Lunedì 26 Ottobre 2020 | 17:16

NEWS DALLA SEZIONE

Paura contagio
Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

 
Coronavirus
Bari, contagi Covid in due scuole elementari: cancelli chiusi per una

Bari, contagi Covid in due scuole elementari: cancelli chiusi per una

 
intervento dei CC
Modugno, aggredisce operatori con coltello in Rsa: arrestato ospite 52enne

Modugno, aggredisce operatori con coltello in Rsa: arrestato ospite 52enne

 
l'emergenza
Bari, contagio Covid a scuola: chiusa la «Tommaso Fiore» a Poggiofranco per sanificazione

Bari, contagio Covid a scuola: chiusa la «Tommaso Fiore» a Poggiofranco per sanificazione

 
La decisione
Valenzano, un positivo Covid in chiesa: chiusa San Lorenzo

Valenzano, un positivo Covid in chiesa: chiusa San Lorenzo

 
coronavirus
Emergenza contagi: sue bambini di 3 anni positivi al Covid a Bitonto e Acquaviva

Emergenza contagi: due bambini di 3 anni positivi al Covid a Bitonto e Acquaviva

 
Il virus
Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

 
L'emergenza
Dopo Dpcm i ristoratori pugliesi sono in agitazione: al vaglio serie di proteste

Dopo Dpcm i ristoratori pugliesi sono in agitazione: al vaglio serie di proteste

 
L'emergenza
Dpcm, le parole di Decaro: «Necessario saldare un patto tra cittadini e Stato»

Dpcm, le parole di Decaro: «Ci vuole un patto tra cittadini e Stato. I sindaci fermeranno le violenze»

 
Il safe tracer
L'idea di un'azienda barese: basta un «bip» per garantire i distanziamenti

L'idea di un'azienda barese: basta un «bip» per garantire i distanziamenti

 
Il virus
Bitonto, l'allarme del sindaco: «Il 30% dei contagiati ha tra i 12 e i 25 anni»

Bitonto, l'allarme del sindaco: «Il 30% dei contagiati ha tra i 12 e i 25 anni»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaControlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
BariPaura contagio
Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

 
Covid news h 24Coronavirus
Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 
Tarantoil furto
Taranto, rubano Dpi per operatori Covid da auto Asl: «Atto deplorevole»

Taranto, rubano Dpi per operatori Covid da auto Asl: «Atto deplorevole»

 
Covid news h 24la provocazione
Taviano, #iorestoaperto: gestore cinema sfida norme Dpcm

Taviano, nuovo Dpcm: gestore cinema sfida divieto: #iorestoaperto

 
Materacontrolli della ps
Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

 
Brindisiopere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 

i più letti

La ripresa

Bari, si mangia a scuola, ma la mensa è al banco

Il Comune sistema anche le zanzariere nelle sezioni a tempo pieno

Bari, si mangia a scuola, ma la mensa è al banco

I bambini di materna e di elementare che frequentano la Don Milani e la De Fano al quartiere San Paolo dovranno pranzare in classe. La preside Zoraide Cappabianca spiega: «In questa maniera saremo in grado di garantire il distanziamento e di servire i pasti in un unico turno. La ditta di ristorazione ha fatto un sopralluogo per individuare gli spazi utili a posizionare i carrelli delle vivande. Cominceremo non appena avremo le maestre e i collaboratori in numero adeguato a soddisfare tutte le esigenze».
Attende il cosiddetto «organico Covid» (i supplenti ancora da nominare, ma in carica fino a giugno 2021) per far partire il tempo pieno con le lezioni fino al pomeriggio anche Patrizia Rossini, alla guida dell’istituto comprensivo Japigia 1-Verga: «Il refettorio è stato riconvertito per le attività didattiche. Gli alunni dovranno consumare il pasto sui banchi. Abbiamo bisogno di ambienti aggiuntivi. Al plesso San Francesco, per esempio, fino a quando il Comune non ci consegnerà i prefabbricati esterni, gli scolari a rotazione faranno didattica integrata: le lezioni sono pomeridiane in video-collegamento con le insegnanti».

Nella scuola del post-pandemia, ma costretta a fare i conti con lo spettro dei contagi, pure la mensa è stata ripensata. In cabina di regia, per il Comune, c’è il direttore generale Davide Pellegrino: «Numerosi presidi ci hanno chiesto la monoporzione. Con la collaborazione della nutrizionista, abbiamo fatto una serie di valutazioni. La monoporzione non è da preferire sia sotto il profilo nutrizionale sia del gusto e inoltre pone difficoltà pratiche: per aprire i vassoi sigillati i più piccoli avranno bisogno dell’aiuto delle maestre. In questa maniera i presunti vantaggi della mancata contaminazione verrebbero meno».

Sistema tradizionale nella stragrande maggioranza dei casi, dunque, con il pranzo che si compone di un primo, di un secondo, del contorno e della frutta, ma servito in aula. Pochissimi istituti potranno avvalersi del refettorio.

Il debutto è in calendario per lunedì 5 ottobre, lì dove sono state poste le zanzariere alle finestre. Continua Pellegrino: «Per le famiglie le rette restano invariate, ma il servizio per il Comune ha costi aggiuntivi. Stiamo sistemando le zanzariere nelle classi a tempo pieno e abbiamo modificato il capitolato d’appalto. Prima della consegna dei pasti e al ritiro, le aule dovranno essere pulite dal personale delle ditte che hanno vinto l’appalto di preparazione e distribuzione dei pasti».

Il suggerimento, in particolare per i piccoli dell’infanzia, è quello di andare in fila indiana in bagno per lavare le mani, in modo da consentire agli operatori di sistemare la stanza.
L’assessora alle Politiche educative, Paola Romano, è convinta che i disagi si faranno meno pesanti con il passare dei giorni: «È una situazione nuova. Occorre un periodo di adattamento. Da mesi stiamo lavorando per conservare tutti i servizi scolastici, inclusa la mensa. Le tavole, seppur sui banchi, saranno apparecchiate quotidianamente per 4.500 scolari, di cui la metà fa parte di nuclei famigliari con un reddito basso. Significa che 2mila bambini ogni giorno potranno fare un pasto completo e bilanciato, senza che i genitori spendano un euro. Pranzare con i compagni e con le maestre è anche un modo per socializzare e mettere in pratica l’educazione alimentare. I genitori potranno conciliare la vita professionale con quella familiare. Abbiamo riorganizzato il servizio in modo da tenere insieme il diritto alla salute e quello al tempo pieno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie