Martedì 04 Ottobre 2022 | 18:41

In Puglia e Basilicata

Processo Nemesi

Guerra tra clan della Bat: otto condanne in Appello

aula di tribunale

Gli imputati, considerati legati al clan Gallone- Carbone, erano accusati di porto e detenzione illegale di armi aggravati dalla mafiosità

16 Luglio 2021

Redazione online

BARI - Condanne confermate con riduzione di pena nel processo «Nemesi» che si è tenuto davanti ai giudici della terza sezione della Corte Appello Bari nei confronti di 8 persone di Trinitapoli e Trani (Bat) ritenute legate al clan Gallone- Carbone ed accusati di porto e detenzione illegale di armi aggravati dalla mafiosità. Armi che dovevano essere utilizzate - dice l’accusa - per colpire i rivali dei clan De Rosa-Miccoli Buonarota e Visaggio Valerio nei primi mesi del 2019.

Una guerra di mafia tra i clan che dal 2003 ad oggi ha contato oltre 15 agguati con una decina di morti e altrettanti feriti.


Giuseppe Gallone, ritenuto al vertice omonimo clan, è stato condannato a due anni dieci mesi e venti giorni di reclusione (tre anni e 4 mesi nella sentenza di primo grado pronunciata dal Gup di Bari il 21 luglio 2020). Stessa pena per Vincenzo Carbone, Giuseppe Sisto, Armando Presta, Emanuele sebastiani e Ruggero del Negro. Condannati invece a due anni Cosimo Damiano Gallone e Raffaele Piazzolla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725