Sabato 11 Luglio 2020 | 02:19

NEWS DALLA SEZIONE

Welfare
Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

 
Il caso
Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

 
Il caso
«Torre Quetta, rischio mafia la gestione torni al Comune»

«Torre Quetta a rischio mafia: la gestione torni al Comune»

 
La decisione
Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

 
Turismo
Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

 
Comunali
Conversano, corsa tra ex compagni di scuola: Loiacono sfida Lovascio

Conversano, corsa tra ex compagni di scuola: Loiacono sfida Lovascio

 
Via libera
Polignano, Costa Ripagnola: ok commissione a istituzione Parco

Polignano, Costa Ripagnola: ok commissione a istituzione Parco. La palla passa al Consiglio

 
Il caso
Terlizzi, «Lei è positivo». Ma è un errore. Incubo per un 45enne

Terlizzi, «Lei è positivo». Ma è un errore. Incubo per un 45enne

 
questa mattina
Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

 

Il Biancorosso

calcio
Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa novità
Asl Taranto acquista capannone per Cittadella del Carnevale

Asl Taranto acquista capannone per Cittadella del Carnevale

 
Leccesport
Ciclocross, sarà Lecce ad ospitare il campionato italiano nel 2021

Ciclocross, sarà Lecce ad ospitare il campionato italiano nel 2021

 
BariWelfare
Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

 
PotenzaIl caso
Potenza, violenza sessuale: confermata condanna a farmacista «spione»

Potenza, violenza sessuale: confermata condanna a farmacista «spione»

 
BrindisiPolitica
Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

 
MateraGiustizia
Matera, annullata la sentenza a 6 anni di reclusione

Matera, annullata la sentenza a 6 anni di reclusione

 
Foggiacontrolli Polizia locale
Vieste. vendita merce contraffatta sulle spiagge: allontanati 5 venditori ambulanti con Daspo

Vieste, vendita merce contraffatta in spiaggia: allontanati 5 ambulanti con Daspo

 
BatNella Bat
Trinitapoli, scoperta maxi piantagione ci cannabis con oltre 3400 piante

Trinitapoli, scoperta maxi piantagione di cannabis con oltre 3400 piante

 

i più letti

La storia

Bari, la piccola Sara ha fretta e nasce in ambulanza

La bimba pesa 3 chili e sta bene. L’équipe del «Di Venere» in costante contatto con i soccorritori

Bari, la piccola Sara ha fretta e nasce in ambulanza

BARI - Ogni tanto una vicenda a lieto fine in periodi di crisi come questo è come lo zucchero che addomestica l’amaro del caffè. Alla piccola Sara porterà fortuna l’essere nata in condizioni di emergenza. Ora madre e figlia si riposano nel reparto di Ginecologia dell’ospedale «Di Venere».

La madre ha 38 anni ed è al suo secondo parto. Infatti, la prima gravidanza risale al 2017. La piccola Sara sta benone e pesa 2 chili e 960 grammi. La signora T. M. è di Noicattaro e riveste un ruolo all’interno della pubblica amministrazione. La vicenda, come spesso accade in casi del genere, si snoda sul filo del tempo che trascorre inesorabile. Di tempo ce n’è sempre poco.

La signora si trova inizialmente nella sua casa. Le doglie hanno inizio lentamente ma con il trascorrere delle ore aumentano d’intensità. Per un motivo o per l’altro, la signora attende un po’ di tempo in più prima di farsi accompagnare in ospedale.
Le lancette dell’orologio scorrono. I dolori aumentano. Si intuisce che ci siamo. La piccola scalpita, evidentemente vuole venire al mondo. A un certo punto, la signora non ne può più, chiama una ostetrica che fornisce una valutazione inequivocabile. Il travaglio che accompagna il parto è già avviato e addirittura in stato avanzato.
Non c’è tempo. Presto. Bisogna far presto. Il marito chiama immediatamente un’ambulanza che sopraggiunge per accompagnare la partoriente all’ospedale «Di Venere» di Carbonara.

La signora partorisce sul mezzo di emergenza. A quel punto, i sanitari del reparto di Ginecologia, diretto dal professor Mario Vicino, costantemente informati, pongono in essere tutto quanto nelle loro possibilità per un’azione di urgenza. La madre viene immediatamente trasportata in reparto. La neonata è venuta alla luce, piange come tutti i piccoli ma ha ancora il cordone ombelicale inserito sulla placenta che resta nel ventre materno.

«È stata praticata un’attenta assistenza alla mamma e alla piccola Sara che era in ottime condizioni, è stato effettuato il clampaggio del cordone». In pratica, legatura e taglio del funicolo. La piccola Sara in quel momento è finalmente del tutto autonoma con gli applausi dell’intera équipe. Ora la mamma può tenere stretta Sara.
La signora ora tira un sospiro di sollievo, l’amore per un figlio è più forte di tutto. Il primario ora scherza dicendo: «Ricordi che le femmine sono più forti dei maschi e stanno sempre meglio di noi, è un dato scientifico che il sesso forte è quello femminile, noi maschietti contiamo poco».  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie