Sabato 08 Agosto 2020 | 08:05

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Mola, stop a parcheggio selvaggio sulla costa: installate barriere «New Jersey»

Mola, stop a parcheggio selvaggio sulla costa: installate barriere «New Jersey»

 
Turismo
«Monopoli, la tua vacanza inizia da qui»: presentato il video promozionale

«Monopoli, la tua vacanza inizia da qui»: presentato il video promozionale

 
l'attentato
Toritto, incendiata auto dirigente comunale: telecamera riprende 2 che appiccano fuoco

Toritto, incendiata auto dirigente comunale: telecamera riprende 2 che appiccano fuoco

 
maltrattamenti in famiglia
Bari, picchia la moglie e le rompe il naso davanti a figli piccoli: arrestato 20enne violento

Bari, picchia la moglie e le rompe il naso davanti a figli piccoli: arrestato 20enne

 
L'ANNIVERSARIO
Bari, la Vlora 29 anni fa: le verità nascoste

Bari, 29 anni fa lo sbarco della Vlora: le verità nascoste

 
il caso
Bari, distretti Asl: scoppia la polemica in chiave elettorale

Bari, distretti Asl: scoppia la polemica in chiave elettorale

 
il decreto
Bari, Decaro nomina delegato sanità per la città metropolitana

Bari, Decaro nomina delegato sanità per la città metropolitana

 
dalla GdF
Bari, 50kg di droga nascosta nel doppiofondo di un camion-frigo: un arresto

Bari, 50kg di droga nascosta nel doppiofondo di un camion-frigo: un arresto

 
al capitolo
Monopoli, la strada è un fiume per la pioggia: ragazze bloccate in macchina salvate da polizia

Monopoli, la strada è un fiume per la pioggia: ragazze bloccate in macchina salvate da polizia

 
15° anniversario
Bari, Disastro aereo Atr, le famiglie delle vittime: «Nessuna grazia ai condannati»

Bari, disastro aereo Atr, le famiglie delle vittime: «Nessuna grazia ai condannati»

 

Il Biancorosso

serie c
La C del Bari sarà da brividi grandi firme nel girone Sud

La C del Bari sarà da brividi: grandi firme nel girone Sud

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa decisione
Mola, stop a parcheggio selvaggio sulla costa: installate barriere «New Jersey»

Mola, stop a parcheggio selvaggio sulla costa: installate barriere «New Jersey»

 
Materaambiente
Matera, rischio idrogeologico a Montescaglioso: firmato protocollo d’intesa per messa in sicurezza

Matera, rischio idrogeologico a Montescaglioso: firmato protocollo d’intesa per messa in sicurezza

 
TarantoL'appello
Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

 
Potenzala denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 
Leccegiornalismo
Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

 
Batl'evento
Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

 

i più letti

Processo Pandora

Mafia a Bari, 90 condanne ai clan Diomede, Mercante e Capriati. Risarcito il Comune. La sentenza

carabinieri Ros

Novanta persone sono state condannate oggi a pene comprese tra 12 anni e 16 mesi di reclusione nell'ambito del processo «Pandora», l'inchiesta che ha ricostruito 15 anni di criminalità organizzata barese nei confronti di presunti affiliati ai due clan Diomede-Mercante e Capriati, accusati a vario titolo di associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale. Il dispositivo di sentenza è stato letto dal gup del tribunale di Bari, Rossana De Cristofaro, al termine del processo celebrato con il rito abbreviato e condotto dai pm Giuseppe Gatti, Lidia Giorgio e Renato Nitti il cui quadro accusatorio ha retto. Oltre ai pm, in aula oggi c'era anche il procuratore capo, Giuseppe Volpe.

Le condanne più alte sono state inflitte a Gioacchino Baldassarre (12 anni di carcere), Nicola Diomede (11 anni e 4 mesi), al boss di Bitonto, Domenico Conte (10 anni e 8 mesi). Dieci anni di reclusione sono stati inflitti invece a Saverio Belviso, Cosimo Cecconi e Nicola D'Amore. Una sola assoluzione, ha riguardato Domenico Pupillo. Riconosciuto il risarcimento danno da liquidare in separata sede nei confronti delle parti civili Comuni di Bari e Terlizzi e l’associazione Antiracket.

Le indagini dei Carabinieri del Ros hanno documentato affari illeciti e le ramificazioni dei due clan, federati tra loro, nell’intera regione, da Bitonto a San Severo, passando per Altamura, Gravina, Valenzano, Triggiano e il Nord Barese, accertando anche collegamenti con le altre organizzazioni criminali pugliesi, oltre a rapporti commerciali (per l’approvvigionamento della droga) con ‘Ndrangheta, Cosa Nostra e Camorra.

Un paziente lavoro di ricerca nel quale sono confluite migliaia di ore di intercettazioni telefoniche e ambientali, le testimonianze di 50 pentiti, gli atti di 170 tra ordinanze e sentenze. Mille tasselli di un complesso mosaico. A processo con rito ordinario c’è anche l’imprenditore Roberto De Blasio, ex vicepresidente dell’associazione Fai-Antiracket di Molfetta (espulso dopo l’arresto nel giugno scorso) e titolare di un’agenzia di vigilanza privata.

Non è solo un’inchiesta antimafia. Con «Pandora», infatti, i Carabinieri del Ros (Raggruppamento operativo speciale) hanno ricostruito gli ultimi 15 anni della criminalità organizzata barese. A un anno dal blitz, è tempo di tirare le fila. La Direzione distrettuale antimafia ha chiesto infatti 91 condanne a pene comprese tra 14 anni e 4 anni 6 mesi di reclusione per altrettanti imputati nel processo che mutua il nome dal vaso della mitologia greca all’interno del quale sarebbero racchiusi tutti i mali della mafia barese degli ultimi tre lustri della mafia barese. Nel processo, che si sta celebrando con rito abbreviato nell’aula bunker di Trani, dinanzi al gup del Tribunale Rossana De Cristofaro, sono imputati i presunti affiliati ai due clan Diomede-Mercante e Capriati, accusati a vario titolo di associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale.
Nel processo sono costituiti parte civile i Comuni di Bari e Terlizzi e l’associazione Antiracket. Le condanne più elevate, a 14 anni di reclusione, sono state chieste dai pm Giuseppe Gatti, Lidia Giorgio e Renato Nitti nei confronti dei boss di Bari e Bitonto Nicola Diomede e Domenico Conte e del pregiudicato Gioacchino Baldassarre, ritenuti i capi organizzatori dei due gruppi criminali. L’Antimafia ha chiesto 38 condanne a 10 anni e altre 41 a 8 anni di reclusione per i partecipi delle due associazioni mafiose. Le arringhe difensive inizieranno il primo luglio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie