Martedì 29 Settembre 2020 | 09:18

NEWS DALLA SEZIONE

Il sindaco
Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

 
La questione
Polo giustizia Bari: situazione insostenibile, Decaro scrive a Mattarella

Polo giustizia Bari: situazione insostenibile, Decaro scrive a Mattarella

 
nel Barese
Svaligia villette a Monopoli: pizzicato dai carabinieri li aggredisce, arrestato 26enne

Svaligia villette a Monopoli: pizzicato dai carabinieri li aggredisce, arrestato 26enne

 
Il posto
Valenzano, è crisi al Comune, si dimette il sindaco- «Frattura politica

Valenzano, è crisi al Comune, si dimette il sindaco- «Frattura politica

 
La denuncia su Fb
Bari, positivo al Covid il presidente dei farmacisti

Bari, positivo al Covid il presidente dei farmacisti

 
La gara
Tennis, al Ct di Bari la Coppa Italia under 14

Tennis, il Ct di Bari si aggiudica lo scudetto under 14

 
risalita dei contagi
Policlinico Bari, il Padiglione D'Agostino sarà il nuovo Covid-hospital

Policlinico Bari, il Padiglione D'Agostino sarà il nuovo Covid-hospital

 
L'iniziativa
Graduation Days: a Bari i neolaureati durante il lockdown festeggiano in Piazza del Ferrarese

Graduation Days: a Bari i neolaureati durante il lockdown festeggiano in Piazza del Ferrarese

 
polizia locale
Coronavirus, a Bari giovani nella movida senza mascherine: sanzioni

Bari, giovani nella movida senza mascherine: 9 multe

 
paura nel Barese
Coronavirus, ad Altamura Istituto Tecnico torna alle lezioni da casa

Coronavirus, ad Altamura Istituto Tecnico torna alle lezioni da casa

 

Il Biancorosso

Post-partita
Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Foggia, ricatti a prete con video hot: il sacerdote era stato indagato per violenza sessuale

Foggia, ricatti a prete con video hot: il sacerdote era stato indagato per violenza sessuale

 
BrindisiNel Brindisino
Campo di Mare, sbarcati 47 migranti egiziani nella notte: stanno tutti bene

Campo di Mare, sbarcati 47 migranti egiziani nella notte: stanno tutti bene

 
LecceLe indagini
Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

 
MateraIn tribunale
Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, 3mila euro per evitare attacchi su a ex consigliere regionale: indagato blogger

Taranto, 3mila euro per evitare attacchi a ex consigliere regionale: indagato blogger

 
BariIl sindaco
Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

 
PotenzaIn ospedale
Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

 
BatIl caso
Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

 

i più letti

I roghi in città

Bitonto, sorpreso dai carabinieri mentre appicca il fuoco

Bitontino di 59 anni finisce ai domiciliari accusato di incendio

Bari, sorpresi a bruciare rifiuti in campagna: denunciati un 58enne e 36enne

BARI - I carabinieri lo hanno sorpreso con un accendino in mano. Nulla di male se avesse solo acceso una sigaretta. «Posizionatosi in un punto a favore di vento, riparato da un muro», invece, l’uomo «appiccava il fuoco alle sterpaglie» su un terreno incolto e abbandonato «sul quale era insediata una famiglia di etnia rom che viveva in quattro baracche di legno», è scritto nel capo d’imputazione. Per fortuna, le fiamme, «che si propagavano a grande velocità per il forte vento che spirava da nord ovest», hanno solo lambito l’insediamento, distruggendo una delle quattro baracche, situata a 150 metri di distanza dal punto d’innesco.

Con l’accusa di incendio che, ricordiamo, prevede come pena la reclusione da tre a sette anni, è stato arrestato Gaetano Abbadessa, bitontino di 59 anni, colto sul fatto dai carabinieri. L’episodio, che avrebbe potuto avere conseguenze gravissime, è avvenuto nelle campagne di Bitonto il 7 agosto. Un periodo non facile quello estivo per i roghi. Quattro giorni fa, ricordiamo, un altro devastante incendio, era divampato a Lama Balice.
Vediamo più nel dettaglio la vicenda per come è stata ricostruita dal gip del tribunale di Bari, Francesco Agnino. Dopo avere convalidato l’arresto eseguito dai carabinieri, che hanno «operato legittimamente», il magistrato ha disposto a carico di Abbadessa, assistito dall’avvocato Nicola Quaranta, la misura cautelare dei domiciliari. Il pm Michele Ruggiero, titolare del fascicolo, aveva chiesto il carcere.

Nel corso di un servizio di prevenzione dei reati come l’incendio, i carabinieri della Stazione di Bitonto si sono insospettiti per un furgone bianco parcheggiato sul ciglio della strada. Scesi dall’auto di servizio, poco distante da lì, hanno notato chi poi hanno identificato in Abbadessa, piegato su se stesso, dietro un muro, a favore di vento, intento a fare qualcosa con le sterpaglie di un terreno abbandonato. Alla vista dei militari, l’uomo ha provato a raggiungere in tutta fretta il furgone. Fermato, aveva con sé nella mano destra l’accendino incriminato «con l’estremità ancora calda».
«L’indagato alla vista delle fiamme che si stavano propagando con grande velocità - riassume il giudice - dichiarava nella immediatezza di avere appiccato il fuoco per pulire il terreno di sua proprietà ed anche per allontanare una famiglia rom ivi presente».

I Vigili del fuoco sono intervenuti prontamente sul posto. Dopo la faticaccia di quattro giorni prima, sono stati costretti a un altro super lavoro: quattro lunghissime ore ci sono volute per domare altre fiamme divampate su una superficie di due ettari. Un incendio, quello di venerdì scorso che sarebbe stato provocato dall’accendino bic di colore celeste di Abbadessa il quale, nel corso dell’interrogatorio a seguito dell’udienza di convalida dell’arresto, ha sostanzialmente ammesso l’addebito.
«Non vi sono elementi di dubbio sulla circostanza che l’Abbadessa ha appiccato un incendio in una zona caratterizzata da terreni incolti, ma limitrofa ad un insediamento di baracche occupate da un nucleo famigliare di origine romena, tenuto conto che lo stesso è stato visto dai carabinieri appiccare il fuoco». Nell’ordinanza si sottolinea anche il pericolo di «recidivazione sia in relazione alla gravità del fatto, sia in relazione alle particolari modalità di accensione del fuoco» dal momento che le fiamme sono state appiccate «in prossimità di uno stanziamento di persone rom con area cespugliata ed erborata che avrebbe potuto aumentare esponenzialmente la capacità distruttiva delle fiamme». Il giudice, infine, sottolinea la «spregiudicatezza» della personalità dell’indagato accusato di avere commesso un «crimine che, specialmente in questa stagione dell’anno, desta così allarme sociale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie