Lunedì 23 Novembre 2020 | 23:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
Da domani
Emergenza Covid ad Acquaviva una postazione drive-through per i tamponi

Emergenza Covid ad Acquaviva una postazione drive-through per i tamponi

 
Covid 19
Monopoli, sale a 15 il numero di anziani morti nella Rsa «Regina Pacis»

Monopoli, sale a 15 il numero di anziani morti nella Rsa «Regina Pacis»

 
La curiosità
Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

 
Emergenza sanitaria
Diffusione Covid in Puglia, conoscere le cause per indicare gli strumenti di contrasto: esperti a lavoro

Diffusione Covid in Puglia, conoscere le cause per indicare gli strumenti di contrasto: esperti a lavoro

 
L'emergenza
Covid, alta incidenza contagi: sindaci di Acquaviva e Gravina chiudono scuole fino al 3 dicembre

Covid, alta incidenza contagi: sindaci di Acquaviva e Gravina chiudono scuole fino al 3 dicembre

 
Il caso
Bimba di Monopoli affetta da Sma: i dubbi degli esperti: «Da verificare l’efficacia dopo i 6 mesi di età»

Bimba di Monopoli affetta da Sma, i dubbi degli esperti: «Da verificare l’efficacia dopo i 6 mesi di età»

 
buona sanità
Bari, bimbo di 5 anni guarisce da Seu: mobilitati per 4 mesi dieci reparti del Giovanni XXIII

Bari, bimbo di 5 anni guarisce da Seu: mobilitati per 4 mesi dieci reparti del Giovanni XXIII

 
la seconda ondata
Covid, una strage silenziosa: in Terra di Bari oltre 300 morti

Covid, una strage silenziosa: in Terra di Bari oltre 300 morti

 
Il caso
Bari Semitech, arriva il fallimento: «Una fine quasi annunciata»

Semitech a Bari, arriva il fallimento: «Una fine quasi annunciata»

 
Il virus
Dal virus informatico alla pandemia Covid: ecco perché servono distanziamento e Dpi

Dal virus informatico alla pandemia Covid: ecco perché servono distanziamento e Dpi

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

 
BariIl caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
FoggiaIl caso
Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito

Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito FOTO

 
TarantoL'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
BatA Barletta
Natale al tempo del Covid 19, Boccia: «Con 700 morti al giorno è fuori luogo parlare di cenoni»

Natale col Covid, Boccia: «Con 700 morti al giorno fuori luogo parlare di cenoni. Aree provinciali? Non cambia»

 
PotenzaIl caso
Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

 
BrindisiVita amministrativa
Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

 
Potenzadati regionali
Covid in Basilicata, 281 nuovi positivi su circa 2mila test durante il week end e altri 4 decessiA Matera tamponi drive in con la Marina

Covid Basilicata, + 281 positivi su circa 2mila test durante week end e + 4 decessi. A Matera tamponi drive in con la Marina

 

i più letti

nel Barese

Altamura, orari «nordici» per i negozi: ecco l'idea anticrisi

La rivoluzione di Confcommercio: dall'inizio della pandemia in città oltre 300 casi

Altamura, orari «nordici» per i negozi: ecco l'idea anticrisi

Quanto durerà la convivenza con il coronavirus? È questa la «madre delle domande». Rincorrere i Dpcm, con le regole finalizzate a contenere il contagio, può rivelarsi un esercizio faticoso e inefficace se volta per volta le disposizioni dovessero essere modificate o rese più restrittive. Con l’emergenza sanitaria s’impone un cambiamento delle abitudini di vita per consentire di conciliarle con il regolare svolgimento delle attività lavorative.

Una prima proposta è stata lanciata dalla Confcommercio di Altamura per anticipare gli orari di apertura del settore della ristorazione che in questa fase è quello al centro delle attenzioni del Governo per la necessità di limitare i contatti.
L’Italia non è una, quanto ad abitudini di vita e a orari degli esercizi commerciali. Il settore della ristorazione della Confcommercio di Altamura non vuole stare a guardare. Le regole si rispettano, quindi occorre adeguarsi a questi tempi difficili. Così la presidente della sede di Altamura, Tonia Massaro, spiega l’idea. «Ci siamo chiesti - dice - ma perché non proviamo ad anticipare le aperture di pomeriggio e di conseguenza anche le chiusure serali di tutte le altre attività diverse da quelle di ristorazione, al fine di poter chiudere massimo alle 19,30-20 e avere il tempo di dedicarci un po’ di più alla famiglia, al tempo libero, allo sport, al divertimento, avendo così la possibilità di uscire comodamente e di andare a cena fuori senza fare tardi come siamo purtroppo abituati a fare, costretti dagli orari assurdi che ora facciamo? È vero anche - rimarca Massaro - che noi qui al Sud non siamo ancora strutturati per fare orario continuato in tutte le aziende e il tempo pieno a scuola, ma da qualche parte dobbiamo pur cominciare, allora iniziamo anticipando di un’ora gli orari pomeridiani di apertura e chiusura di tutte le attività e proviamo a fare un esperimento».
«Siamo consapevoli - sottolinea ancora la presidente della Confcommercio cittadina - che per fare ciò ci vorrà un atto di coraggio ma crediamo che quest’atto di coraggio sia oggi più che mai necessario per raggiungere almeno due obiettivi». Quali? «Cercare di non far pesare queste restrizioni solo sulle attività della ristorazione e del beverage le quali subirebbero gravi danni economici che inevitabilmente si ripercuoterebbero su tutta l’economia della città; soprattutto migliorare notevolmente la qualità della vita di tutti, con ripercussioni positive sia sociali che economiche per tutta la cittadinanza. Forse qualcuno ci prenderà per folli e visionari - ammette - ma noi ci auguriamo che Altamura abbia altri folli e visionari come noi pronti ad attuare questa rivoluzione epocale».

Perplessità vengono espresse dalla Confconsumatori. «Sembra troppo ambizioso e repentino pensare ad anticipare chiusure di negozi - afferma il presidente Michele Micunco - in funzione principalmente di un settore come quello della ristorazione. Dimentichiamo che Altamura ha non meno di 5.000 pendolari giornalieri cui sarebbe reso complicato poter semplicemente fare una banale spesa e non solo. Pur apprezzando lo sforzo di sostegno alla categoria dei ristoratori altamurani, ritengo personalmente la proposta della Confcommercio difficilmente praticabile nel breve periodo».
Finora le prime sperimentazioni non hanno dato l’esito voluto. Alcuni ristoranti e pizzerie hanno fissato due fasce orarie, la prima inizia alle 20, la seconda alle 22. Ma le prenotazioni si concentrano nella seconda.
Per la sindaca Rosa Melodia è un tentativo che comunque va fatto. «Per salvaguardare l’economia cittadina - sottolinea - bisogna cominciare e avere la capacità di adeguarci».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie