Giovedì 09 Luglio 2020 | 06:51

NEWS DALLA SEZIONE

Il 19enne
Bari, il debutto sul campo di serie A di Giacomo Manzari con la maglia del Sassuolo

Bari, il debutto sul campo di serie A di Giacomo Manzari con la maglia del Sassuolo

 
Operazione Gdf
Bari, soldi in paradisi fiscali : sequestrato 1,5 mln a imprenditore

Bari, soldi in paradisi fiscali: sequestrati 1,5 mln a imprenditore

 
guardia di finanza
Bari, non dichiarava denaro custodito all'estero: sequestrati beni per 1,5mln a imprenditore

Bari, soldi in paradisi fiscali: sequestrati 1,5mln a imprenditore

 
nel barese
Gioia del Colle, sfrutta due cittadini indiani in azienda: arrestato imprenditore

Gioia del Colle, sfrutta due cittadini indiani in azienda: arrestato imprenditore

 
sharing-mobility
Bari, trovati i due monopattini rubati: uno era al Cara, a Palese, l'altro in un capannone

Bari, trovati i due monopattini rubati: uno era al Cara, a Palese, l'altro in un capannone

 
dopo la sanificazione
Bari, torna attività chirurgica in padiglione Asclepios, ex Covid-hospital

Bari, torna attività chirurgica in padiglione Asclepios, ex Covid-hospital

 
la denuncia
Gravina, mistero al cimitero: corpo di una bimba sparito dalla tomba

Gravina, mistero al cimitero: corpo di una bimba sparito dalla tomba

 
il riconoscimento
Turismo, Alberobello è capitale italiana delle vacanze in famiglia

Turismo, Alberobello è capitale italiana delle vacanze in famiglia

 
La scoperta
Giallo a Ruvo, resti umani di tre donne trovati in un pozzo

Giallo a Ruvo, resti umani di tre donne trovati in un pozzo

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa firma
Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

 
LecceIl provvedimento
Dl semplificazioni, esclusa ma ss 275. Fitto: incredibile, la Regione in silenzio

Dl semplificazioni, esclusa la ss 275. Fitto: incredibile, la Regione in silenzio

 
Foggiasul gargano
Foggia, prefetto emette 2 interdittive antimafia: presunti legami con i clan

Foggia, prefetto emette 2 interdittive antimafia: presunti legami con il clan

 
Batnella bat
Trani, minacce ed estorsioni ai genitori per comprare alcol: arrestato 50enne

Trani, minacce ed estorsioni ai genitori per comprare alcol: arrestato 50enne

 
Brindisinel Brindisino
Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

 
MateraLa battaglia Legale
Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

 
Potenzail caso
Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

 

i più letti

Tecnologia

«Immuni, applicazione pericolosa e inutile», il parere dell'avvocato

Parla Andrea Lisi, avvocato esperto in diritto dell’informatica

«Immuni, applicazione pericolosa e inutile»

«Rispetto a tante app che abbiamo sul nostro cellulare sicuramente “Immuni” non è la più pericolosa, ma ha tante criticità che bisogna ben tenerle presente». Andrea Lisi è un avvocato esperto in diritto dell'informatica e privacy e presidente di Anorc, una associazione riferimento nazionale per le aziende e i professionisti impegnati nel campo della digitalizzazione e protezione del patrimonio informativo e documentale. Tiene spesso seminari su Bari e in queste ultime settimane i suoi appunti sulla app «Immuni» hanno catalizzato molta attenzione sui social con un intenso dibattito.

«Io non voglio alimentare polemiche in un Paese come il nostro che si divide con gran facilità tra Guelfi e Ghibellini – spiega Lisi -, mi limito ad alcune osservazioni. Uno: perché una applicazione che dovrebbe raccogliere nostri dati sensibili si deve appoggiare a piattaforme come Google o Apple che notoriamente raccolgono dati personali per loro profilazioni marketing? In Francia e Inghilterra sono state create simili applicazioni ma senza ricorrere a piattaforme private. Due: esperienze similari in altri Stati esteri sono state un flop, perché senza l'obbligatorietà all'uso non si è raggiunto quel 60% di utilizzo necessario alla buona riuscita. Tre: l'applicazione obbliga a tenere attivo il bluetooth e il gps. È come se il nostro cellulare tenesse sempre la porta di casa aperta. È rischioso, non solo perché ci rende sempre visibili, individuabili e tracciabili, ma perché il bluetooth è una tecnologia facilmente attaccabile da virus o altro».

(l'avvocato Andrea Lisi)

L'avvocato Lisi evita di entrare in beghe informatiche o in tutte le polemiche che in queste settimane hanno alimentato un acceso dibattito, tanto da creare schieramenti diametralmente opposti: c'è chi sta alimentando catene che incitano a scaricare l'applicazione, o chi la respinge come fosse l'Anticristo. «Io sono solo molto perplesso sull'esattezza del dato che si punta a raccogliere. Siamo proprio sicuri che bastano 15 minuti vicino ad un positivo per infettarci? E poi la vicinanza, il bluetooth non rileva se tra me e l'eventuale positivo c'è un muro o un qualsiasi divisorio che mi renda impossibile persino il rendermi conto della sua presenza. E allora? Io mi ritrovo a ricevere l’allerta di contagio, ma è solo un falso positivo perché in realtà non c'è stato alcun contatto. Se si moltiplica questa ipotesi, si rischia di generare un gran panico e senza la possibilità di accedere immediatamente ai tamponi per verificare l'esattezza dell'allarme. E io nel frattempo che faccio? Finisco in quarantena? E per quanto tempo?».

Lo scenario diventerebbe complicato da gestire, la paura alimenterebbe i tanti ansiosi che già oggi vivono questa epidemia con grande apprensione. E i dubbi sollevati dall'avvocato Lisi sono solo la punta dell'iceberg.

«Una app del genere sarebbe stata utile all'inizio dell'epidemia o nel malaugurato caso di una seconda ondata di ritorno, con numeri alti di contagi – sottolinea Lisi -, ma ora mi sembra per lo meno inutile. In più non è uno strumento testato, quindi con un'alta probabilità di generare falsi positivi e uno sbaglio del genere può provocare seri danni. In pratica chiedono a noi pugliesi di fare da cavie. Io sono scettico e molto. Al momento è stata scaricata da 500mila utenti, l'1% degli italiani e per funzionare ricordo che si dovrebbe arrivare al 60%. Poi si deve vedere quanti la useranno... Mi sembra che ci stiamo ostinando su un qualcosa di inutile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie