Martedì 26 Gennaio 2021 | 13:52

NEWS DALLA SEZIONE

Regione
La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

 
Il caso
Acquaviva, madre e figlio nascondevano droga in garage: arrestati

Acquaviva, madre e figlio nascondevano droga in garage: arrestati

 
L'intervista
Bari, parla il neoarcivescovo Satriano: «Il rinascimento di Bari e l’apertura alle culture»

Bari, parla il neoarcivescovo Satriano: «Il rinascimento di Bari e l’apertura alle culture»

 
La curiosità
Bitetto, baby genio della storia dell’arte: a 11 anni sa già tutto di Leonardo

Bitetto, baby genio della storia dell’arte: a 11 anni sa già tutto di Leonardo

 
L'emergenza
Coronavirus, mancano bagni e studi medici: ritarda l’ospedale in Fiera a Bari

Coronavirus, mancano bagni e studi medici: ritarda l’ospedale in Fiera a Bari

 
I retroscena
Bari, coppie che scoppiano per colpa del Covid 19: tra gli effetti della clausura

Bari, coppie che scoppiano per colpa del Covid 19: gli effetti della clausura

 
la tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si indaga per istigazione al suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
indagini della DDa
bari, guerra clan a Japigia: chieste 26 condanne, ergastoli per 2 omicidi

Bari, guerra clan a Japigia: chieste 26 condanne, ergastoli per 2 omicidi

 
nel Barese
Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

 
Il furto
Molfetta, a 16 anni ruba 2 smartphone da un negozio di elettronica: arrestato

Molfetta, a 16 anni ruba 2 smartphone da un negozio di elettronica: arrestato

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'indagine
Guardia di finanza sequestra beni a ex Presidente Ordine Avvocati di Taranto

Guardia di finanza sequestra beni a ex Presidente Ordine Avvocati di Taranto

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 60 nuovi positivi e 4 decessi

Coronavirus in Basilicata, 60 nuovi positivi e 4 decessi

 
BariRegione
La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

 
FoggiaIl furto
Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

 
BrindisiAgroalimentare
Carciofo brindisino, allarme Coldiretti: «Prezzi in crollo verticale»

Carciofo brindisino, allarme Coldiretti: «Prezzi in crollo verticale»

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

I controlli della Gdf

Bari, blitz in 2 società del gruppo Fusillo: indagati 4 imprenditori

Gli imprenditori avrebbero ceduto le partecipazioni in società del settore turistico che le due aziende ammesse al piano di concordato detenevano, ad altre società a loro stessi riconducibili e non interessate dalla procedura fallimentare

Guardia di Finanza

Guardia di Finanza

BARI - Perquisizioni della Guardia di Finanza sono scattate negli uffici delle società Fimco Spa e Maiora Group Spa, con sede legale e amministrativa a Noci, e nella sede della direzione generale della Banca Popolare di Bari, nell’ambito di una inchiesta della Procura, coordinata dal procuratore aggiunto Roberto Rossi e dal sostituto Lanfranco Marazia. Almeno 4 imprenditori risultano indagati in questa inchiesta, avviata a seguito delle procedure di concordato preventivo alle quali le due società sono sottoposte dopo una istanza di fallimento, presentata nel febbraio scorso da parte di una società con sede a Malta.
I reati di bancarotta e autoriciclaggio, contestati a vario titolo ai 4 imprenditori, riguardano p resunte operazioni di distrazione e dissipazione di cespiti immobiliari, complessi aziendali e partecipazioni societarie, di rilevante valore economico, relative a strutture turistiche della provincia di Bari, in favore di altre società correlate, non soggette a procedura fallimentare e riconducibili agli stessi imprenditori indagati.
Le indagini della Guardia di Finanza «hanno consentito di far emergere - spiega la Procura - il ruolo della Banca Popolare di Bari quale principale creditore delle imprese sottoposte a procedura concorsuale, risultate esposte con l’istituto di credito per una cifra di poco inferiore ai 140 mili oni di euro, a seguito delle ingenti linee di credito elargite negli anni». 


Gli imprenditori - Emanuele, Vito, Giovanni e Giacomo Fusillo (i primi tre soci e amministratori di Fimco Spa e Maiora Group Spa di Noci) e Giacomo, figlio di Vito, amministratore delegato delle due società - tra dicembre 2016 e luglio 2018 avrebbero dissipato complessi aziendali e partecipazioni societarie tra cui due rami d’azienda costituiti da uno stabilimento balneare in località Losciale a Monopoli e l'Hotel Cala Ponte di Polignano, in favore della società correlata Soiget Srl.
Stando alle indagini della Guardia di Finanza di Bari, coordinate dalla Procura, il 100% del capitale della Soiget sarebbe poi stato dismesso in favore di Giacomo Fusillo e, ancora, il 100% del capitale della Logistica Sud srl sarebbe stato ceduto in favore del fondo 'Kant Capital Fund strategic Business Unit PCC Limited’con sede a Gibilterra.
Per queste condotte ai quattro imprenditori viene contestato il reato di bancarotta fraudolenta. Giacomo Fusillo risponde anche di autoriciclaggio, accusato di aver trasferito il 100% del capitale di Soiget srl - che sfrutta la distrazione di beni dalla Fimco spa - «nella società unipersonale Sesto Elemento srl in modo da ostacolare - si legge nell’imputazione - l'identificazione della provenienza delittuosa». Giacomo Fusillo detiene l’intero capitale di quest’ultima azienda.

Crac società Fusillo:da BPB prestiti a società in concordato

La Banca Popolare di Bari, nonostante fosse creditrice di oltre 100 milioni di euro dalle società Fimco e Maiora del gruppo Fusillo, in procedura di concordato preventivo, nel marzo 2019 avrebbe erogato in loro favore nuova finanza per circa 40 milioni di euro, rinunciando anche a più di 80 milioni di euro di crediti vantati.
Questi particolari relativi alle linee di credito concesse dal 2010 all’attualità alle società del gruppo Fusillo di Noci da parte dell’istituto di credito barese, sono ora oggetto di accertamenti da parte della Guardia di Finanza che, su disposizione della Procura, ha eseguito oggi perquisizioni nella sede della direzione generale della Banca. Le perquisizioni sono state disposte nell’ambito di una indagine per bancarotta fraudolenta a carico degli imprenditori Fusillo e che ha portato i finanzieri anche nelle sedi di sette società collegate al gruppo e nelle abitazioni degli indagati.
«Dalle istanze di ammissione al concordato preventivo presentate da Fimco e Maiora, - si legge nel decreto - si evince da un lato l’ingente esposizione debitoria del gruppo Fusillo nei confronti di Banca Popolare di Bari, dall’altro la disponibilità» dell’istituto di credito «a sostenere finanziariament e il piano di risanamento in corso di redazione, mediante l’erogazione di nuova finanza». I finanzieri hanno acquisito documentazione per accertare i rapporti tra la Banca e il gruppo. 

Crac società Fusillo: anche hotel di lusso tra beni ceduti

Ci sono anche le cessioni dei complessi turistico alberghieri di lusso come 'La Peschiera' e 'Il Melograno' di Monopoli e l’edificio dell’ex hotel Ambasciatori di Bari nelle operazioni sospette che, secondo la Guardia di Finanza di Bari, avrebbero portato al dissesto delle società Fimco e Maiora del gruppo Fusillo di Noci. I particolari delle cessioni di rami d’azienda e presunte svendite di complessi immobiliari, sono contenuti nel decreto di perquisizione notificato oggi ai quattro imprenditori Emanuele, Vito, Giovanni e Giacomo Fusillo, indagati a vario titolo per bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio.
L’ipotesi dei finanzieri, coordinati dalla Procura di Bari, è che i capitali delle due società siano stati interamente dissipati a favore di altre società del gruppo, a loro volta poi cedute o svendute. Nel caso di Fimco, il capitale sarebbe stato distratto confluendo nelle case della società Soiget, le cui quote sarebbero poi state interamente cedute alla Sesto elemento di Giacomo Fusillo. «Giova rammentare -si legge nel decreto - che trattasi di una partecipazione dall’indubbio valore strategico ed economico atteso che tale società vanta la proprietà e la gestione operativa di due complessi immobiliari di assoluto prestigio ed elevata redditività, costituiti dei complessi turistico alberghieri 'La Peschiera' e 'Il Melograno', rinomati resort di lusso ubicati sulla costa dell’entroterra di Monopoli».
Con riferimento alla società Maiora, i beni sarebbero stati distratti in favore della Logistica Su d e da qui in un Fondo con sede a Gibilterra. «Desta forti sospetti - scrive la Procura - la circostanza che la dismissione della partecipazione in Logistica Sud effettuata nel dicembre 2016 abbia di fatto comportato la fuoriuscita dal perimetro patrimoniale della controllante Maiora di un cespite immobiliare di ragguardevole valore, rappresentato dall’edificio ex Hotel Ambasciatori, oggetto di trasformazione in unità immobiliari ad uso residenziale e commerciale».

BPB: «Mai aderito a piano di risanamento» 

«La Banca Popolare di Bari precisa di non aver mai aderito al piano di risanamento presentato dal Gruppo Fusillo né tantomeno aver accordato nell’ambito del citato piano, alcuna nuova linea di credito alle società facenti parte del Gruppo». Lo rende noto un comunicato dell’istituto.
«La Banca, nel confermare la correttezza del proprio operato, ricorda di non essere indagata nel procedimento penale in corso ed ha fornito la più ampia collaborazione all’Autorità giudiziaria al fine di soddisfare le richieste di documentazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie