Giovedì 21 Gennaio 2021 | 14:54

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BariIl caso
Bari, cartelle pazze? No, dalla Asl 35mila avvisi a caccia dei furbetti del ticket

Bari, cartelle pazze? No, dalla Asl 35mila avvisi a caccia dei furbetti del ticket

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 

i più letti

Cervelli in fuga

Da Margherita di Savoia a Londra come Vip Manager: «Devo tutto alla mia pugliesità»

Serena Piazzolla, 28enne, lavora come Team leader per il Noe (North of Europe) in una azienda che vende articolo di lusso.

Da Margherita di Savoia a Londra come Vip Manager: «Devo tutto alla mia pugliesità»

BARLETTA - Serena Piazzolla, 28enne di Margherita di Savoia, è una giovane e bella donna che trasmette positività. Il suo orizzonte è oltre. Grazie ai suoi studi e agli insegnamenti di mamma Anna e papà Rino, da anni, vive e lavora all’estero. In Italia, almeno per il momento, non c’è nulla per lei. Studi al liceo «Staffa» di Trinitapoli, università a San Marino, poi Cork in Irlanda e da cinque anni a Londra. Serena, convinta sostenitrice del sogno europeo e «assolutamente contraria alla scellerata decisione della Brexit» racconta il suo percorso alla Gazzetta.

Che ruolo svolgi nel tuo lavoro?
«Lavoro per una compagnia francese chiamata Vestiaire Collective. È una famosa piattaforma online dedicata alla vendita e all'acquisto di articoli di lusso di seconda mano che vengono autentificati e controllati prima della spedizione. L'idea è basata sul principio della sostenibilitá, moda circolare e lotta alla contraffazione. Il mio ruolo è Noe (North of Europe) Vip Manager and Team Leader. Sono a capo di 5 ragazze nel dipartimento Vip di Inghilterra, Irlanda e Paesi Bassi. Mi occupo della parte vendita. Devo mantenere relazioni con clienti ricchi e famosi che non usano il 60% del loro guardaroba e decidono di vendere i prodotti non usati sul nostro sito. Stiamo parlando di articoli come borse di Hermes, Chanel o orologi Rolex, Cartier. Inoltre, organizzo eventi e altre attivitá per reclutare nuovi clienti. La parte meno divertente del mio lavoro ma forse la piú interessante riguarda le analisi di mercato per capire come far crescere il dipartimento e come raggiungere i target aziendali».

Come si svolge una giornata tipo (se esiste)?
«Ogni giorno è diverso. Ma ci sono tre giornate tipo. Opzione 1: intensa giornata d'ufficio dove sono coinvolta in meetings con il mio team e con quello internazionale durante la mattina. Nel pomeriggio relazioni con le clienti e valuto il loro articoli da vendere. (2 la più divertente): collezioni personali con le clienti. In questo caso mi reco con una collega a casa della cliente, lei ci apre le porte del suo armadio e noi scegliamo i pezzi da vendere in base al mercato e ai trend del momento. (3) Fuori ufficio per eventi e questo mi puó impegnare anche i weekend».

Come sei arrivata questa occupazione?
«La fortuna di cercare lavoro a Londra è che vieni scelta non solo per il tuo curriculum ma anche e forse soprattutto per la tua personalità. Quando ho fatto il colloquio avevo zero esperienza nella moda. Ma tantissima voglia di imparare. Il mio capo mi ha scelta, per la mia forza di volontà e per la tenacia. Mai lavorato un minuto extra senza essere ricompensata, non mi sono mai sentita l'inesperta e l'ultima ruota del carro. Siamo 15 ragazze nell'ufficio di Londra, tutte amiche e ci divertiamo un sacco. L' unica competizione che esiste è prettamente formativa, nessuno fa sgambetti a nessuno quindi è molto facile crescere e ricoprire ruoli sempre più alti».

Quali studi hai compiuto?
«Liceo Staffa e Trinitapoli e studi all’Industrial Design (Iuav Università di Venezia) a San Marino. Gli anni più belli. Porto con me tantissimi bei ricordi e perciò evito di tornare sul monte per evitare pianti nostalgici. La mia laurea non ha nulla a che vedere con la moda ma mi ha formata tanto sulla cultura degli oggetti. È stato come studiare la storia partendo dalle case e dalla quotidianità della gente».

Quanto è stato duro transitare dal mondo dello studio a quello del lavoro?
«Fortunatamente il mio percorso universitario era anche molto pratico. Ho dovuto affrontare problematiche concrete e trovarne soluzioni in poco tempo. Per esempio, ricordo che all'ultimo ero impegnata nella costruzione di un robot (elementare) per un importante esame finale e la notte prima il mio progetto aveva magicamente smesso di funzionare. Il risultato fu una notte insonne, tante ansie e la ricerca disperata di un cacciavite per smontare tutto e ricominciare da zero. Questo tipo di situazione mi ha preparata al mondo del lavoro, a lavorare in gruppo rispettando le idee altrui e a farmi le ossa».

Come ti trovi all'estero?
«Molto, molto, molto bene. È importante avere la mente aperta quando si vive all'estero. Non si puó pretendere di andare via e lamentarsi delle differenze tra un paese e l'atro. Credo sia necessario tuffarsi in pieno nella nuova cultura. Io ho cercato sempre di avere amicizie inglesi e straniere perché è l'unico modo per trasformare quello che si crede essere diversità in familiarità. Ormai io capisco le loro battute, conosco sempre più i loro usi e costumi e questo succede semplicemente perché non giudico e non vanto la mia cultura essere la migliore in assoluto. C'e sempre un equilibrio. Detto ció, è sempre difficile passare le domeniche a casa da sola quando mamma, papà, zia, nonna e i cugini sono riuniti a tavola e ti mandano foto. Ma alla fine, io apprezzo tutto e forse anche di più proprio perché non vivo a casa con loro. Quando torno in Puglia sento l'odore del mare e la ventata del caldo mi emozionano. Vivere all'estero ti fa apprezzare la semplicità, ti fa vivere i rapporti familiari con piú calma e diplomazia. Casa è casa anche se sei felice fuori».

Ti senti un cervello all'estero?
«Anche ma sopratutto una coraggiosa all'estero. Quello che differenzia me da tanti altri ragazzi della mia età che aspirano a qualcosa di diverso è semplicemente la forza di volontà. Ma devo anche ammettere che il mio cervello è sicuramente molto piú apprezzato e stimolato in questo paese. Le opportunità di crescita datemi quando avevo solo 24 anni mi lasciano ancora senza parole. Non c'è "nonnismo" ma solo meritocrazia, qui più fai più conquisti».

Consigli a chi volesse imitare il tuo percorso?
«Abbatti il muro della paura e immergiti nella nuova cultura. Quello che spaventa all'inizio sarà la tua forza motrice durante il percorso e metro di giudizio per ogni situazione sconveniente in cui ti troverai. Le mie paure iniziali si sono trasformate in aneddoti divertenti. Sono nostalgica e sensibile, piango e mi emoziono per tutto ma nonostante questo io sono qui.. lontana, felice e fiera di me».

Progetti per il futuro?
«Continuare a crescere senza mai staccare i piedi da terra. Credo molto nell'azienda per cui lavoro, ne sono appassionata e questa è una carta vincente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie