Giovedì 17 Gennaio 2019 | 07:26

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Riservato a chi ha partita Iva

Gravina, Assostampa
«Comune revochi bando
per l'addetto stampa»

giornali stampa editoria

BARI - L’Associazione della Stampa di Puglia invita il sindaco di Gravina di Puglia, Alessio Valente, a revocare l’avviso pubblico di selezione per l’incarico di addetto stampa e direttore responsabile del periodico comunale, pubblicato il 5 luglio scorso e chiuso in soli 10 giorni.

«Nell’atto - è detto in una nota del sindacato - si prevede che tale incarico venga svolto con modalità di collaborazione esterna ma, nel contempo, si prevede l’esclusiva professionale con compiti e mansioni propri di un rapporto di lavoro dipendente. Colpisce, per questo motivo, che tra i requisiti (pena esclusione) venga previsto un accesso riservato a liberi professionisti in possesso di partita Iva e, soprattutto, che addirittura venga considerato titolo preferenziale l’offerta al ribasso sul compenso previsto (10.200 euro l’anno) da parte dei candidati».

«Eravamo abituati ad aste al massimo ribasso nell’ambito della libera concorrenza tra imprese in gara per l’affidamento di un appalto, ma mai potevano immaginare di imbatterci - dice il presidente dell’Assostampa Puglia Bepi Martellotta - in un bando pubblico per l’affidamento di un incarico di lavoro giornalistico che tra i requisiti preferenziali preveda perfino un punteggio crescente a seconda di quanto ci si riduce il compenso. Vorrà dire che il vincitore, come purtroppo già verificatosi in un altro comune della Puglia, sarà colui che offrirà gratis la propria prestazione professionale? E’ davvero triste e disdicevole questa corsa allo sfruttamento del lavoro giornalistico che alcuni pezzi della pubblica amministrazione del nostro territorio hanno deciso di ingaggiare e che offende il decoro della professione e la dignità dei colleghi, costringendoli - perfino tramite bando pubblico - ad accettare compensi 'al massimo ribassò pur di lavorare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400