Lunedì 10 Agosto 2020 | 18:19

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

 
Il video
L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

 
L'INTERVISTA
Michielin: il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio

Parola di Francesca Michielin: «il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio»

 
Criminalità
Bitonto, armati di pitsola rapinano auto a 3 donne che fanno benzina

Bitonto, armati di pistola rapinano auto a 3 donne che fanno rifornimento di benzina

 
L'INDAGINE
Boom del telelavoro a Bari e provincia

Boom del telelavoro a Bari e provincia

 
RICONOSCIMENTO
Corato è una «Città che legge»

Corato è una «Città che legge»

 
IL FATTO
Gioia del Colle, accoltellato in strada durante una lite

Gioia del Colle, accoltellato in strada durante una lite

 
l'Incidente
Altamura, tragico schianto su via Laterza. Muore 67enne

Altamura, tragico schianto su via Laterza. Muore 67enne

 
La storia
Dal Lussemburgo a Monopoli il caso dei sei positivi fantasma

Covid-19, dal Lussemburgo a Monopoli il caso dei sei positivi «fantasma»

 
fase 3
Bari, 20mila rinnovi carte identità elettroniche: approvato progetto per smaltire arretrati Covid

Bari, 20mila rinnovi carte identità elettroniche: approvato progetto per smaltire arretrati Covid

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Vivarini attende, Scala in bilico. Avanza Auteri: altre novità in vista

Vivarini attende, Scala in bilico. Avanza Auteri: altre novità in vista

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl caso
Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 
FoggiaNuovi contagi
Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzaone sono positivi al Coronavirus

Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzanone sono positivi al Coronavirus

 
LecceL'INTERVISTA
La ricerca internazionale scommette nel Salento

La ricerca internazionale scommette nel Salento

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, discarica abusiva perenne, i residenti denunciano: «Ignorati dalle istituzioni»

Brindisi, discarica abusiva perenne, i residenti denunciano: «Ignorati dalle istituzioni»

 
BatMALASANITÀ
Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

 
PotenzaL'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 

i più letti

al policlinico

Bari, donna muore al Pronto Soccorso, famiglia denuncia: «Sottovalutato mal di gola»
«Rifiutato due volte intervento 118»

La donna, 48 anni, lamentava da giorni un forte mal di gola e si era rivolta a diversi medici che le avrebbero prescritto farmaci inefficaci. Si farà l'autopsia

Policlinico di Bari, piazza Giulio Cesare 11

Policlinico di Bari

La Procura di Bari ha disposto i primi accertamenti urgenti sulla morte di una 48enne barese, Giulia Mininni, deceduta sabato sera nel pronto soccorso del Policlinico di Bari. Secondo la denuncia presentata dai suoi familiari, la donna accusava da circa una settimana un forte mal di gola che - sostengono i parenti - diversi medici avrebbero sottovalutato.

Secondo il racconto dei familiari, formalizzato ieri in una denuncia presentata ai carabinieri di Bari, la donna si sarebbe rivolta nei giorni scorsi a diversi medici per una forma di mal di gola estremamente dolorosa. Si sarebbe fatta accompagnare dalla guardia medica, poi una prima volta al pronto soccorso del Policlinico, ancora dal medico curante e successivamente avrebbe chiamato il 118 in due occasioni. Tutti i medici che l’hanno visitata, sempre stando alla denuncia, avrebbero sottovalutato il problema prescrivendo terapie inefficaci. I parenti sostengono inoltre che, dopo un ulteriore aggravamento delle condizioni della donna, il 118, chiamato ancora una volta, ieri sera ha trasportato la paziente al pronto soccorso del Policlinico di Bari dove è stato dichiarato il decesso.

La famiglia ha denunciato la vicenda ai carabinieri i quali, su disposizione del pm di turno Larissa Catella, hanno acquisito la documentazione sanitaria ed eseguito il sequestro della salma perché resti a disposizione dell’autorità giudiziaria.
Già oggi il fascicolo sarà assegnato ad un magistrato del pool specializzato, il quale dovrà provvedere alla formale apertura dell’inchiesta, con la formulazione di una ipotesi

LA NOTA DEL POLICLINICO - In riferimento alle notizie apparse sugli organi di stampa sul decesso di una donna avvenuto la sera di sabato 8 febbraio al pronto soccorso, l'azienda precisa che la paziente è arrivata al pronto soccorso del Policlinico di Bari in condizioni di arresto cardiorespiratorio, con manovre rianimatorie già iniziate dall'equipe 118.
Nonostante la prolungata rianimazione cardiorespiratoria, eseguita con la collaborazione dei consulenti rianimatori, la paziente è rimasta in asistolia ed è stato dichiarato il decesso.
Si sottolinea, inoltre, che non risultano altri accessi della stessa donna al pronto soccorso o in altri reparti nelle giornate precedenti.

118: RIFIUTATO TRASPORTO IN OSPEDALE - In due dei tre interventi del 118 al domicilio di Giulia Mininni, la 48enne barese deceduta due giorni fa nel Policlinico di Bari, sarebbe stato rifiutato il trasporto in ospedale. Stando a quanto ricostruito sulla base delle schede di ambulanza dal direttore del 118, Gaetano Dipietro, per tre volte era stato chiamato il sistema emergenza sanitaria e tutte le volte l’ambulanza era intervenuta al domicilio della paziente. I sintomi riferiti dai familiari della donna erano mal di gola e dolori all’interno della bocca a causa dei quali, sempre stando al racconto dei parenti, la signora non si alimentava da qualche giorno per difficoltà a deglutire.

Dopo il primo intervento del 118, alcuni giorni prima del decesso, sarebbe stato rifiutato il trasporto in ospedale con rinvio al medico di base per le valutazioni del caso. Il secondo intervento risale a sabato scorso. Anche in quella occasione risulta un rifiuto al trasporto in ospedale sottoscritto da un familiare. Alla terza chiamata al 118, un’ora dopo, la situazione era ormai precipitata e all’arrivo dell’ambulanza la donna sarebbe stata già in arresto cardiaco. Le manovra rianimatorie, riferisce il 118, sono iniziate sul posto, poi in ambulanza nel tragitto verso il pronto soccorso del Policlinico dove sono continuate fino alla dichiarazione del decesso. Dalle schede di intervento risulta, inoltre, che in uno dei tre soccorsi la donna sarebbe stata sottoposta ad elettrocardiogramma. Sulla vicenda la famiglia ha sporto denuncia ai carabinieri e il fascicolo è ora all’attenzione della Procura di Bari che nei prossimi giorni disporrà l'autopsia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie