Sabato 29 Febbraio 2020 | 12:19

NEWS DALLA SEZIONE

a poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
a toritto (Ba)
Quasano, cc trovano 2 senegalesi alla guida senza patente: uno aveva un ordine di carcerazione a Rimini

Quasano, 2 senegalesi alla guida senza patente: uno aveva un ordine di carcerazione a Rimini

 
l'emergenza
Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

 
a picone
Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

 
Do ut des
Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolati»

Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolari»

 
Ironia sul web
Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata da Rimbamband e Renato Ciardo

Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata dalla Rimbamband

 
La recensione
Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

 
La curiosità
Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

 
La curiosità
Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceè mistero
Lecce, quattro auto date alle fiamme nella notte: indagano i cc

Lecce, quattro auto date alle fiamme nella notte: indagano i cc

 
Materal'iniziativa
Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

 
Baria poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
Foggianel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 

i più letti

nel Barese

Bitonto, «Tu di qui non esci vivo»: minacce a imprenditore, in carcere affiliato clan Cipriano

Nel mirino Roberto Lovero detto 'U'Can': voleva convincere il costruttore a ritirare una denuncia

Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza di Bari ha dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip con cui è stato disposto il carcere nei confronti del 30enne Roberto Lovero, conosciuto come 'U' Can', affiliato al clan Cipriano attivo a Bitonto (Ba). L'ordinanza è l'epilogo di un'indagine a carico del giovane per l'estorsione ai danni di un imprenditore edile del posto, in concorso con altre persone, aggravata dal metodo e dalle finalità mafiose, nonché dall'uso delle armi. 

Il costruttore nel 2014 aveva ceduto il 50% delle quote di una Srl con sede a Bitonto all'altro suo socio, uno zio, pattuendo un prezzo complessivo di 1.250.000 euro. Ma lo zio dopo avergli dato 135mila euro non voleva corrispondere la restante somma. Perciò l'imprenditore aveva più volte provato a rientrare in possesso del suo denaro, arrivando a denunciare tutto alla Guardia di Finanza. A quel punto Lovero l'ha convocato, intimandogli di ritirare la denuncia, ma davanti al suo rifiuto l'aveva minacciato impugnando due pistole, e ordinando a due complici di portarlo in cantina, legargli mani e piedi con due fascette, e dicendogli: «Tu di qua non esci vivo». Si è scoperto, quindi, che i soldi investiti dallo zio dell'imprenditore erano riconducibili al clan Cipriano. Per salvarsi la vita, il costruttore ha promesso di ritirare la denuncia, tuttavia ha poi raccontato tutto ai finanzieri. Anche negli ultimi tempi l'imprenditore era stato oggetto di intimidazioni: erano stati lanciati proiettili contro la porta della sua abitazione, nel settembre e nel dicembre 2019.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie