Domenica 21 Ottobre 2018 | 00:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il prodigio
Mons. Dimiccoli, il miracolo fu valido: curò paraplegico

Mons. Dimiccoli, il miracolo fu valido: curò paraplegic...

 
Presi dalla Polizia
Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in sala giochi

Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in s...

 
la tragedia di Andria
Scontro treni, il gup chiama in causail Ministero e la Ferrotramviaria

Scontro treni, gup chiama in causa il Ministero e la Fe...

 
Il caso
Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito in tilt

Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito...

 
Il convegno
Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurezza a Canosa

Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurez...

 
Il bilancio
Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

 
La strage
Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

 
Ad Andria
Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Murgia

Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Mur...

 
Il caso
Domenica con beffa, chiuso il castello di Trani: «Famiglie state a casa»

Chiuso castello di Trani di domenica: «Famiglie a casa»

 
Sulla Corato-Altamura
Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salvi per miracolo

Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salv...

 
Dalla Polizia
Barletta, cede dose si marijuana: arrestato per spaccio un 18enne

Barletta, cede dose si marijuana: arrestato per spaccio...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più visti della sezione

i più letti

a sostegno delle vittime

Uno sportello antiusura all'interno del castello di Barletta

Siglato un protocollo d'intesa tra il commissario straordinario del governo per il coordinamento delle iniziative antiusura e antiracket, il prefetto e il Comune di Barletta

usura

BARLETTA - Un protocollo d’intesa per la istituzione, nel castello svevo di Barletta, di uno sportello di prevenzione del fenomeno dell’usura e del sovraindebitamento delle famiglie, è stato siglato oggi in prefettura, a Barletta, in occasione della presenza del commissario straordinario del governo per il coordinamento delle iniziative antiusura e antiracket, Domenico Cuttaia.
Oltre al prefetto Cuttaia, hanno siglato l’intesa il prefetto di Barletta, Maria Antonietta Cerniglia, e, per il comune di Barletta, il commissario prefettizio Gaetano Tufariello.
Cuttaia ha spiegato come accedere al fondo di solidarietà per le vittime di usura, illustrando quanto prevede il vademecum delle procedure di accesso a tale strumento e chiarendo che è indispensabile denunciare.
«Subito dopo la denuncia - ha spiegato Cuttaia - la vittima può rivolgersi allo Stato e, quindi, accedere al fondo di solidarietà, per ottenere una soddisfazione economica, perché questi reati di solito si traducono in danni che rendono difficoltosa l’attività imprenditoriale».

Il comitato di solidarietà, presieduto dal commissario antiracket e antiusura, partendo da quella denuncia - è stato spiegato - compie delle valutazioni, acquisisce informazioni attraverso la prefettura e quantifica i danni.
«Se si tratta di vittime di estorsione - aggiunge Cuttaia - si provvede a dare una elargizione, cioè un contributo senza obbligo di restituzione, se si tratta di vittima dell’usura si concede un mutuo a tasso zero e senza oneri».
All’evento, fra gli altri, ha partecipato un imprenditore del centro agricolo ofantino di Trinitapoli, Francesco D’Elia, titolare con suo fratello di un’azienda di ortofrutta, destinataria di una elargizione di 136.000 euro. Nel dicembre 2015, infatti, la ditta di Trinitapoli richiese l’accesso al Fondo di solidarietà per le vittime dell’usura e dell’estorsione, a seguito della denuncia presentata per il danneggiamento di un appezzamento di terreno coltivato a carciofi, che ne pregiudicò l’intero raccolto. Il procedimento penale a carico di ignoti avviato dalla procura di Foggia, è tutt'ora in fase di indagine. «La forza di queste persone - ha detto D’Elia - è la paura delle loro vittime».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400