relazione allo specifico oggetto della vertenza e, previo accertamento, che il professionista nominato non abbia mai incardinato alcun giudizio conro questa Asl».
Tutto questo non prima di aver considerato (dall’aprile 2016 in qua, in precedenza la formula era differente, ndr) che «l’avv. Travi Raffaella, dirigente della Struttura burocratica legale, essendo l’unico Avvocato dell’Azienda, ha un carico di lavoro considerevole che non le consente di assumere la difesa nel giudizio oggetto della presente deliberazione».
In varie occasioni, gli incarichi vengono conferiti in pari numero ai due legali, quasi ci fosse un «contrappeso». Succede il 21 aprile 2016 (due a testa), il 7 luglio dello stesso anno (sempre due a testa). Ancora il 1° settembre di quest’anno, quando Filannino sopravanza Rizzi (quattro incarichi a tre), ma la casistica è ben più ricca.
Domanda: perché? Boh! Centra in qualche modo la politica? L’avv. Angela Rizzi è entrata alcuni mesi fa nella direzione regionale del Partito democratico. Più sfumata (con indizi non univoci) l’eventuale appartenenza politica dell’avv. Paolo Filannino. Certo è che l’attribuzione «gemellare» degli incarichi legali (per numero e qualità dell’impegno richiesto) appare quantomeno paradossalmente curiosa.
Qualcuno è in grado di svelare il mistero?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400