Lunedì 27 Gennaio 2020 | 00:24

NEWS DALLA SEZIONE

Aggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
L'allerta per il coronavirus
Barese appena tornato da Wuhan: «ecco cosa sta succedendo in Cina»

Barese appena tornato da Wuhan: «ecco cosa sta succedendo in Cina»

 
La storia
Da Molfetta «Nonna Maddalena» è la regina della pugliesità nel New Jersey

Da Molfetta «Nonna Maddalena» è la regina della pugliesità nel New Jersey

 
le dichiarazioni
Bari, parla collaboratore di giustizia: «Affiliato clan Strisciuglio fu ucciso per farlo tacere»

Bari, parla collaboratore di giustizia: «Affiliato clan Strisciuglio fu ucciso per farlo tacere»

 
nel Barese
Monopoli, picchiava 90enne: badante georgiano scarcerato, va ai domiciliari

Monopoli, picchiava 90enne: badante georgiano scarcerato, va ai domiciliari

 
nel Barese
Ruvo di Puglia, spacciavano marijuana in casa: arrestati due coniugi

Ruvo di Puglia, spacciavano marijuana in casa: arrestati due coniugi

 
donne e impresa
Bari, fatti a mano e zero sprechi: quando la moda è anche cultura

Bari, fatti a mano e zero sprechi: quando la moda è anche cultura

 
dalla polizia
Monopoli, razziavano supermercati: arrestati 3 georgiani

Monopoli, razziavano supermercati: arrestati 3 georgiani

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatESERCITO
Barletta, tutti di corsa per la "Toro Ten"1.300 partecipano alla gara con le stellette

Barletta, tutti di corsa per la «Toro Ten»
1.300 partecipano alla gara con le stellette

 
HomeLa tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
HomeAggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

dopo il restauro

Bari, riapre «San Gregorio»il tempio più antico della Bari bizantina

Sabato 30 la cerimonia con l’arcivescovo Cacucci

Bari, riapre «San Gregorio»il tempio più antico della Bari bizantina

BARI - In occasione della celebrazione dei Primi Vespri della I Domenica di Avvento, presieduti dall’arcivescovo di Bari e Bitonto Mons. Francesco Cacucci, si terrà sabato 30 a Bari, alle 17, il rito di riapertura della Chiesa di San Gregorio. Pubblichiamo qui di seguito una breve storia dell’edificio di culto.

Si è avvertita in questi ultimi anni a Bari la chiusura, per restauri, della chiesa di San Gregorio. Non solo per il suo valore artistico e storico: è senza dubbio il tempio cristiano più antico della città (il primo documento che ne attesti l’esistenza risale ai primi anni dell’XI secolo). Meglio: è il più antico ancora in alzato, dal momento che in questi ultimi decenni il sottosuolo della città ha restituito i resti di una decina di chiesette bizantine!
Ma se ne è avvertita la chiusura, anche perché San Gregorio è uno dei luoghi di culto cui sono legate tracce della tradizione popolare: da qui uscivano, negli anni dispari le statue dei Misteri, che durante la settimana della Passione sfilano per le strade di Bari, e che i baresi denominano vend’luse (portatrici di vento), in contrasto con quelle della Vallisa, che sono chiangiaminue (piagnone, portatrici di pioggia). Per me, personalmente, la chiesetta costituiva, da ultimo, grazie ai riti ortodossi che vi si svolgevano, uno squarcio di esotica antropologia cultuale.

Storicamente, la chiesetta è l’unica tra una serie di luoghi di culto bizantini, locati nello spazio del Catapanato, a non essere stata abbattuta per elevare la basilica da dedicare alla venerazione delle reliquie di San Nicola, giunte da Myra; come le altre scomparse, che erano intitolate a San Demetrio, Sant’Eustazio, Santa Sofia, San Basilio..., anche San Gregorio rievoca il culto di un santo orientale: quel Gregorio Illuminatore, santo armeno e vescovo di Cesarea, morto intorno all'anno 328, i cui resti – secondo la leggenda – furono portati in Puglia, a Nardò, dai cristiani armeni durante la persecuzione iconoclasta (il teschio è venerato a Napoli).

Secondo la storica dell’arte Pina Belli D’Elia, l’attuale edificio, proprietà degli Adralisto, nobile famiglia d’origine greca, è «frutto di una ricostruzione del XII secolo, seguita alla distruzione della città bel 1156»: la nota distruzione della Bari ribelle imposta dal normanno Guglielmo il Malo.

Ingannevole è oggi la sua bellezza «romanica»: come è spesso successo per molte chiese medievali pugliesi, anche San Gregorio ha subìto, tra il 1928 e il 1937, una cura «purificante», nel tentativo anacronistico di ricondurre l’edificio a un’origine medievale. Tant’è: anche così la basilichetta, con le sue tre navatelle, le tre absidi semicircolari che ornano lo spazio esterno, i capitelli di varie epoche e la monofora centrale coronata di piccole sculture..., si mostra nella sua accattivante semplicità. E senza dubbio, essa doveva fare da scenario suggestivo non solo per i tanti pellegrini in visita alla basilica di San Nicola, ma anche per i venditori e compratori della fiera che si svolgeva ogni anno nelle adiacenze, e per cui aveva derivato, già negli inizi del XIII secolo, il soprannome di San Gregorio «de Mercatello».

Come si è detto, l’azione «liberatrice» degli anni Venti e Trenta del ‘900, ha sgombrato l'interno della chiesetta dei suoi arredi sacri, dei possibili stucchi, e delle altre opere ritenute incongruenti con una facies medievale.
Solo, nell’interno, in controfacciata, resta un affresco raffigurante «Sant’Antonio», probabilmente risalente al '600, quando si procedette alla muratura delle due porticine laterali della facciata. Ma ben altro doveva contenere la chiesetta: come ha sostenuto Clara Gelao, resta traccia documentaria dell’esistenza di una statua raffigurante «Santa Lucia», con ogni probabilità opera di Stefano di Putignano, tra fine ‘400 e inizi ‘500. Sparita nel nulla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie