Domenica 26 Settembre 2021 | 16:04

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

pericolo contagio

Bari, emergenza Covid: quasi 2mila positivi e record al San Paolo

Distribuzione omogenea dei casi. A Picone-Poggiofranco 200

Bari, emergenza Covid: quasi 2mila positivi e record al San Paolo

BARI - Alle soglie della fase «4» della pandemia sono 1.814 i baresi contagiati dal Coronavirus tra asintomatici e no, compresi i ricoverati in ospedale. Una percentuale irrisoria rispetto alla popolazione complessiva - lo 0,55% su 324mila abitanti - che però non deve indurre alla spregiudicatezza o a tesi fantasiose (il virus non esiste!), anche considerando la quasi saturazione dei posti Covid (poco più di 200) al Policlinico. Pazienza e responsabilità restano la stella cometa da seguire nella navigazione a vista tra coprifuoco, chiusure anticipate e straordinarie e altre necessarie limitazioni a spostamenti e libertà.

VALORI ASSOLUTI - I numeri dei contagi - suddivisi per quartiere grazie ai codici di avviamento postale - in città rivelano picchi relativi nelle aree più popolari e popolose, con i 296 casi registrati nel cuore del San Paolo con l’aggiunta del «Marconi», anche se nel complesso la distribuzione dei casi appare più o meno omogenea.

Dallo Zenit al Nadir, in virtù del valore assoluto più basso riscontrato a Madonella e Murat con soli 70 positivi al tampone. Cifre ai minimi anche a Palese, che con una piccola parte del San Paolo tocca quota 76.

CITTA' VECCHIA - La sola Bari vecchia poi annovera ben 111 casi. Non pochi, favoriti con ogni probabilità dalla conformazione urbanistica delle case e sociale delle famiglie, con un numero maggiore di persone sotto lo stesso tetto. Medesima considerazione merita Carbonara che sfiora quota 100 (99 i contagiati) al pari delle tre mini frazioni di Ceglie, Santa Rita e Loseto (ferme a 93). Tripla cifra perfetta (100) invece raggiunta da Santo Spirito con San Pio e Catino.

Restano di rilievo i valori riscontrati al Libertà, tutt’uno con San Girolamo e Fesca, con ben 170 positivi al terribile virus per il quale non conosciamo ancora contromisure e cure definitive. L’agglomerato composto da San Pasquale, Japigia, San Giorgio e Torre a Mare, una bella fetta del capoluogo, porta a ben 235 l’asticella dei soggetti che hanno contratto il Covid. Così come non si scherza nemmeno a Picone e Poggiofranco, quartieri densamente popolati saliti sulla vetta dei 200 casi. Poco più sotto, a 171, ci sono i vicini Carrassi e una parte di San Pasquale.

Infine, sono 193 i casi senza appartenenza territoriale, con ogni probabilità di soggetti che hanno residenza fuori dal capoluogo. Nel complesso, si tratta di una distribuzione più o meno trasversale, con i contagi presenti in modo sostanzioso su tutto il territorio cittadino, che non deve indurre a tenere comportamenti irresponsabili, partendo dal rispetto delle più basilari norme di prevenzione - uso della mascherina, igiene e distanziamento -. Sembra banale, ma è tanto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie