Venerdì 10 Luglio 2020 | 17:57

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

 
Il caso
«Torre Quetta, rischio mafia la gestione torni al Comune»

«Torre Quetta a rischio mafia: la gestione torni al Comune»

 
La decisione
Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

 
Turismo
Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

 
Comunali
Conversano, corsa tra ex compagni di scuola: Loiacono sfida Lovascio

Conversano, corsa tra ex compagni di scuola: Loiacono sfida Lovascio

 
Via libera
Polignano, Costa Ripagnola: ok commissione a istituzione Parco

Polignano, Costa Ripagnola: ok commissione a istituzione Parco. La palla passa al Consiglio

 
Il caso
Terlizzi, «Lei è positivo». Ma è un errore. Incubo per un 45enne

Terlizzi, «Lei è positivo». Ma è un errore. Incubo per un 45enne

 
questa mattina
Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

 
Il caso
Bari, personale all’osso e in pericolo l’Anagrafe sul piede di guerra

Bari, personale all’osso e in pericolo: Anagrafe sul piede di guerra

 

Il Biancorosso

calcio
Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaEconomia
Basilicata, la Regione chiede 80 centesimi, Eni ne offre 20 a barile: scontro sul rinnovo

Basilicata, la Regione chiede 80 centesimi, Eni ne offre 20 a barile: scontro sul rinnovo

 
BariIl caso
Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

 
BrindisiPolitica
Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

 
MateraGiustizia
Matera, annullata la sentenza a 6 anni di reclusione

Matera, annullata la sentenza a 6 anni di reclusione

 
TarantoSanità
Taranto, al via campagna vaccinazione anti pneumococcica

Taranto, al via campagna vaccinazione anti pneumococcica

 
Foggiacontrolli Polizia locale
Vieste. vendita merce contraffatta sulle spiagge: allontanati 5 venditori ambulanti con Daspo

Vieste, vendita merce contraffatta in spiaggia: allontanati 5 ambulanti con Daspo

 
LecceVip in Puglia
Lecce, tra jogging e cenette nel cuore della città: Matt Dillon torna in vacanza nel Salento

Lecce, tra jogging e cenette nel cuore della città: Matt Dillon torna in vacanza nel Salento

 
BatNella Bat
Trinitapoli, scoperta maxi piantagione ci cannabis con oltre 3400 piante

Trinitapoli, scoperta maxi piantagione ci cannabis con oltre 3400 piante

 

i più letti

Viabilità

«Bretella» Bari-Mola sulla Statale 16: adesso l’accelerazione

Il progetto per decongestionare la Ss 16, via alle autorizzazioni

«Bretella» Bari-Mola sulla Statale 16: adesso l’accelerazione

BARI - «Bretella» Bari-Mola, chiusa la conferenza di servizi inizia la corsa contro il tempo verso l'indizione della gara d’appalto e la successiva realizzazione della preziosa opera. Archiviato il tempo del confronto e delle polemiche, adesso l'Anas ha un percorso alternativo alla Statale 16, nel tratto tra lo svincolo di Mungivacca del capoluogo e il territorio di Mola sul quale lavorare, con lo sguardo fissato sulla scadenza di fine 2021, data ultima per apporre la firma sul contratto da parte del vincitore del bando di gara, pena la perdita del finanziamento di 250 milioni di euro stanziato dal Cipe.

Avanti tutta quindi con la cosiddetta opzione C, la bretella a sei corsie che parte dalla tangenziale barese, taglia le campagne del capoluogo seguendo il percorso della futura ferrovia nazionale verso Sud, attraversa i territori di Triggiano e Noicattaro, per giungere a Mola dopo 17,5 chilometri, dove si ricongiunge alla Ss 16. Previsti 5 svincoli e 8 ulteriori opere tra ponti e sottopassi.

Si diceva del progetto contrassegnato con la «C»: era una delle tre ipotesi messe in campo dall'Anas, sulla quale Bari, Mola e Città Metropolitana hanno espresso parere favorevole fin da subito, osteggiata invece da Triggiano e Noicattaro, inizialmente determinate a sposare la proposta dell'allargamento da quattro a sei corsie dell'attuale carreggiata della Statale 16. Una strada, quest'ultima rivelatasi impercorribile anche a causa dell'elevato numero di demolizioni ed espropri richiesti, specie nel tratto che attraversa San Giorgio e Torre a Mare. Allo stesso modo, è stata scartata la proposta presentata in extremis dal sindaco di Noicattaro, Raimondo Innamorato, che prevedeva di fatto il raddoppio dell'opera (da 17 a 33 chilometri, facendola partire sempre da Bari per farla giungere a Polignano), la triplicazione dei costi (da 250 a 750 milioni, peraltro senza una copertura) e il coinvolgimento dei territori di altri due Comuni.

In ogni caso, ciascun municipio è stato invitato a fare rilievi, indicando correzioni utili al territorio di propria competenza, anche in termini di opere risarcitorie da ricevere in compensazione per l’utilizzo del suolo. L’unico adattamento effettuato interessa esclusivamente il territorio di Noicattaro con l’allontanamento del tracciato stradale dall’abitato, da Città giardino e da Parchitello (la distanza rispetto al percorso originario varia da 300 a mille metri). Bari, invece ha suggerito modifiche che tengono conto della futura costruzione del Polo della Giustizia sui suoli delle ex casermette a Carrassi. Alla Regione Puglia è toccato il compito di collettore e supervisore, con l'assessore alle Infrastrutture, Gianni Giannini, che alla fine è riuscito a contemperare i vari interessi, mettendo tutti d'accordo.
Definito l'iter della conferenza di servizi e il progetto una volta per tutte, adesso si dovrà procedere con i sondaggi lungo il percorso individuato, le richieste di pareri e autorizzazioni a livello ambientale e paesaggistico e la progettazione vera e propria, così da giungere alla firma dell’appalto, necessariamente entro fine 2021, per realizzare un’opera in cui «è preminente l’interesse pubblico rispetto agli interessi territoriali dei singoli Comuni», come hanno sottolineato i tecnici del Ministero nella relazione prodotta durante l'incontro romano di settembre scorso.
In particolare i tecnici ministeriali reputano che la variante che parte da Mungivacca per arrivare a Mola appaia «l’unica che risponda alle esigenze per la quale è stata inserita e finanziata nel programma nazionale Anas 2016 2020, ovvero idonea a risolvere problematiche relative a flussi di traffico di una grande via di comunicazione» (la Ss 16) che «ricade in un corridoio europeo Ten-T (reti trans europee di trasporto)», si legge nella relazione. Inoltre, «il tracciato in variante si sviluppa parallelamente alla ferrovia, andando a costituire un corridoio infrastrutturale gomma ferro che limita la frammentazione dei suoli».
Il tratto barese dell’arteria nazionale ha infatti da tempo raggiunto i limiti di guardia tanto da risultare, in base ai dati statistici, la strada con la più alta intensità di traffico (ed incidenti) d’Italia, rappresentando il punto di snodo dei flussi su gomma provenienti dalla dorsale adriatica sia verso il Salento sia verso la costa ionica e il resto del Sud della penisola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie