Sabato 11 Luglio 2020 | 13:46

NEWS DALLA SEZIONE

Disagi
Bari, troppi impiegati in telelavoro: code all'Agenzia delle Entrate

Bari, troppi impiegati in telelavoro: code all'Agenzia delle Entrate

 
Turismo
I turisti scelgono l'Italia ma le vacanze sono brevi: tra le mete predilette la Puglia

I turisti scelgono l'Italia ma le vacanze sono brevi: tra le mete predilette la Puglia

 
lavoro
Sanità, il Policlinico Bari stabilizza 41 precari

Sanità, il Policlinico Bari stabilizza 41 precari

 
Il caso
Bari, San Girolamo e bivacchi. La rabbia dei residenti

Bari, San Girolamo e bivacchi. La rabbia dei residenti

 
mobilità
Bari, caricano in macchina monopattino a noleggio e fuggono verso la SS16: 4 denunciati

Bari, caricano in macchina monopattino a noleggio e fuggono verso la SS16: 4 denunce

 
scoperti dalla GdF
Porto di Bari, imballaggi «Marlboro» contraffatti: sequestri e una denuncia

Porto di Bari, imballaggi «Marlboro» contraffatti: sequestri e una denuncia

 
Welfare
Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

 
Il caso
Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

 
Il caso
«Torre Quetta, rischio mafia la gestione torni al Comune»

«Torre Quetta a rischio mafia: la gestione torni al Comune»

 
La decisione
Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

 
Turismo
Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

 

Il Biancorosso

calcio
Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaSanità
Manfredonia, mammografie liste interminabili al San Camillo

Manfredonia, mammografie liste interminabili al San Camillo

 
BrindisiCriminalità
Fasano, presto le ronde contro i furti nelle abitazioni

Fasano, presto le ronde contro i furti nelle abitazioni

 
BatComunali
Andria, il M5s punta su Coratella

Andria, il Movimento 5 Stelle punta su Coratella

 
MateraIl ritrovamento
Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

 
TarantoOpere pubbliche
Taranto accelera sui parcheggi: operativo il piano del Comune

Taranto accelera sui parcheggi: operativo il piano del Comune

 
HomeIl virus
Coronavirus in Basilicata, un nuovo caso positivo di rientro

Coronavirus in Basilicata, un nuovo caso positivo di rientro

 
LecceOpera pubblica
San Foca, Tap, lavori ultimati. Presto il collaudo

Tap a San Foca, lavori ultimati: presto il collaudo

 

i più letti

nel Barese

Bitonto, «Tu di qui non esci vivo»: minacce a imprenditore, in carcere affiliato clan Cipriano

Nel mirino Roberto Lovero detto 'U'Can': voleva convincere il costruttore a ritirare una denuncia

Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza di Bari ha dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip con cui è stato disposto il carcere nei confronti del 30enne Roberto Lovero, conosciuto come 'U' Can', affiliato al clan Cipriano attivo a Bitonto (Ba). L'ordinanza è l'epilogo di un'indagine a carico del giovane per l'estorsione ai danni di un imprenditore edile del posto, in concorso con altre persone, aggravata dal metodo e dalle finalità mafiose, nonché dall'uso delle armi. 

Il costruttore nel 2014 aveva ceduto il 50% delle quote di una Srl con sede a Bitonto all'altro suo socio, uno zio, pattuendo un prezzo complessivo di 1.250.000 euro. Ma lo zio dopo avergli dato 135mila euro non voleva corrispondere la restante somma. Perciò l'imprenditore aveva più volte provato a rientrare in possesso del suo denaro, arrivando a denunciare tutto alla Guardia di Finanza. A quel punto Lovero l'ha convocato, intimandogli di ritirare la denuncia, ma davanti al suo rifiuto l'aveva minacciato impugnando due pistole, e ordinando a due complici di portarlo in cantina, legargli mani e piedi con due fascette, e dicendogli: «Tu di qua non esci vivo». Si è scoperto, quindi, che i soldi investiti dallo zio dell'imprenditore erano riconducibili al clan Cipriano. Per salvarsi la vita, il costruttore ha promesso di ritirare la denuncia, tuttavia ha poi raccontato tutto ai finanzieri. Anche negli ultimi tempi l'imprenditore era stato oggetto di intimidazioni: erano stati lanciati proiettili contro la porta della sua abitazione, nel settembre e nel dicembre 2019.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie