Venerdì 30 Luglio 2021 | 02:55

NEWS DALLA SEZIONE

Fiamme altissime
Gravina, incendio in campi Murgia barese: da 16 ore canadair in azione

Gravina, incendio in campi Murgia barese: da 16 ore canadair in azione - LE FOTO

 
ingente valore
Bari, mafia a Noicattaro: sequestrato forno e conti correnti

Bari, mafia a Noicattaro: sequestrato forno e conti correnti

 
Covid e inganni
Bari, green pass fasulli: truffatori in azione

Bari, green pass fasulli: truffatori in azione

 
Trasporti
Bari-Roma, due nuove corse col Frecciargento di Trenitalia

Bari-Roma, due nuove corse col Frecciargento di Trenitalia

 
Disposizioni del questore
Bari, sala bingo chiusa 15 giorni dopo una rissa

Bari, sala bingo chiusa 15 giorni dopo una rissa

 
Contrabbando
Bari, in cantina 30 chili di sigarette di contrabbando: preso

Bari, in cantina 30 chili di sigarette di contrabbando: preso

 
Il ricordo
Strage via dell'Arca a Bari, Decaro: «Memoria per difesa della libertà»

Strage via dell'Arca a Bari, Decaro: «Memoria per difesa della libertà»

 
Il caso
Bari, i lavoratori del Policlinico proclamano lo stato di agitazione

Bari, i lavoratori del Policlinico proclamano lo stato di agitazione

 
Trasporti
Da Bari si vola per Porto e Tel Aviv: da ottobre 5 nuovi collegamenti di Ryanair

Da Bari si vola per Porto e Tel Aviv: da ottobre 5 nuovi collegamenti di Ryanair

 
La novità
Ruvo di Puglia, inaugurazione dell’avveniristico nuovo teatro comunale

Ruvo di Puglia, inaugurazione dell’avveniristico nuovo teatro comunale

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraL'allarme
Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

Incendi: fiamme in pineta nel Materano, evacuato campeggio

 
FoggiaL'Irccs di San Giovanni Rotondo
Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

 
BrindisiTokyo 2020
Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

Dell'Aquila a Brindisi abbraccia famiglia: «Non vedevo l'ora»

 
Batviolenza domestica
Picchia moglie e figlio minorenne disabile, 52enne in carcere

Picchia moglie e figlio minorenne disabile, 52enne in carcere

 
TarantoSicurezza
Migranti, «agenti in servizio in hotspot sono eroi»

Migranti, «agenti in servizio in hotspot sono eroi»

 
Potenzal'emergenza
Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

Covid: da domani in Basilicata iter per vaccinare i ragazzi

 
BariFiamme altissime
Gravina, incendio in campi Murgia barese: da 16 ore canadair in azione

Gravina, incendio in campi Murgia barese: da 16 ore canadair in azione - LE FOTO

 
LecceSerie B
Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

 

i più letti

Il fatto

Lavori in subappalto ad imprese edili,  sequestro di beni ad imprenditore bitontino

Operazione della Guardia di Finanza di Bari dopo una complessa indagine

Bitonto, sequestro ad imprenditore che imponeva a ditte edili lavori in subappalto

Bari - Avrebbe preteso dalle imprese edili di ottenere lavori in subappalto, riconoscendo poi una percentuale al clan che lo supportava nell’attività estorsiva. La Guardia di Finanza di Bari ha eseguito un decreto di sequestro anticipato di beni del valore di circa 700mila euro nei confronti di un 40enne di Bitonto, Alessandro Sicolo, titolare di tre società di costruzioni e ritenuto concorrente esterno del clan mafioso Parisi di Bari.

«Sicolo - si legge nel provvedimento del Tribunale, sezione misure di prevenzione - aveva messo a disposizione del clan Parisi la sua ditta di fornitura di intonaci». In particolare, su richiesta del procuratore facente funzione Roberto Rossi, il Tribunale ha disposto il sequestro delle tre società di costruzioni edili, beni immobili (un appartamento e pertinenze, un terreno), tre autoveicoli e venti rapporti finanziari e bancari. 

Sicolo, con precedenti penali e di polizia anche per reati di associazione per delinquere, estorsione, rapina, illecita concorrenza con minaccia e violenza, tutti contestati con aggravante mafiosa, avrebbe imposto per anni «con minaccia e violenza, l’esecuzione di opere edili in danno di numerose imprese sane del settore. In particolare - si legge negli atti - metteva a disposizione del clan la propria capacità d’impresa aggiudicandosi con la forza intimidatrice numerosi subappalti da varie ditte appaltatrici, riconoscendo all’associazione una percentuale sugli introiti illecitamente ottenuti».

I finanzieri hanno accertato «un’ingiustificata discordanza tra il reddito dichiarato rispetto al valore dei beni e disponibilità acquisiti nel tempo», ritenuti quindi proventi delle attività illecite. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie