Domenica 01 Novembre 2020 | 02:31

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
A Cellamare per Halloween niente dolcetto né scherzetto: la decisione del sindaco

A Cellamare per Halloween niente dolcetto né scherzetto: la decisione del sindaco

 
Le dichiarazioni
Bari, la virologa Chironna: «Covid più vivo che mai, durerà anni»

Bari, la virologa Chironna: «Covid più vivo che mai, durerà anni»

 
La decisione
«Ikea Bari, troppi 1700 clienti nel punto vendita»: domani sciopero

«Ikea Bari, troppi 1700 clienti nel punto vendita»: domani sciopero

 
L'iniziativa
A Bari in arrivo droni e satelliti per monitorare la città

A Bari in arrivo droni e satelliti per monitorare la città

 
controlli antidroga
Palo del Colle, droga nel water all'arrivo dei CC: 25enne in manette

Palo del Colle, droga nel water all'arrivo dei CC: 25enne in manette

 
L'idea
Acquaviva, un pranzo in piazza contro la paura del Covid: l'iniziativa del 1 novembre

Acquaviva, un pranzo in piazza contro la paura del Covid: l'iniziativa del 1 novembre

 
Il processo
Popolare Bari, tentò tutela azionisti: Longo esce dall'inchiesta

Popolare Bari, tentò tutela azionisti: Longo esce dall'inchiesta

 
screening coronavirus
Bari, da lunedì test sierologici gratuiti per 400 dipendenti Politecnico

Bari, da lunedì test sierologici gratuiti per 400 dipendenti Politecnico

 
LA CURIOSITÀ
Calcio Bari, il portiere Gianmarco Fiory diventa re del gossip

Calcio Bari, il portiere Gianmarco Fiory diventa re del gossip

 
strappa e fuggi
Bari, deruba passeggero sull'autobus e lo minaccia: arrestato 50enne di Gravina

Bari, deruba passeggero sull'autobus e lo minaccia: arrestato 50enne di Gravina

 
Il caso
Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, striscione con sfottò prima della trasferta-derby contro il Foggia alla Zaccheria

Bari, striscione con sfottò prima della trasferta-derby contro il Foggia allo Zaccheria

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Basilicata, auto in fiamme a Palazzo San Gervasio

Basilicata, auto in fiamme a Palazzo San Gervasio

 
LecceIl caso
Lecce, maxi furto di profumi per 14mila euro, incastrata la banda di foggiani

Lecce, maxi furto di profumi per 14mila euro, incastrata la banda di foggiani

 
FoggiaLa novità
Nasce a Cerignola il primo centro di trasformazione della canapa

Nasce a Cerignola il primo centro di trasformazione della canapa

 
BatIncidente sul lavoro
Scontro tra due auto sulla A14 tra Andria e Canosa in direzione Pescara

Scontro tra due auto sulla A14 tra Andria e Canosa in direzione Pescara

 
BariIl caso
A Cellamare per Halloween niente dolcetto né scherzetto: la decisione del sindaco

A Cellamare per Halloween niente dolcetto né scherzetto: la decisione del sindaco

 
Tarantointervento dei CC
Taranto, lite condominiale finisce a coltellate: due denunciati

Taranto, lite condominiale per musica troppo alta finisce a coltellate: due denunciati

 
BrindisiControlli dei CC
Ceglie Messapica, ruba guanti e igienizzante nella struttura sanitaria dove lavora: nei guai un 54enne

Ceglie Messapica, ruba guanti e igienizzante nella struttura sanitaria dove lavora: nei guai un 54enne

 
MateraEmergenza contagi
Matera, monaci positivi Covid: chiuso santuario di Maria Santissima di Picciano

Matera, monaci positivi Covid: chiuso santuario di Maria Santissima di Picciano

 

i più letti

Operazione della GdF

Ospedale Molfetta, arrestati 12 furbetti del cartellino, 300 episodi accertati. Emiliano: è il posto che si meritano

Ci sono 30 indagati in tutto tra cui paramedici, impiegati amministrativi e tecnici

Ospedale Molfetta, arrestati 12 furbetti del cartellino, anche dirigenti

È di 30 indagati, di cui 12 arrestati e uno con obbligo di dimora, il bilancio di una indagine della Guardia di finanza conclusa oggi che ha svelato un sistema di fraudolenta solidarietà per timbrare il cartellino per assentarsi dal lavoro durante l’orario di servizio all’Ospedale «Don Tonino Bello» di Molfetta (Bari). Tra gli indagati figurano dirigenti medici, personale paramedico, impiegati amministrativi, tecnici manutentori nonché un soggetto esterno all’Azienda Sanitaria Locale.

I reati contestati, a vario titolo, sono truffa aggravata ai danni di Ente Pubblico, Falsità ideologica commessa da Pubblico Ufficiale, Abuso d’ufficio e Peculato. E’ durata due anni l’indagine «Quinto Piano» della Guardia di Finanza. 

Gli arrestati e le accuse per tutti gli indagati

Cinque medici, una caposala, una infermiera professionale, diciassette impiegati amministrativi, cinque impiegati tecnici manutentori e uno esterno alla Asl: tutti rispondono a vario titolo di truffa aggravata ai danni di ente pubblico, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, abuso d’ufficio e peculato.

I provvedimenti sono stati notificati a Molfetta, Giovinazzo, Bisceglie, Barletta e Foggia. Per Marco Bellapianta, Salvatore Boccanegra, Raffaele Croce, Francesco Saverio De Bari, Francesco Dimiccoli, Vincenza Farinola, Giovanni Gadaleta (classe 1955), Luigi La Forgia, Demetrio Losciale, Piccininni Giuseppe, Sgherza Isabellangela, Filomena Squeo sono scattati gli arresti domiciliari.

Abusavano delle legge 104/92

Le Fiamme gialle avrebbero accertato sistematiche assenze dal luogo di lavoro in orario di ufficio, spesso autorizzate da permessi sindacali o da Legge 104/92 ma usate per svolgere attività in altre strutture o per motivi privati, anche utilizzando le auto di servizio. In qualche caso è stata constatata la collaborazione di un soggetto esterno alla Asl il quale si presentava per «smarcare» ai rilevatori la presenza, timbrando cartellini illecitamente.

Si assentavano anche alcuni impiegati dell’Ufficio rilevazioni presenze e assenze addetti al controllo del corretto rispetto dell’orario di lavoro di tutti gli altri dipendenti che, approfittando della possibilità di accedere al sistema informatico, modificavano manualmente e fraudolentemente gli orari di lavoro.

L'Asl: se possibile, saranno licenziati

La direzione generale dell’Asl di Bari "ha offerto, e continuerà ad offrire, massima collaborazione alle Autorità Giudiziarie competenti, e assicura la massima celerità nell’apertura dei procedimenti disciplinari previsti per legge e nella sospensione cautelare dal servizio prevista dalla legge a carico di tutti coloro che hanno abusato della loro qualità di dipendenti pubblici». Così il dg dell’Asl di Bari, Antonio Sanguedolce, commenta in una nota l’inchiesta e gli arresti per i casi di assenteismo all’Ospedale di Molfetta.

«L'Asl di Bari licenzierà senza indugio i dipendenti interessati dalla vicenda», prosegue la nota, «se i fatti contestati dalla Procura di Trani dovessero essere confermati nelle modalità previste dalla legge». «In questi casi - spiega la nota - la legge (art. 55 quater del d.lgs 165/2001 e s.m.i) oltre alla sospensione cautelare dal servizio prevede anche il licenziamento disciplinare per tutti coloro che hanno falsato l'attestazione della presenza in servizio, e della violazione risponde anche chi abbia agevolato con la propria condotta attiva o omissiva la predetta condotta fraudolenta».

Emiliano: è il posto che meritano

«Noi abbiamo collaborato con la Guardia di Finanza, li abbiamo fatti arrestare e siamo contenti che siano finiti in galera perché quello è il posto che si meritano». Lo ha detto il Presidente della Regione, Michele Emiliano, in relazione alla notizia del blitz di questa mattina, a margine di un incontro che aveva per oggetto la riorganizzazione dei servizi assistenziali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie