Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 10:55

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Durato 8 anni

Processo per disturbo e lesioni
assolta famiglia musicisti baresi

Processo per disturbo e lesioni assolta famiglia musicisti baresi

BARI - Una famiglia barese di tre persone, madre padre e figlio, tutti musicisti, è finita sotto processo - e oggi assolta - per disturbo al riposo e lesioni personali gravi dopo la denuncia dei vicini di casa.

Stando al racconto delle parti offese, i tre «mediante abuso di strumenti sonori e attività canore» avrebbero disturbato il riposo e le attività dei vicini per tutto il giorno dalle 8 alle 22 con esclusione della fascia oraria 14-16, tutti i giorni della settimana, compresi domeniche e festivi. Flauto, chitarra, pianoforte, clavicembalo, batteria e canto lirico, a volte sovrapposti fra loro, avrebbero così causato alla famiglia dirimpettaia stati d’ansia, umore depresso, mal di testa, collasso nervoso e calo del rendimento scolastico della figlia, costringendoli ad assumere anche farmaci antidepressivi.

«Un vero e proprio terremoto iniziato nel 2002», quello descritto dalla famiglia che nel 2008 ha denunciato i vicini musicisti portandoli in Tribunale. Il procedimento, fra indagini preliminari e dibattimento, è durato 8 anni e oggi il giudice monocratico di Bari ha assolto i tre «perché il fatto non sussiste».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini

    30 Aprile 2016 - 09:09

    Tutta la mia solidarietà ai vicini dei tre "musicisti". Provate a immaginare com'è la loro vita con tre forsennati che, dalla mattina alla sera, suonano flauto, chitarra, pianoforte, clavicembalo, batteria. I miei complimenti ai solerti e laboriosi magistrati che ci hanno messo solo 8 anni per stabilire che lo possono fare impunemente. Con l'augurio di diventare vicini di casa dei tre musicanti.

    Rispondi