Domenica 24 Marzo 2019 | 16:56

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Parla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 
Il caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 
Analisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
È intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
Nel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
Casa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
Il Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
L'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
Le dichiarazioni
Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

 
Il caso
Trani, i 65 anni della Lampara festeggiati dai vandali: il locale resta chiuso

Trani, i 65 anni della Lampara festeggiati dai vandali: il locale resta chiuso

 

Il Biancorosso

SERIE D
Palmese - Bari: segui la diretta

Palmese - Bari termina 0-0, biancorossi sempre più vicini alla C 
Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl gasdotto
Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
BatIl caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

Nordbarese

Andria, 20mln di euro per lavori canale Ciappetta-Camaggio

I consiglieri Zinni, Marmo e Caracciolo sul finanziamento regionale. Resta il rebus inquinamento

Andria, 20mln di euro per lavori canale Ciappetta-Camaggio

«È stato approvato l'11 marzo, ma reso noto oggi, un corposo finanziamento per la sistemazione del canale Ciappetta-Camaggio, derivante dalle risorse FSC 2014-2020 nell'ambito del Patto per lo Sviluppo della Regione Puglia. Ben 9.383.000 euro stanziati per la “conservazione statica del tratto tombato e sistemazione fino al canale deviatore” del canale in questione, per il tratto riguardante Andria». Lo sottolinea il consigliere regionale Sabino Zinni. Che aggiunge: «Sono poi 10.371.000 gli euro stanziati per i lavori sullo stesso canale, ma relativi al tratto di Barletta. In tutto circa 20 milioni di euro assegnati dunque al nostro territorio.La buona notizia arriva a conclusione di un complesso iter portato avanti dalla Regione Puglia. Qualunque andriese o barlettano, ancor più chi ci vive a ridosso, sa bene quale problema costituisca la situazione di quel canalone. Un problema che il nostro territorio si porta dietro da anni, gestito fin qui tramite opere di manutenzione e ripulitura ordinaria, opere certamente necessarie, ma non risolutive. Adesso invece, vista l’ingente somma aggiudicata, potremo risolvere le questioni aperte di quel canale in maniera strutturale». E poi: «Mi si consenta in conclusione un grazie particolarmente sentito per questo successo all'assessore regionale Giovanni Giannini. Un uomo abituato a fare più che a parlare, fondamentale per portare a casa risultati come questo».


«Sin dalla scorsa legislatura avevamo richiesto al governo regionale di intervenire sulle gravi questioni relative all’assetto idrogeologico del territorio della Bat». Così Nino Marmo, presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia. «In particolare - prosegue - siamo intervenuti ripetutamente per la messa in sicurezza dell’alveo del Ciappetta-Camaggio che comprende una vasta area ad ovest della città: il versante del Castel del Monte e il tratto coperto del canale che attraversa l’abitato. L’assessore Giannini -con il quale abbiamo svolto diversi incontri anche con la partecipazione dell’allora assessore comunale Luigi Di Noia, per valutare i vari progetti a tutela dell’abitato di Andria-comunica che il governo ha stanziato circa 9 milioni e 380 mila euro per finanziare il progetto di conservazione statica del tratto tombato del Ciappetta-Camaggio e di sistemazione fino al canale deviatore. Una buona notizia che speriamo risolva la questione di via Eritrea e di via Carmine e di altre situazioni che richiedono interventi».


Quello raggiunto - dice Filippo Caracciolo, presidente della seconda commissione regionale - è un risultato storico oltre che per le città di Andria e Barletta anche per tutto il territorio della provincia di Barletta-Andria-Trani".
Ciò dal punto di vista della sicurezza idrogeologica del canale alluvionale. Dal punto di vista delle acque che scarica quotidianamente in mare fra Trani e Barletta, tutto tace. Sulla più che eloquente immagine pubblicata martedì dalla Gazzetta, nessuno ha nulla da dire: dall’Arpa in giù e in su, solo silenzio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400