Giovedì 26 Novembre 2020 | 11:15

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Bitritto, Miria lotta contro rara malattia: «Ma per me non ci sono posti»

Bitritto, Miria lotta contro rara malattia: «Ma per me non ci sono posti»

 
Illegalità
Traffico rifiuti: al porto di Bari sequestrati 24mila kg di abiti usati

Traffico rifiuti: al porto di Bari sequestrati 24mila kg di abiti usati

 
sanità
Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

 
l'iniziativa
Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

 
la replica
Frasi sessiste, la verità del Prof: «Io vittima degli studenti e cultore delle donne sospeso ingiustamente»

Frasi sessiste, la verità del Prof: «Io vittima degli studenti e cultore delle donne sospeso ingiustamente»

 
25 Novembre
Violenza contro le donne in Puglia: calano gli omicidi, aumentano le denunce per stupri e maltrattamenti. Oltre 2mila gli accessi ai Cav

Violenza contro le donne in Puglia: meno omicidi, più stupri e maltrattamenti.
Oltre 2mila gli accessi ai Cav

 
La polemica
Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

 
Il nuovo impianto
Bari, si accendono le luci nel parco della Caserma Rossani: il videotour di Decaro

Bari, si accendono le luci nel parco della Caserma Rossani: il videotour di Decaro

 

Il Biancorosso

25 novembre
Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa storia
Bitritto, Miria lotta contro rara malattia: «Ma per me non ci sono posti»

Bitritto, Miria lotta contro rara malattia: «Ma per me non ci sono posti»

 
MateraPolizia
Matera, il Questore Liguori lascia la città: andrà a Pescara

Matera, il Questore Liguori lascia la città: andrà a Pescara

 
LecceNel Salento
Melendugno, un cortometraggio contro la violenza sulle donne

Salento, un cortometraggio contro la violenza sulle donne a cura di Sunrise Onlus

 
BatAveva 79 anni
Covid, morto ad Andria Rettore Santuario SS. Salvatore

Covid, morto ad Andria ex rettore Santuario SS. Salvatore

 
Covid news h 24l'appello
Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

 
Tarantoagricoltura
Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

 

i più letti

La decisione

Bari, San Nicola va in quarantena: niente festeggiamenti, cancellati riti e folklore

Sarà il comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico a decidere se le celebrazioni si svolgeranno a porte chiuse

Bari, San Nicola va in quarantena: niente festeggiamenti, cancellati riti e folklore

foto d'archivio (Luca Turi)

L’indicazione, con il dolore nel cuore, è quella di serrare il portale del tempio romanico, voluto dall’Abate Elia proprio per ospitare le reliquie del santo arrivate da Myra. Ma sarà il Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza a definire nei dettagli le modalità di svolgimento della festa, a patto che di festa si possa comunque parlare. La conferma arriva dal direttore generale del Comune, Davide Pellegrino: «Ho sentito il priore dei Domenicani che sono i custodi della Basilica. Padre Giovanni Distante è molto preoccupato. Quest’anno il 6 dicembre, ricorrenza che per i baresi suona come un richiamo potentissimo alla devozione, cade di domenica. Se non ci saranno restrizioni, non sarà possibile fronteggiare gli assembramenti. Il priore non esclude di dover essere costretto ad assumere decisioni drastiche, perché c’è la consapevolezza che le liturgie, insieme ai riti legati alla fede, interferiscono con tutto ciò che ruota intorno alla figura di San Nicola».

In base alle disposizioni in vigore, con il divieto di spostarsi da un comune all’altro, a vivere il mix di sacro e profano che contraddistingue il 6 dicembre potrebbero essere soltanto le persone residenti in città. Affluenza dunque limitata, ma non al punto tale da fermare i possibili contagi. In occasione della festa del patrono, il dedalo di viuzze della città vecchia, trasformato in un emporio all’aperto dove si vende di tutto, si riempie dell’odore della frittura delle sgagliozze e di quello della cioccolata calda. Come fare, allora, a gestire la preghiera individuale di migliaia di donne e uomini richiamati dalla potente eco nicolaiana? È quello che dovrà stabilire il Comitato per la sicurezza, che a giorni sarà chiamato a riunirsi in Prefettura.

Nel frattempo si fanno strada altre ipotesi. Due messe, una alle 5 e l’altra alle 18, per un numero massimo di un centinaio di fedeli, inclusi il sindaco e le autorità civili e militari: l’accesso dovrebbe avvenire dalla porta laterale che si affaccia sul cortile interno della Basilica. E poi il piazzale transennato per accogliere al massimo 250 persone, in concomitanza con le liturgie. E le celebrazioni trasmesse in diretta, così come avvenuto per la sagra di maggio scorso, già funestata dal Covid. Tracce di lavoro che sembrano però destinate a infrangersi contro il muro di divieti che dovrebbero scattare anche in questa occasione, per tutelare la salute pubblica.

Impossibile pensare di poter disciplinare migliaia di fedeli, pronti a inginocchiarsi davanti alla tomba del santo taumaturgo, che si trova nella cripta. Impossibile pensare di arginare la marea umana che ogni anno, all’alba del 6 dicembre, si riversa nel borgo antico. E c’è inoltre da capire cosa potranno fare i residenti, se almeno a loro sarà concesso di omaggiare, da vicino, San Nicola. Quesiti a cui potrà fornire risposte il Comitato per l’ordine pubblico.

San Nicola, un simbolo potente dell’identità religiosa cristiana, il santo che unisce, che accoglie, che placa, il patrono che richiama pellegrini da terre lontane, anche nell’aspro coprifuoco nel quale siamo confinati, è soprattutto il patrono dei baresi. Fa male dover pensare che la festa, al pari della sagra di maggio, rischia di essere archiviata a causa del coronavirus. Il sindaco ha già annunciato che di sicuro non ci saranno i concerti, gli spettacoli, la calca per l’accensione dell’albero, la cioccolata calda, le processioni, i mercatini sulla Muraglia, l’aperitivo con la musica il giorno della Vigilia di Natale. Anche questo 6 dicembre sarà ricordato per le assenze: dovrà assumere una dimensione di preghiera intima e non di un rito collettivo. L’immagine della Basilica con il portale chiuso lacera chi crede in un dio superiore e chi crede negli uomini. La pandemia rischia di far vacillare ogni certezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie