Domenica 13 Giugno 2021 | 15:34

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Barese
Carbonara, accende in strada una batteria di fuochi d'artificio: denunciato

Carbonara, accende in strada una batteria di fuochi d'artificio: denunciato

 
La nota dell'Asl
Bari, seconda dose di AstraZeneca in anticipo a over60: il calendario

Bari, seconda dose di AstraZeneca in anticipo a over60: il calendario

 
L'intervento
Bari, 11enne operato d'urgenza all’Istituto Tumori: asportata una cisti di 15 cm che comprimeva il polmone

Bari, 11enne operato d'urgenza all’Istituto Tumori: asportata una cisti di 15 cm che comprimeva il polmone

 
Il salvataggio
Monopoli, 25enne cade da un terrazzo: soccorso in stile «alpino»

Monopoli, 25enne cade da un terrazzo: soccorso in stile «alpino»

 
L'analisi
Bari, «Idee radicalizzate e violente si combattono con la cultura»

Bari, «Idee radicalizzate e violente si combattono con la cultura»

 
La curiosità
Adelfia, le rondinelle appena nate reclamano il cibo dalla mamma

Adelfia, le rondinelle appena nate reclamano il cibo dalla mamma

 
I controlli
Covid, ben 389 sanzioni nel Barese negli ultimi 10 giorni in zona gialla

Covid, ben 389 sanzioni nel Barese negli ultimi 10 giorni in zona gialla

 
giustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Il caso
Metropolitana Bari-Bitritto: «Cinque anni? È una follia»

Metropolitana Bari-Bitritto: «Cinque anni? È una follia»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaNel Potentino
Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

 
TarantoLadro seriale
Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

 
BariNel Barese
Carbonara, accende in strada una batteria di fuochi d'artificio: denunciato

Carbonara, accende in strada una batteria di fuochi d'artificio: denunciato

 
LecceIl gip: manca la prova
Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

 
BrindisiIl virus
Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

 
Materafelicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 

i più letti

LA DENUNCIA

Bari, chiuse le casse del Cup Policlinico, disagi annunciati

La denuncia del sindacalista Cipriani: «Si possono riaprire con percorsi distinti». Dal Gruppo Indipendente Libertà un’appassionata levata di scudi: pagare il ticket all’esterno costa di più

Bari, chiuse le casse del Cup Policlinico, disagi annunciati

Una ripresa certo faticosa e piena di problemi, ora che si attenua l’emergenza Covid-19 al Policlinico. La lenta riapertura al pubblico ha prodotto la presa di posizione di Luigi Cipriani del Gruppo Indipendente Libertà-Sanità, un sindacato autonomo. Ieri mattina, in conferenza stampa, ha spiegato le sue ragioni. Procediamo con ordine.

L’emergenza sanitaria, con la conseguente necessità di mettere a disposizione un maggior numero di posti letto nei reparti di terapia intensiva e semi-intensiva oltre che Pneumologia, ha prodotto una serie di eventi collaterali inevitabili. La struttura Asclepios è stata completamente acquisita allo scopo, inclusi stanze e corridoi deputati a ospitare il Centro unico per le prenotazioni (Cup) e le casse per il pagamento dei ticket. Furono spazi tutti dismessi e non c’era alternativa. In particolare, le sale destinate a Cup e casse diventarono deposito per tutto il materiale sanitario Covid. Furono sospesi tutti i pagamenti e le prenotazioni.

Adesso, cessata la fase emergenziale, ha inizio la dismissione. Il centro Covid sarà collocato nell’ex ospedale Fallacara di Triggiano. I reparti che prima dell’emergenza erano ospitati nel plesso stanno gradatamente riprendendo la propria normale attività. Anche i locali che ospitano Cup e cassa al piano terra sono stati liberati, fatta eccezione per la sala in cui l’utenza prenota le visite relative all’attività libero professionale (Alpi) nella quale resta ancora materiale depositato e che presto sarà trasportato in magazzino.

«Non chiedo l’apertura degli sportelli per le prenotazioni perché al momento non si può pensare ad assembramenti e concentrazione di persone in coda - inizia Cipriani -. Non comprendo l’ostinazione con la quale ci si rifiuta di aprire la cassa».
Ecco il suo ragionamento: «Su 10 persone in coda al Cup, 9 si recano alle prenotazioni e uno deve solo pagare il ticket. Data la notevole ampiezza dei luoghi, all’interno possono entrare anche 10 persone e si possono aprire in sicurezza 6 sportelli per le casse, 3 a sinistra e altrettanti a destra. Ciò significa che i 10 utenti sarebbero diluiti 5 da un lato e gli altri 5 dall’altro lato - l’idea del sindacalista del Gil -. C’è una porta di ingresso e una seconda porta che potrebbe essere utilizzata come uscita secondaria. Si può addirittura pensare di collocare al centro un muro in cartongesso per indurre le persone a uscire dalla porta secondaria».

Cipriani non condivide la soluzione adottata. «L’utenza, soprattutto anziani, donne e bambini, deve pagare in un ufficio postale oppure in una tabaccheria nelle vicinanze, con un aggravio di spese. In entrambi i casi si devono aggiungere altri 2 euro e se l’utente ha, come spesso accade, 3 o 4 impegnative, alla fine sborsa 8 euro in aggiunta per pagare il ticket», segnala.
Insomma, un ticket sull’altro. «Il personale dipendente, oltre 40 persone, lavora da remoto, ossia dalla propria abitazione e ogni giorno sbriga non più di 10 prenotazioni. Questo significa che 10 o 15 persone sono sufficienti a smaltire questo lavoro. La parte restante può essere impiegata negli sportelli». Discorso analogo per chi si reca all’ufficio Prelievi e paga un acconto. Nel corso degli esami spesso emerge la necessità di alcuni approfondimenti. «Quando si ritiravano gli esiti - spiega Cipriani - si pagava una differenza, adesso invece accade che si deve effettuare un secondo versamento, un’integrazione, e si deve tornare all’ufficio postale». Sono stati collocati 2 totem. Si inseriscono l’impegnativa e la tessera sanitaria. Bisogna digitare il prezzo da pagare e va corrisposto esclusivamente con carta di credito. «Chi non ne è provvisto come fa? - si domanda Cipriani -, bisogna avere dimestichezza per utilizzarli. Un anziano ha sicuramente difficoltà. Idem per la richiesta di una cartella clinica, per cui si deve lasciare un acconto in ufficio postale che poi dovrebbe essere restituito in cambio della restituzione della cartella. Chi rimborserà quei soldi se gli sportelli sono chiusi?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie