Domenica 29 Marzo 2020 | 22:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Covid 19, altri 4 casi in una Rsa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

Covid 19, altri 4 casi in una Rssa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

 
Sulla nave di crociera
Coronavirus, marittimo di Mola a bordo della Costa Diadema ha polmonite

Coronavirus, marittimo di Mola a bordo della Costa Diadema ha polmonite

 
Solidarietà
Bari calcio, le lettere dei piccoli tifosi recapitate ai nonni con la spesa

Bari calcio, le lettere dei piccoli tifosi recapitate ai nonni con la spesa

 
La denuncia
Covid 19, i medici baresi fanno esposto in Procura: «Dpi non idonei»

Covid 19, i medici baresi fanno esposto in Procura: «Dpi non idonei»

 
Solidarietà tra stati
Coronavirus, l'Albania invia 30 medici e infermieri: «Non dimentichiamo l'Italia che ci ha aiutato»

Coronavirus, l'Albania invia 30 medici e infermieri: «Non dimentichiamo l'Italia che ci ha aiutato»

 
Il virus
Coronavirus, 24 contagi nel centro di riabilitazione Giovanni Paolo II di Putignano

Coronavirus, 22 contagi nel centro di riabilitazione Giovanni Paolo II di Putignano

 
L'emergenza al San Paolo
Bari, in 7 vivono in appartamento di 60 mq: tra loro nonno positivo al Covid 19

Bari, in 7 vivono in appartamento di 60 mq: tra loro nonno positivo al Covid 19

 
La solidarietà
Coronavirus, a Modugno fruttivendolo lascia merce in strada: «Prendetela è gratis»

Coronavirus, a Modugno fruttivendolo lascia merce in strada: «Prendetela è gratis»

 
coronavirus
Bari, fermato sul lungomare: «Sto facendo le pelose». Decaro sui social: «Vi sembra normale?»

Bari, fermato sul lungomare: «Sto facendo le pelose». Decaro sui social: «Vi sembra normale?»

 
era un fisiatra
Coronavirus, a Sannicandro di Bari muore medico 67enne: è il secondo in Puglia

Coronavirus, a Sannicandro di Bari muore medico 67enne: è il secondo in Puglia

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl virus
Covid 19, altri 4 casi in una Rsa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

Covid 19, altri 4 casi in una Rssa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

 
LecceAl tempo del Covid 19
Lecce, cerca di evitare i controlli della polizia: ciclista si getta in mare con la bici

Lecce, cerca di evitare i controlli della polizia: ciclista si getta in mare con la bici

 
TarantoIl personaggio
Camillo Pace esorcizza il Covid 19:  con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

Camillo Pace esorcizza il Covid 19: con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

 
PotenzaIl virus
Tolve, paese blindato per Coronavirus: la spesa si fa in ordine alfabetico

Tolve, paese blindato per Coronavirus: la spesa si fa in ordine alfabetico

 
Foggiapene inasprite
Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

 
Batnuoto
«Stop Olimpiadi, ma penso positivo», parla la biscegliese Elena Di Liddo

«Stop Olimpiadi, ma penso positivo», parla la biscegliese Elena Di Liddo

 
Brindisiemergenza coronavirus
Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 

i più letti

La storia

Bari, la piccola Sara ha fretta e nasce in ambulanza

La bimba pesa 3 chili e sta bene. L’équipe del «Di Venere» in costante contatto con i soccorritori

Bari, la piccola Sara ha fretta e nasce in ambulanza

BARI - Ogni tanto una vicenda a lieto fine in periodi di crisi come questo è come lo zucchero che addomestica l’amaro del caffè. Alla piccola Sara porterà fortuna l’essere nata in condizioni di emergenza. Ora madre e figlia si riposano nel reparto di Ginecologia dell’ospedale «Di Venere».

La madre ha 38 anni ed è al suo secondo parto. Infatti, la prima gravidanza risale al 2017. La piccola Sara sta benone e pesa 2 chili e 960 grammi. La signora T. M. è di Noicattaro e riveste un ruolo all’interno della pubblica amministrazione. La vicenda, come spesso accade in casi del genere, si snoda sul filo del tempo che trascorre inesorabile. Di tempo ce n’è sempre poco.

La signora si trova inizialmente nella sua casa. Le doglie hanno inizio lentamente ma con il trascorrere delle ore aumentano d’intensità. Per un motivo o per l’altro, la signora attende un po’ di tempo in più prima di farsi accompagnare in ospedale.
Le lancette dell’orologio scorrono. I dolori aumentano. Si intuisce che ci siamo. La piccola scalpita, evidentemente vuole venire al mondo. A un certo punto, la signora non ne può più, chiama una ostetrica che fornisce una valutazione inequivocabile. Il travaglio che accompagna il parto è già avviato e addirittura in stato avanzato.
Non c’è tempo. Presto. Bisogna far presto. Il marito chiama immediatamente un’ambulanza che sopraggiunge per accompagnare la partoriente all’ospedale «Di Venere» di Carbonara.

La signora partorisce sul mezzo di emergenza. A quel punto, i sanitari del reparto di Ginecologia, diretto dal professor Mario Vicino, costantemente informati, pongono in essere tutto quanto nelle loro possibilità per un’azione di urgenza. La madre viene immediatamente trasportata in reparto. La neonata è venuta alla luce, piange come tutti i piccoli ma ha ancora il cordone ombelicale inserito sulla placenta che resta nel ventre materno.

«È stata praticata un’attenta assistenza alla mamma e alla piccola Sara che era in ottime condizioni, è stato effettuato il clampaggio del cordone». In pratica, legatura e taglio del funicolo. La piccola Sara in quel momento è finalmente del tutto autonoma con gli applausi dell’intera équipe. Ora la mamma può tenere stretta Sara.
La signora ora tira un sospiro di sollievo, l’amore per un figlio è più forte di tutto. Il primario ora scherza dicendo: «Ricordi che le femmine sono più forti dei maschi e stanno sempre meglio di noi, è un dato scientifico che il sesso forte è quello femminile, noi maschietti contiamo poco».  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie