Giovedì 12 Dicembre 2019 | 16:54

NEWS DALLA SEZIONE

la sentenza
Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

 
Il ricordo
Giornalisti: Fnsi, sabato omaggio a Megalizzi a Bari

Giornalisti: Fnsi, sabato omaggio a Megalizzi a Bari

 
il caso
Bari, «riparazioni fantasma»: inchiesta bis sull'Amtab

Bari, «riparazioni fantasma»: inchiesta bis sull'Amtab

 
Operazione della Gdf
Armi e droga dall’Albania: arresti e sequestri di beni a Bari

Armi e droga dall’Albania: 15 arresti e sequestri di beni per oltre 1mln di euro a Bari VD

 
Infortunio sul lavoro
Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

 
Zona industriale
Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

 
nel Barese
Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

 
truffa
Bari, cancellata condanna a ex primario Neurochirurgia, ma pagherà i danni

Bari, cancellata condanna a ex primario Neurochirurgia, ma pagherà i danni

 
nel Barese
Acquaviva delle Fonti, ospedale Miulli premiato per attenzione alle malattie delle donne

Puglia, a 13 ospedali il Bollino Rosa per attenzione a malattie delle donne

 
l'incontro
Alan Friedman a Bari: «Questa non è l'Italia»

Alan Friedman a Bari: «Questa non è l'Italia»

 
nel Barese
Bitetto, si autoaccusò di omicidio commesso dalla figlia: rischia 20 anni

Bitetto, si autoaccusò di omicidio commesso dalla figlia: rischia 20 anni

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaTecnologia
Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

 
TarantoSS Annunziata
Taranto, il 20 dicembre reparto intitolato a Nadia Toffa

Taranto, il 20 dicembre reparto intitolato a Nadia Toffa

 
Barila sentenza
Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

 
FoggiaNel Foggiano
San Severo, sorpresi a rubare ne cimitero: ladri messi in fuga

San Severo, sorpresi a rubare nel cimitero: ladri messi in fuga

 
Leccel'episodio la notte scorsa
Lecce, vandali nel presepe di Piazza Duomo: pupi mutilati e imbrattati

Lecce, vandali nel presepe di Piazza Duomo: pupi mutilati e imbrattati

 
Brindisidai carabinieri
Ceglie Messapica, in cantina ha 18 kg di sigarette di contrabbando: arrestato

Ceglie Messapica, in cantina ha 18 kg di sigarette di contrabbando: arrestato

 
Bat«chiavi della città»
Trani, soldi alla squadra in cambio di appalti: chiusa inchiesta, Giancaspro tra i 10 indagati

Trani, soldi alla squadra in cambio di appalti: chiusa inchiesta, Giancaspro tra i 10 indagati

 
Materanel Materano
Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

 

i più letti

Il caso

Bari, denuncia da Medicina legale: «Quanti corpi dimenticati»

La sorte dolente tocca a migranti, barboni, persone senza nome e detenuti

Bari, denuncia da Medicina legale: «Quanti corpi dimenticati»

BARI - Qualcuno è completamente solo al mondo. Qualcun altro, venuto in Italia cercando fortuna (invano), è deceduto senza che nel Paese d’origine i parenti sapessero nulla. A volte non hanno un nome. La certezza è che i casi di cadaveri «dimenticati» nell’Istituto di Medicina Legale dell’Università degli Studi di Bari sono in aumento. La vicenda della salma di un ex detenuto del carcere di Bari abbandonata da oltre un mese e mezzo in un macabro limbo, tra l’inchiesta aperta dalla Procura e una degna sepoltura che ancora non c’è (ne abbiamo riferito ieri), non è un caso isolato.

«Il fenomeno esiste - spiega il professor Franco Introna, direttore dell’Istituto - e tra l’altro crea non pochi problemi al nostro lavoro che già viene svolto quotidianamente tra mille difficoltà e con risorse sempre più risicate». Da un lato le esigenze della scienza e, soprattutto, quelle investigative di chi è chiamato a «leggere» i segnali che giungono da un corpo senza vita che può raccontare tanto sul perché del decesso e su chi può avere avuto delle responsabilità. Dall’altro il contraltare sociale, la finestra discreta e sommessa che si apre su persone sole, come fossero fantasmi. Sino alla morte. Anzi, anche oltre. «Delle 12 celle frigorifere a nostra disposizione, ormai usate ininterrottamente da 25 anni, un terzo è occupato da cadaveri “dimenticati”.

Brutto dirlo, me ne rendo conto, ma da noi purtroppo è così. Una volta giunte in istituto, le salme, dopo le autopsie, tornano a disposizione dei famigliari per le esequie. Ma in certi casi...». Già, come funziona, nel caso in cui nessuno rivendichi la salma? «Prima c’era la cosiddetta “sepoltura in povertà” - spiega Introna -. Un servizio di pompe funebri pubblico provvedeva alle esequie di chi, purtroppo, era completamente solo al mondo. Pensiamo ai clandestini, in passato abbiamo avuto tanti casi di questo tipo. Adesso, soprattutto a causa della mancanza di fondi, questa possibilità è sempre più ridotta e assicurare la pietà, a volte, diventa più complicato. La nostra non è solo un’attività importante da un punto di vista medico legale, scientifico e investigativo, ma anche sociale». Ovvio che non possano rimanere per sempre lì. Oltre un certo tempo, la strada della sepoltura è obbligata anche per il rischio di decomposizione.

Tra questi cadaveri dimenticati, c’è anche quello di Sabino Di Fronzo, 61 anni, di Triggiano, detenuto nel carcere di Bari e poi trasferito al Policlinico. Nel macabro limbo in cui si trova, l’unico parente a voler fare luce è un anziano zio materno. L’Autorità giudiziaria ha bloccato il rilascio della salma, ma non ha ancora disposto l’autopsia. La conseguenza è che il corpo senza vita dell’uomo si trova a Medicina Legale dal 21 giugno. A chiedere che venga acceso una luce c’è il parente che ha presentato un esposto al posto di Polizia di Stato all’interno del nosocomio barese. Un fascicolo è stato aperto dalla magistratura. Al momento, a quanto pare, è a carico di ignoti. Il pm Ignazio Abbadessa ha disposto il sequestro delle cartelle cliniche in ospedale, il sequestro del diario clinico in carcere e ha delegato la Polizia di Stato a sentire l’anziano zio della vittima che con il suo esposto ha dato il via agli accertamenti. Verifiche che, al momento, non contemplano però l’autopsia. Così Di Fronzo resta tra color che son sospesi, in una delle 12 celle frigorifere buie e fredde di Medicina Legale. Uno dei numerosi casi di «cadaveri dimenticati». Storie di vite difficili di chi neanche dopo la morte riesce a trovare pace.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie