Sabato 28 Novembre 2020 | 04:15

NEWS DALLA SEZIONE

L'aggressione
Mafia a Bari, picchiato il padre di un «pentito» del clan Palermiti

Mafia a Bari, spedizione punitiva contro il padre di un «pentito» del clan Palermiti

 
Il caso
Torre a Mare, scontro auto-bici sulla Statale 16: muore ciclista 31enne

Torre a Mare, scontro auto-bici sulla Statale 16: muore ciclista 31enne

 
Occupazione
Ristorazione, Ladisa acquista Serist Milano: «Così uniamo Nord e Sud»

Ristorazione, Ladisa acquista Serist Milano: «Così uniamo Nord e Sud»

 
Il caso
Bari, morti di legionella al Policlinico: piano sicurezza acque approvato a settembre

Bari, morti di legionella al Policlinico: piano sicurezza acque approvato a settembre

 
La novità
Ecco una «app» per visitare il Museo di Altamura: il tour virtuale

Ecco una «app» per visitare il Museo di Altamura: il tour virtuale

 
Il servizio
Stress da Covid: in azienda barese uno sportello psicologico per aiutare i dipendenti

Stress da Covid: in azienda barese uno sportello psicologico per aiutare i dipendenti

 
Il caso
Bari, incidenti sul lavoro, 73enne muore cadendo da 8 metri: 3 persone a giudizio

Bari, incidenti sul lavoro, 73enne muore cadendo da 8 metri: 3 persone a giudizio

 
Coronavirus
Bari, l'appello di una 19enne: «Donate il plasma, mia madre rischia la vita»

Bari, l'appello di una 19enne: «Donate il plasma, mia madre rischia la vita»

 
emergenza coronavirus
Locorotondo, focolaio Covid in Rsa: 36 i contagiati e un decesso

Locorotondo, focolaio Covid in Rsa: 36 i contagiati e un decesso

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'aggressione
Mafia a Bari, picchiato il padre di un «pentito» del clan Palermiti

Mafia a Bari, spedizione punitiva contro il padre di un «pentito» del clan Palermiti

 
FoggiaIl caso
Mafia, salgono a 36 le misure interdittive a imprese nel Foggiano

Mafia, salgono a 36 le misure interdittive a imprese nel Foggiano

 
MateraIl caso
Covid 19, consiglio comunale a Matera: «Non depotenziare l'ospedale»

Covid 19, consiglio comunale a Matera: «Non depotenziare l'ospedale»

 
Leccea Lecce
Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

 
PotenzaIl virus
Coronavirus in Basilicata, Bardi: «Misure prorogate fino al 3 dicembre»

Coronavirus in Basilicata, Bardi: «Misure prorogate fino al 3 dicembre»

 
TarantoIl video
Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

 
Brindisile indagini
Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

 
Batnella Bat
Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

 

i più letti

L'emergenza

Coronavirus, resiste il primato di Locorotondo: sempre zero contagi

Attenzione alta perché «l’assenza di casi non vuol dire che il virus non sia presente su quel territorio»

panoramica di Locorotondo

LOCOROTONDO  - In provincia di Bari sono solamente due i Comuni senza contagi da coronavirus: Locorotondo e Poggiorsini. L’attenzione resta comunque altissima perché, come affermato dal prof. Pier Luigi Lopalco, responsabile del coordinamento emergenze pandemiche della Regione, «l’assenza di casi in un territorio non vuol dire che il virus non sia presente su quello stesso territorio».

Le case di riposo, terreno fertile per il virus. A Locorotondo esistono due Rsa (Residenze sanitarie assistenziali) con più di 100 pazienti e decine di operatori. La cura dei dettagli in questi giorni è maniacale. Ogni angolo viene costantemente sanificato e il personale sottoposto a norme rigide di comportamento.

La Rsa «Villa Argento» si trova in pieno centro, nello stabile dove prima sorgeva l’ospedale. Ospita 53 pazienti con un’età media di 84 anni. «Qui la situazione - spiega il dott. Silvestro Palmisano, coordinatore sanitario - è sotto controllo. Il merito è soprattutto delle prime misure che abbiamo preso a tutela dei nostri pazienti, come il divieto di ingresso prima a parenti e visitatori e poi ad esterni (addetti al trasporto del vitto, delle bombole di ossigeno e della biancheria). Una decisione che ci ha permesso di blindare subito la struttura». Ai dipendenti, prima di entrare, viene misurata la temperatura corporea e i loro indumenti vengono sanificati. «Tutto questo - continua Palmisano - ha permesso di evitare contagi. Gli operatori, inoltre, aiutano i pazienti a rimanere in contatto con i loro cari attraverso telefonate, videochiamate o incontri a distanza attraverso la vetrata d’ingresso. E, in un periodo come questo, si aggiunge anche una cura maggiore per pazienti soli e senza parenti».

A poche centinaia di metri dal cuore del paese, in cima a una collina da cui si può ammirare la Valle d’Itria, si erge al «Casa Neemia Domus Sancta Familia», una casa di accoglienza per anziani fondata da don Peppino Micoli nel 1996. Anche in questa Rsa non si registrano contagi. «Ancora prima delle restrizioni imposte dai decreti - afferma il direttore della struttura, prof. Giuseppe Saladini - avevamo adottato tutte le misure di prevenzione a tutela dei nostri 58 ospiti: divieto di accesso ai parenti (ai quali è stato garantito il contatto telefonico quotidiano); obbligo da parte degli operatori di indossare guanti, mascherine chirurgiche, visiere, calzari, camici e copricapi isolanti); osservanza, nei momenti collettivi, del distanziamento sociale; eco-sanificazione di tutti gli ambienti della struttura con macchine a vapore secco, all’ozono e nebbiogene». Saladini lancia un appello alle autorità: «Non nascondiamo ansie, surplus di lavoro e spese aggiuntive che questa emergenza sta comportando. La somministrazione di test ad ospiti e personale tutto ci garantirebbe maggiore tranquillità».

Un sostegno concreto alla Rsa Domus è giunto, nei giorni scorsi, dall’istituto agrario «Basile-Caramia», in collaborazione con l’associazione «Uomo 2000». Alla struttura è stato donato diverso materiale specifico per la mensa «contribuendo così - dicono dalla direzione della casa di riposo di Locorotondo - ad adeguarci ai nuovi cambiamenti e agevolando il lavoro degli operatori. È stato un gesto di commovente solidarietà».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie