Lunedì 09 Dicembre 2019 | 11:56

NEWS DALLA SEZIONE

La cena del cuore
Metti una sera a cena con i bimbi autistici dietro i fornelli

Metti una sera a cena a Bari con i bimbi autistici dietro i fornelli

 
Blitz nella notte
Bari, sosta selvaggia per la movida: 50 multe nella zona Umbertina

Bari, sosta selvaggia per la movida: 50 multe nella zona Umbertina

 
L'iniziativa
Musica al Petruzzelli: ecco la Notte di San Nicola per i ragazzi

Bari, musica al Petruzzelli: ecco la Notte di San Nicola per i ragazzi

 
La manifestazione
«Bari non abbocca»: così il popolo delle sardine riempie piazza Libertà

«Bari non abbocca»: così il popolo delle sardine in piazza Libertà. 
Oltre 3mila persone per strada

 
La novità
Il Natale ad Altamura si accende con i dinosauri luccicanti

Il Natale ad Altamura si accende con i dinosauri luccicanti

 
Le festività
Natale 2019 a Bari: presentato il calendario, 250 iniziative in programma

Natale 2019 a Bari: presentato il calendario, 250 iniziative in programma

 
Call it a Crime of Pasta
Le orecchie delle signore di Bari Vecchia finiscono sul New York Times

Bari, le orecchiette «criminali» sul New York Times. I vigili: nessuna vessazione

 
L'intervista
Io, Donato Carrisi e il noir che non posso ambientare in Puglia

Io, Donato Carrisi e il noir che non posso ambientare in Puglia

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Il Bari aggancia il Potenza: la partita giocata in casa finisce 2-1

Il Bari aggancia il Potenza: il match finisce 2-1. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccenel Salento
Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

 
Batnordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
PotenzaLa tragedia
Scivola e cadendo parte un colpo dal suo fucile. Muore un cacciatore

Forenza, scivola e gli parte un colpo dal fucile: muore cacciatore

 
BariLa cena del cuore
Metti una sera a cena con i bimbi autistici dietro i fornelli

Metti una sera a cena a Bari con i bimbi autistici dietro i fornelli

 
HomeIl siderurgico
Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

La sentenza

Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

L'azienda condannata anche al risarcimento del danno nei confronti di Bello

Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

Per i frequentatori abituali del megastore barese di Feltrinelli, di via Melo 119, il suo volto è tra i più familiari. Giovanni Bello, genovese, classe 1969, è un classico direttore «operaio»: accanto alla sua attività direttoriale - tra gestione delle risorse umane, coordinamento del team, gestione del budget e quant’altro - era facile incontrarlo direttamente «sul campo», a sistemare libri e scaffali, o a dare una mano per qualcuno dei numerosi eventi organizzati. Proprio lui, che per molti di questi eventi, ne ha inventato e sostenuto il format: sin dal 2008, quando è stato chiamato a dirigere il megastore Feltrinelli di Bari, dopo aver guidato l’allora Ricordi Mediastore di Salerno (dal 2000 al 2006) e poi il Ricordi Mediastore della sua Genova (dal 2006 al 2008).

Eppure, dal novembre 2018 a tutt’oggi, Bello non lo si è più visto nella Feltrinelli di Bari. Il motivo? Un licenziamento in tronco, da parte dell’azienda, che aveva suscitato grande impressione. Un fulmine a ciel sereno che non lo ha fatto perdere d’animo, con un ricorso ufficiale, presentato il 28 dicembre 2018 al Tribunale di Bari. La ragione del licenziamento, secondo l’azienda, era da rinvenire in presunte irregolarità nella gestione delle turnazioni del personale del punto vendita, in regime di solidarietà.

La questione è stata prontamente contestata dal direttore, il quale si era persuaso ci fosse un equivoco, piuttosto che sospettare una sorta di «spoil system» all’interno dell’azienda. A nulla sono valse le spiegazioni di Bello, per dimostrare come la sua condotta fosse sempre stata corretta, improntata alla salvaguardia degli interessi aziendali, e giustificata dalla necessità di assicurare la continuità del servizio, a fronte di croniche carenze di personale. Il tutto in piena e trasparente sintonia con i vertici di Feltrinelli.

Adesso è arrivata una sentenza che ribalta tutto, depositata giovedì 12 settembre al Tribunale del Lavoro di Bari: il giudice Mario De Simone ha riconosciuto appieno le ragioni del lavoratore, dichiarando ingiusto il licenziamento disposto dalle Librerie Feltrinelli. E ordinandole di reintegrare Bello nel posto di lavoro dal quale era stato immeritatamente distolto. «E al pagamento di un’indennità risarcitoria - si legge nella sentenza - commisurata in 9 mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto». Oltre «al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali dal giorno del licenziamento fino a quello della effettiva reintegrazione, maggiorati degli interessi nella misura legale». Feltrinelli è anche stata condannata al pagamento delle spese legali per il difensore del direttore, l’avvocato Nicola Roberto Toscano. L’azienda, interrogata ieri telefonicamente dalla «Gazzetta», non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

Chi gli è vicino si augura che questa possa essere la fine di un incubo per Bello, che attende di essere reintegrato in servizio nel suo posto di lavoro, all’interno del punto vendita di Bari. Che è uno degli store più dinamici e frequentati d’Italia, grazie a una politica degli eventi condivisa con le istituzioni cittadine. In un luogo dove può accadere, in un pomeriggio qualunque (era il 27 novembre 2014), di veder duettare persino Francesco De Gregori e Checco Zalone, davanti a una marea umana. Con relativo video virale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie