Giovedì 21 Gennaio 2021 | 21:40

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

 
Emergenza contagi
Bitonto, focolaio Covid a Villa Giovanni XXIII: 110 positivi tra anziani e operatori

Bitonto, focolaio Covid a Villa Giovanni XXIII: 110 positivi tra anziani e operatori

 
emergenza coronavirus
Covid a Bari, 4mila in isolamento: 33% hanno età tra i 40 e i 60 anni

Covid a Bari, 4mila in isolamento: 33% hanno età tra i 40 e i 60 anni

 
la decisione
Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

 
Il caso
Bari, cartelle pazze? No, dalla Asl 35mila avvisi a caccia dei furbetti del ticket

Bari, cartelle pazze? No, dalla Asl 35mila avvisi a caccia dei furbetti del ticket

 
nel Barese
Casamassima, è ai domiciliari ma spaccia dal balcone: 19enne arrestato 2 volte in 3 giorni

Casamassima, è ai domiciliari ma spaccia dal balcone: 19enne arrestato 2 volte in 3 giorni

 
Lotta al virus
Coronavirus, oltre 16.500 vaccinati nel Barese, quasi completata somministrazione a personale 118

Coronavirus, oltre 16.500 vaccinati nel Barese, quasi completata somministrazione a personale 118

 
nel Barese
Corato, scovato piromane di dodici anni

Corato, scovato piromane di dodici anni

 
Il personaggio
L’ospedale di Bergamo ha un «cuore» barese con Stefano Pirrelli

Covid 19, l’ospedale di Bergamo ha un «cuore» barese con Stefano Pirrelli

 
emergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
la demuncia
A Molfetta è allarme sociale: «Una baby gang imperversa in zona stazione»

A Molfetta è allarme sociale: «Una baby gang imperversa in zona stazione»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

 
Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

la tradizione

Bari Vecchia, presepi solo per pochi intimi. Gli organizzatori: «Li allestiremo»

La pandemia costringe a rinunciare a tradizioni che sono l’essenza stessa delle festività, come il tour tra i vicoli

Bari Vecchia, presepi solo per pochi intimi. Gli organizzatori: «Li allestiremo»

BARI - Mantenere nonostante tutto la tradizione. Prepararsi a celebrare le festività natalizie con la forza che deriva dalla speranza che presto questo periodo di isolamento forzato, legato alla pandemia, cesserà. Ma intanto bisogna stringere i denti e rinunciare, almeno in parte, a tradizioni legate a doppio filo all’essenza del Natale.

Come passeggiare tra la folla per i vicoli di Bari Vecchia per ammirare i presepi allestiti dalle varie associazioni. Quest’anno tutto questo sarà impossibile o fortemente limitato. Ben che vada, le eventuali visite saranno a numero chiuso. Ma lo spirito di chi allestisce le Natività, quello no, nessuno potrà intaccarlo. E con esso, anche qualche timida iniziativa. La pensa così Michele Fanelli, presidente del circolo Acli-Enrico Dalfino. «Non potremo celebrare il Natale come lo abbiamo sempre festeggiato, sarà una festa completamente diversa. Non ci demoralizziamo, non chiudiamoci in noi stessi. La tradizione non muore. Semmai rientra nelle nostre case. Invitiamo tutti a realizzare un presepe in salotto, e allestire l’albero di Natale. Non facciamoci prendere dalla malinconia. Questo periodo passerà. Sarà per noi solo un brutto ricordo».

Fanelli ricorda tutte le manifestazioni natalizie celebrate fino al 2019, tra cui la la «SpaccaBari». «Nacque una quindicina di anni fa ed è una mostra di presepi allestiti per il pubblico da numerosi artisti all’interno della sala Murat. Sono tanti e si può apprezzare l’arte presepiale. Sono presepi in pietra, in sughero, fatti anche con gli stecchini». Insomma, il trionfo della creatività. «Per volontà della nostra associazione nacque “L’itinerario dei presepi”. Quest’anno conserveremo questa usanza che si terrà all’interno delle varie associazioni, sempre con le dovute precauzioni anti-covid, il distanziamento sociale e l’uso obbligatorio di mascherine». In sostanza, ogni associazione di Bari Vecchia allestisce un presepe; i barivecchiani seguono un percorso in un tour per visitarli uno dopo l’altro. C’è, ad esempio, il presepe dell’associazione Fazio, in ricordo di Michele Fazio, il 16enne rimasto ucciso per errore durante un conflitto a fuoco tra clan rivali la sera del 12 luglio 2001. L’autore del presepe è Emanuele Dell’Aglio ed è un presepe legato al concetto di legalità. Sottolinea Fanelli: «Con l’associazione “U’ settane”, realizziamo “u presep de le pov’ridd”.

È un presepe che si allestiva nelle nostre case negli anni ‘40 e ‘50 quando non esistevano addobbi floreali o nastrini che abbiamo oggi e comunque quasi nessuno poteva permettersi di spendere per addobbare il presepe o l’albero. I nostri addobbi erano ciò che avevamo in casa: arance, mandarini, il melograno, le chiacune. Questi elementi non devono mancare alla tradizione presepiale». Insomma, il presepe tipico della nostra gente.

«Noi lo organizziamo all’interno della nostra associazione, in via San Marco 52. E anche quest’anno non vogliamo mancare all’appuntamento». Il 26 dicembre è un’altra data importante. Quella del 2020 sarebbe stata la 23esima edizione del presepe a mare. Con l’associazione sub della Federazione italiana attività subacquee di Bari, l’associazione Acli Dalfino ha organizzato ininterrottamente questa manifestazione. Erano i tempi della guerra nella ex Jugoslavia. Questo presepe nacque come messaggio di pace nell’Adriatico perché di fronte alla Puglia c’era un Paese in guerra.

«Nacque per volontà del parroco della cattedrale dell’epoca, don Carlo Colasuonno, e mia. Andavamo sul lungomare e si faceva nascere Gesù Bambino nelle acque del mare Adriatico. Ai baresi la manifestazione piacque moltissimo e da allora è diventata una tradizione». È la Natività a mare. La manifestazione si tiene tra l’arco di San Nicola e lo specchio di mare antistante. I sub si immergono e con alcune torce sott’acqua danno vita a un corridoio di luce sino alla scogliera frangiflutti. In corrispondenza di questa giungono altri due o tre sub con il Bambino che viene condotto nelle acque dell’Adriatico. «In contemporanea, sulla scogliera frangiflutti, accendevano una stella gigantesca in segno di pace». E arriva un’altra idea: «Con qualche piccolo aiuto, potremo anche realizzare un bellissimo presepe artistico sotto l’arco della neve. Un presepe all’aperto proprio per dare il segno del Natale, Con un Cristo che nasce e speriamo aiuti l’intera umanità a sconfiggere questa maledetta pandemia».

Il 6 dicembre, poi, si celebrerà San Nicola. «In piazza dell’Odegitria - l’appuntamento di Fanelli - collocheremo una piastrella decorativa con il nostro numero civico e una bellissima immagine di San Nicola che benedice Bari. La inaugureremo proprio domenica prossima».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie