Lunedì 16 Settembre 2019 | 16:00

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
La lite
Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

 
La difesa
Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

 
Nel nordbarese
Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

 
Nel Nordbarese
Andria, nega precedenza e viene accoltellato davanti a moglie e figlia: muore 28enne

Andria, nega precedenza, muore accoltellato davanti a moglie e figlio Fermato 50enne

 
Il campione
Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano che ha cambiato la storia della corsa

Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano

 
Giustizia svenduta
Trani, magistrati arrestati: anche Nardi pronto a dire la sua verità

Trani, magistrati arrestati: anche Nardi pronto a dire la sua verità

 
L'inchiesta continua
Trani, «Giustizia svenduta»: ora Stato e Avvocatura chiedono i danni

Trani, «Giustizia svenduta»: ora Stato e Avvocatura chiedono i danni

 
Il caso
Margherita di Savoia, rete da pesca a strascico in mare per sfuggire ai controlli: recuperata

Margherita di Savoia, rete da pesca a strascico in mare per sfuggire ai controlli: recuperata

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari pensa in grande, la Reggina per volare

Bari pensa in grande, la Reggina per volare

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIncidente stradale
San Severo, scontro tra auto e camion su SS16: morto un 60enne

San Severo, scontro tra auto e camion su SS16: morto un 60enne

 
Tarantonel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
LecceLa tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
BatL'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
MateraL'incontro
Scompenso cardiaco: impennata di ricoveri, se ne discute a Matera

Scompenso cardiaco: impennata di ricoveri, se ne discute a Matera

 
PotenzaLa challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 
BrindisiL'omicidio
Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: oggi i funerali

 

i più letti

Turismo

Barletta, il faro napoleonico ha lanciato il suo «Sos»

In vista una sinergia tra Enti per la sua salvaguardia

Barletta, il faro napoleonico ha lanciato il suo «Sos»

BARLETTA - Parola d’ordine: recuperare il faro napoleonico. Le prospettive di salvaguardia del faro di epoca napoleonica del porto di Barletta sono state al centro di un incontro a Palazzo di città al quale hanno partecipato, con il sindaco Cosimo Cannito, il direttore regionale per la Puglia e Basilicata dell’Agenzia del Demanio, Vincenzo Capobianco, il senatore Dario Damiani, membro della V Commissione Permanente Bilancio, e l’assessore comunale alle Manutenzioni, Lucia Ricatti.
Tutto ha preso il via dalla recente tappa barlettana dell’associazione culturale «Donne in corriera» presieduta da Gabriella Caruso. Il folto gruppo di appassionate di beni culturali, nella visita al faro di Barletta ne avevano sottolineato la grande importanza ma al tempo stesso lo stato di degrado in cui versa quello che è ormai un monumento.
Da qui la necessità di spingere i soggetti istituzionali coinvolti nella sua gestione, a programmare le più efficaci opportunità di messa in sicurezza e recupero della struttura ottocentesca, simbolo dello scalo portuale cittadino e del borgo marinaro.
Nell’incontro è stata ipotizzata una sinergia istituzionale che, attraverso contatti da avviare innanzitutto con le competenti strutture del Ministero della Difesa, proprietario dell’immobile, consenta l’individuazione delle misure più adeguate ai futuri scenari gestionali, in merito ai quali dovrà essere prioritariamente considerato l’accesso alle risorse necessarie per fronteggiare gli interventi di ristrutturazione.

Il sindaco Mino Cannito, ringraziando il direttore Capobianco e il senatore Damiani per l’attenzione prestata alla richiesta dell’Amministrazione e alle sensibilizzazioni manifestate sull’argomento dalle realtà associative locali, ha auspicato che «il confronto prossimo a instaurarsi con gli interlocutori preposti possa approdare, in tempi celeri, alle più idonee soluzioni operative che restituiscano il suggestivo monumento alla pubblica fruibilità, nel solco delle attività di tutela e valorizzazione storico/culturale della tradizione marinara cittadina».
Il «faro» è da tempo un monumento, dopo aver indicato la costa ai marinai dal 1807, quando fu costruito, al 1959 quando andò in pensione.

È un autentico e raro simbolo della farologia: per produrre luce veniva alimentato manualmente, e, sempre manualmente, il farista doveva caricare, ogni 4 o 5 ore, il meccanismo rotante ad orologeria che faceva girare la lanterna, oppure passare la notte a vegliare durante qualche tempesta.
È la testimonianze di un'epoca passata che non tornerà più, e che merita di essere recuperato e restituito alla città e ai turisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie