Lunedì 10 Maggio 2021 | 20:30

NEWS DALLA SEZIONE

edilizia giudiziaria
Bari, tre sedi provvisorie per il polo penale

Bari, tre sedi provvisorie per il polo penale

 
La novità
Bari, riapertura di parchi, giardini pubblici e playground

Bari, riapertura di parchi, giardini pubblici e playground

 
La novità
Policlinico Bari, donna visita marito in reparto Covid: «Emozione grandissima»

Policlinico Bari, donna visita marito in reparto Covid: «Emozione grandissima»

 
La foto
Bari, tornano le panchine sul Lungomare. Decaro: «Non buttiamo via gli sforzi fatti»

Bari, tornano le panchine sul Lungomare. Decaro: «Non buttiamo via gli sforzi fatti»

 
L'impatto
Auto contro mezzo rifiuti nel Barese: 4 persone in ospedale

Auto contro mezzo rifiuti nel Barese: 4 persone in ospedale

 
Il caso
Covid, troppi casi a Ruvo: il comune proroga la chiusura delle scuole

Covid, troppi casi a Ruvo: il comune proroga la chiusura delle scuole

 
Lotta al virus
Covid Puglia, arriva la conferma: «Monoclonali efficaci»

Covid Puglia, arriva la conferma: «Monoclonali efficaci»

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggial'inchiesta
Arresti comune Foggia: ex consigliere ottiene domiciliari

Arresti comune Foggia: ex consigliere ottiene domiciliari

 
PotenzaCovid
Vaccini: poche dosi, domani a Potenza stop Pfizer e Moderna

Vaccini: poche dosi, domani a Potenza stop Pfizer e Moderna

 
Bariedilizia giudiziaria
Bari, tre sedi provvisorie per il polo penale

Bari, tre sedi provvisorie per il polo penale

 
LecceL'inchiesta
Corsano, incarichi e tangenti: a giudizio sette persone

Corsano, incarichi e tangenti: a giudizio sette persone

 
BatDiversamente abili
Barletta, posto auto per disabili ... cartello fai da te

Barletta, posto auto per disabili ... cartello fai da te

 
TarantoPolizia
Taranto polizia

Taranto: spaccio di droga, arrestati zii e nipote

 
MateraVaccini
Matera, il bilancio di AstraNight: solo 250 dosi somministrate, ce n'erano 750

Matera, il bilancio di AstraNight: solo 250 dosi somministrate, ce n'erano 750

 

i più letti

Il virus

Emergenza Covid a Bari, il trasporto pubblico chiede le fasce orarie a scuola

«Le maggiori possibilità di contagio sono date dall’assembramento, in qualsiasi luogo», afferma Matteo Colamussi, presidente di Asstra (Associazione Trasporti)

trasporti

BARI -  Trasporto pubblico e sovraffollamento dei mezzi ai tempi dell’emergenza sanitaria: la riapertura delle scuole a sette mesi di distanza dalla dichiarazione di lockdown ha riproposto il problema, rendendolo ancor più di stretta attualità in relazione all’impennata autunnale dei contagi da Coronavirus, capace di far riemergere timori e paure. «Innanzitutto dobbiamo sfatare la leggenda che sui mezzi di trasporto pubblico si possa contrarre il virus più che da altre parti. Le maggiori possibilità di contagio sono date dall’assembramento, in qualsiasi luogo», afferma Matteo Colamussi, presidente di Asstra (Associazione Trasporti) di Puglia Basilicata, l’associazione datoriale, nazionale, delle aziende di trasporto pubblico locale, sia di proprietà degli enti locali che private.

Stop disagi Affollamento che al momento dovrebbe essere scongiurato su autobus e pullman, anche alla luce dei provvedimenti presi da Governo e Regione, tra smart working (75% dei lavoratori degli uffici pubblici a casa) e riduzione della presenza scolastica, con i trienni delle scuole superiori costretti alla didattica a distanza. «Certo, al momento (e credo per tutto novembre sarà così) non registriamo alcun tipo di disagio in termini di capienza dei mezzi pubblici» aggiunge Colamussi, per poi fornire un dato dalla duplice lettura. «È curioso confrontare i dati di vendita tra i ricavi di settembre 2019 e settembre scorso: siamo a -55%. A dimostrazione che i mezzi non viaggiano strapieni», sottolinea il presidente, non senza scrutare il lato oscuro della luna. «Ciò significa anche minori incassi, che certamente mettono in difficoltà i bilanci dei vettori di trasporto», dice ancora il direttore delle Fal.

Diversificazione «In realtà avevamo proposto al Governo la diversificazione degli accessi relativi a scuole e uffici pubblici più importanti già ad aprile scorso, ma siamo stati ignorati - asserisce - ma adesso è il tempo della proposta, non della polemica». «Dobbiamo rimboccarci le maniche per trovare una soluzione. Credo che il mondo della scuola debba capire che in questo momento serve elasticità se si vuole dare un senso alla concertazione - sostiene -. Fissare tutti gli ingressi alle 9 non ha molto senso, poiché si sposta solo il problema all’uscita. Sarebbe opportuno scaglionare ingressi ed uscite nell’arco della giornata, creando apposite fasce orarie». «Occorre comprendere che il trasporto pubblico non può essere un servizio a domanda individuale, ma è un servizio collettivo, anche perché solo in questo modo è possibile far quadrare i conti», aggiunge.
intesa È chiaro poi che con la pandemia che tende sul capo di tutti come una spada di Damocle, occorre ripensare lo stile di vita di ciascuno di noi. «È una situazione temporanea, ma sedersi al tavolo di concertazione ha senso se si è disposti a rivedere le posizioni pre Covid», incalza Colamussi non senza fare un appello al rispetto delle regole. «È facile parlare di sovraffollamento, ma un autobus è piccolo (sarà 12 metri per 2,5) per cui il distanziamento è impossibile. La regola del riempimento dell’80% della capienza va poi valutata tenendo in considerazione sia i posti a sedere (54) sia i posti in piedi (16). A maggior ragione è importante e indossare la mascherina ed utilizzare il gel igienizzante. Le aziende infatti, nonostante gli evidenti problemi di bilancio, hanno speso risorse importanti in tema di precauzioni nella speranza di evitare le possibilità di contagio», rammenta. «Al punto in cui siamo, non possiamo aspettare che gli altri facciano, ma dobbiamo essere responsabili noi, anche in un mezzo pubblico», dice Colamussi. E conclude: «Adesso il traffico passeggeri è decongestionato in virtù del 70% in meno dell’utenza, ma insieme dobbiamo trovare una soluzione praticabile, anche sotto l’aspetto economico, in modo da poter chiudere i bilanci in pareggio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie